99 Posse

99 Posse: ultimi video musicali

Stop That Train

Video Musicali

Sfumature

Video Musicali

Comuntwist

Video Musicali

Corto Circuito

Video Musicali

Non C'è Tempo

Video Musicali

Amerika

Video Musicali

Me Siente?

Video Musicali

L'Anguilla

Video Musicali

99 Posse

Denunce. Antagonismo. Autoproduzione. Dischi a prezzo politico. Nessun compromesso. Forse è “vivere una vita che per altri è assurdità”. Per i 99 Posse è “la cosa giusta” perché “l'ha detto quel calore che ti brucia in petto”, un “odio mosso da amore”.
Il centro sociale autogestito Officina 99 apre il 10 Maggio del 1991 e il 9 Ottobre dello stesso anno nasce la 99 Posse come diretta espressione delle nuove culture metropolitane. E' la musica il mezzo potente con cui esprimere il disagio e il dissenso.
“Rafaniello” e “Salario Garantito”, i primi storici singoli, non aprono solo la strada al rap e ragamuffin italiano, spesso cantato in dialetto napoletano, perché l'identità passa per la conservazione della diversità e delle tradizioni e non vuole piegarsi all'omologazione. Aprono anche la strada alla musica militante e di opposizione, ai testi che parlano del reale, del politico, del quotidiano.
Dopo i primi 2 singoli nel 1992 comincia la collaborazione stretta e dinamica con gli altri due gruppi della scena napoletana, Bisca e Almamegretta, con il singolo "Sott'Attacco Dell'Idiozia" che segna la nascita del supergruppo Bisca99Posse che nei due anni successivi girerà l'Italia con oltre 200 date arrivando a picchi di 15mila spettatori del 1994.
Nel 1993 la 99 Posse pubblica il primo album autoprodotto, “Curre Curre Guagliò”, un disco che riafferma l'orgoglio dell'appartenenza alla propria storia e alla propria lingua e che sancisce il ritorno al legame tra arte e realtà sociale. Gabriele Salvatores, fresco premio Oscar, lo sceglie come colonna sonora per il suo film di denuncia e l'album diventa il manifesto generazionale dei giovani dei centri sociali.
“Incredibile Opposizione Tour 94” è il doppio cd live che racconta dei due anni precendenti passati a stretto contatto con il loro pubblico ma il 1994 è soprattutto l'anno di nascita dell'etichetta discografica Novenove, che da quell'anno lavora in totale indipendenza per dare voce a quegli artisti che altrimenti non troverebbero davanti a se altro che un muro di gomma ( RadioGladio, Speaker Cenzou, Balaperdida, tanto per fare qualche nome tra quelli prodotti). Nessun dubbio sulle intenzioni: il primo album prodotto è la compilation "Cantanapoli antifascista" che riunisce dieci gruppi tra i più interessanti di Napoli.
Intransigenti nel manifestare il loro dissenso sempre in prima linea, i 99 Posse non accettano sconti sull'altissimo prezzo da pagare per la loro militanza e libertà, come testimonia la lunghissima lista di reati contestati nel corso degli anni: oltraggio, resistenza, violenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale, vilipendio delle forze dell'ordine, istigazione a delinquere, occupazione abusiva, manifestazione non autorizzata, blocco stradale, furto aggravato, danneggiamenti, imbrattamenti, concerti abusivi, detenzione e spaccio, rissa, associazione a delinquere.
Un impegno che non abbassa la guardia nemmeno quando nel 1995 l'album “Guai A Chi Ci Tocca” segna la fine dell'esperienza comune con i Bisca. Nella rinnovata dimensione autonoma i 99 Posse pubblicano l'album “Cerco Tiempo” capace di vendere nel mercato underground italiano la bellezza di 80mila copie, che raddoppiano nel 1998 con “Corto Circuito”, disc Gruppo dinamico per definizione e statuto, inafferrabili e non etichettabili, in quegli anni i 99 Posse arrivano anche a consolidare la loro formazione che ormai ruota attorno a 'o Zulù (Luca Persico), vocalist e frontman, alla vocalist Meg (Maria Di Donna), a Kaya Pezz8 (Marco Messina) al campionatore, a JRM (Massimo Jovine) al basso e a Sacha Ricci alle tastiere.
Ormai i 99 Posse sono usciti dal circuito alternativo e hanno conquistato una forte visibilità a carattere nazionale, tanto che la loro presenza sui media è quasi quotidiana, ma le radici rimangono forti e salde negli ambienti della controcultura urbana e non cambiano il loro rapporto con il pubblico, quello con la dimensione politica del fare musica e la loro spinta alla continua sperimentazione sonora e l'album “La vida Que Vendrà” del 2000 ne è la prova più tangibile, così come il remix affidato ai navigatori della Rete del brano “Comincia Adesso”, reso poi disponibile online.
Nello stesso 2001 i 99 Posse si guardano alle spalle facendo un riassunto di 10 anni di musica e impegno con il doppio cd “NA_99_10°”, 28 brani per un totale di 146 minuti di musica che raccolgono 2 inediti (tra cui "Amerika", un brano invettiva nei confronti degli Stati Uniti, a cui fa seguito un videoclip la cui regia è curata de Enrico Grezzi), 3 rimasterizzazioni, 8 live oltre a 15 remix di alcuni dei più famosi brani della Posse, album cui segue un breve tour che parte da Torino e si conclude in un grande concerto gratuito in Piazzale Tecchi a Napoli.
E con la forza dei 10 anni di attività i 99 Posse decidono di prendersi un periodo di "vacanza" dedicandosi a progetti alternativi. Marco lavora al progetto "Resina" e cura con Meg la colonna dello spettacolo teatrale "La Tempesta". Da questo progetto nascono i "Nous", un disco all'attivo e una tourneè con la partecipazione di Alessandro Quintavalle. Parallelamente anche JRM lavora al progetto di "Dr. Cat Experience" insieme a Claudio Marino. Zulu non resta fermo e oltre al libro "Cartoline Zapatiste" si cimenta, insieme a PapaJ e Neil Perch nel progetto di "Al Mukawama".