Andrea Corr

Andrea Corr

La voce dei The Coors ci prova da sola.
C'erano una volta i The Coors. E ci sono tuttora anche se è da molto che non se ne sente più parlare. Probabilmente per questa ragione Andrea Corr voce e front-girl della band ha deciso di camminare con le proprie gambe e di pubblicare un primo lavoro da solista. Nasce il 17 maggio 1974 a Dundalk, Co .Louth, in Irlanda. Ultima figlia di una numerosa famiglia, decide anche lei di seguire le orme del padre musicista e con tutti i suoi fratelli inizia precoce a suonare prima il pianoforte, e poi il tin whistle. Andrea è la migliore studentessa della famiglia, e dimostra anche una predilezione per la recitazione e il canto. Quando ha solo 15 anni inizia il progetto di famiglia The Corrs, ed Andrea ricopre fin da subito il ruolo di cantante, rinunciando in parte per impegni "discografici" ad una normale adolescenza. Infatti Andrea prende subito seriamente la sua parte e si dedica caparbiamente alla stesura dei testi e alle melodie vocali di gran parte dei brani. Andrea è oltre che un'ottima contante anche un personaggio: nota è la sua abitudine di esibirsi scalza durante i concerti. Nel 1998 presta la voce alla protagonista di un film di animazione. È così che si avvicina al mondo del cinema. I riconoscimenti musicali per il suo lavoro e quella della band arrivano copiosi. Sempre nel 1998 partecipa al Pavarotti and Friends e si esibisce proprio con il grande tenore, oltre che con l'artista di fama mondiale Celine Dion, per la quale suona il tin whistle nel più celebre brano della cantante. Nel 1999 si aggiudica il premio come miglior cantante agli Heineken Hot Press Music Awards, oltre a due nomination come miglior artista irlandese nel 2002 agli IRMA Music Awards e miglior cantante agli Hot Press Music Awards. Sempre in quell'anno decide di dedicarsi con dedizione alla sua carriera cinematografica, ottenendo anche la parte da protagonista nel film The Boys& Girl From Country Clare. Nel 2003 si esibisce duettando con Mick Jagger in occasione della data irlandese dei Rolling Stone, e nel novembre dello stesso anno partecipa al concerto 46664 organizzato da Nelson Mandela per la lotta all'AIDS. Nel 2005 la band si prende una lunga pausa per dedicarsi alle rispettiva famiglie, ma la voglia di Andrea di fare musica è la priorità più forte. Proprio per questo accetta la proposta della casa discografica di pubblicare un album solista. "Ten Feet High" esce nel giugno 2007 prodotto da Nellee Hooper per Atlantic Records, 13 tracce di puro celtic rock che confermano Andrea come la vera anima compositiva della vecchia band, oltre che una delle migliori artiste irlandesi in circolazione.