Anthrax

Anthrax

Il (thrash) metal siamo noi.
Gli Anthrax sono tra i principali responsabili della diffusione di speed e thrash metal, quasi alla pari di altri gruppi più blasonati - leggi Metallica e Megadeth. Ma a differenza di questi non si sono presi sempre troppo sul serio anzi, sono stati capaci di stemperare la loro musica con una buona dose di ironia e realismo.
Soprattutto nei loro primi album gli Anthrax contribuiscono a creare un nuovo sottogenere dell'heavy metal semplicemente combinando la velocità e la rabbia dell'hardcore punk con le chitarre e le voci del metal.
Merito soprattutto di Scott Ian e Dan Spitz, una formidabile coppia di chitarristi capace di lanciarsi in illuminanti riff e lunghi assoli senza mai risultare sopra le righe. Nati a New York nel 1981, è solo dopo il primo album ("Fistful Of Metal") che i 2 membri più rappresentativi - il cantante Joey Belladonna e il bassista Frank Bello - entrano nel gruppo. Con l'ingresso del non convenzionale Belladonna la band si scuote di dosso molti dei cliché tipici del mondo del metal e la sua reputazione cresce disco dopo disco, tanto che al quinto album azzeccato – con l'eccezione di "State Of Euphoria" – il nome del gruppo diventa quasi sinonimo di speed metal.
Negli anni '90 gli Anthrax sperimentano sempre più la fusione con l'hip hop – in anticipo di anni sul nu metal - che culmina in un tour con i Public Enemy nel 1991 e una reincisione di "Bring The Noise", classicissimo brano hip hop della crew di Chuck D e Flavor Flav.
Nonostante tutto Belladonna viene estromesso dal gruppo nel 1992, un esclusione che sancisce la fine del periodo d'oro degli Anthrax e l'inizio di un nuovo corso. Il frontman viene rimpiazzato dal più aspro John Bush, ex vocalist degli Armored Saint. Con questo cambiamento il sound degli Anthrax diventa un pò meno originale e di conseguenza il loro pubblico si assottiglia. Il nuovo contratto con la Elektra si esaurisce nel giro di 2 album ("Sound Of White Noise" e "Stomp 442") a causa dello scarso appeal esercitato sui fan e dell'esiguo numero di copie vendute dalla band, ormai in forte declino. Nel 1995, i 4 membri superstiti del gruppo (Ian, Bello, Bush e il batterista Charlie Benante) si costruiscono un proprio studio di registrazione a Yonkers (New York) dove hanno la possibilità di riorganizzare le idee e preparare con tutta calma un rientro sulle scene degno del loro nome.
È infatti un gruppo rivitalizzato e artisticamente ritrovato quello che nel 1998 pubblica "The Threat Is Real, Vol. 8" per la label Instinct, la stessa che li aveva lanciati nel decennio precedente.
Con l'ingresso del chitarrista Rob Caggiano, che esordisce con l'album "We've Come For You All", la band guadagna in incisività, forza d'urto e quella credibilità che li restituisce, almeno in parte, agli antichi fasti.
Nel 2004 viene pubblicato "Music Of Mass Destruction: Live From Chicago", cd tratto da un infuocato concerto che la band tenne a Chicago l'anno precedente, e "The Greater Of Two Evils", una raccolta tutta particolare perché la tracklist è stilata in base alle preferenze espresse dai fan.
La band si riunisce nuovamente nel 2005 per il Gods Of Metal, un evento live tipicamente italiano e tra i più importanti d'Europa a cui partecipano band storiche come Motley Crue, Slayer e Iron Maiden: durante la due giorni di Bologna (11 e 12 giugno) gli Anthrax si esibiscono con la stessa formazione di "Among The Living", il disco uscito nel 1987 che rimane il più venduto e acclamato della band.