50 CENT

Genere: Rap & Hip Hop 50 CENT

Benvenuti 'in da club'.
Snoop Dogg, Eminem, Dr Dre e tutti i membri del circolo dei numeri uno hanno l'onore di accogliere tra le loro esclusive mura il nuovo figlioccio: 50 Cent, uno col pedigree.
Nato a NYC il 6 Giugno 1976 nel quartiere South Jamaica del Queens (una delle zone più [... continua]

Condividi su: Facebook
 

50 CENT: La biografia

Benvenuti 'in da club'.
Snoop Dogg, Eminem, Dr Dre e tutti i membri del circolo dei numeri uno hanno l'onore di accogliere tra le loro esclusive mura il nuovo figlioccio: 50 Cent, uno col pedigree.
Nato a NYC il 6 Giugno 1976 nel quartiere South Jamaica del Queens (una delle zone più violente della Grande Mela) il rapper hardcore registrato all'anagrafe col nome di Curtis Jackson è una felice sintesi di ghetto e marketing, rime e muscoli, finzione e realtà. Il suo curriculum però parla molto chiaro: non ha mai conosciuto il padre (e non intende conoscerlo) e la madre Sabrina, spacciatrice di cocaina, viene ammazzata quando lui ha appena 8 anni. Con queste premesse Curtis ha un'infanzia a dir poco problematica, vende crack nelle strade e non riesce a stare lontano dei guai per più di qualche settimana. Tanto che viene il dubbio che la sua vita non valga veramente un cent bucato: nel 2000, ad esempio, viene raggiunto da nove proiettili (di cui uno dritto in faccia) sparati da una pistola calibro 9; o per citarne un'altra, la sera del 31 dicembre 2002 viene arrestato mentre si sta recando a un'esibizione in un club di New York: sulla sua auto blindata la polizia rinviene due armi da fuoco cariche. O almeno così narra la leggenda.
Molti lo vedono come la prossima vittima sacrificale del rap game, ma a lui non importa. Se gli chiedete dove sarà tra cinque anni lui, spiazzandovi, vi risponde che ha intenzione di investire nell'edilizia perché vuole costruire qualcosa di solido. Diventa ricco o muori provandoci: "Get rich Or Die Tryin'", questo il '50-Cent-pensiero', come recita anche l'album che gli ha fatto scalare le charts americane.
Scoperto da Jam Master Jay, Curtis Jackson debutta nel musicbiz nel 1999 catturando l'attenzione per le rime intelligenti ma anche per il modo inconfondibile di presentarsi: tatuaggi su ogni parte del corpo, fisico bestiale, la faccia di uno che non ha paura di niente. La sua comparsa nel circuito del rap avviene sul finire del millennio con alcuni singoli che culminano con "Thug Love", un brano eseguito con le Destiny's Child che riscuote un discreto successo. 50 cent è un compositore straveloce: si dice che "How To Rob", uno dei suoi primissimi pezzi, sia stato fatto e finito in soli trenta minuti mentre altri 30 brani siano stati messi insieme nel tempo record di 18 giorni. Le sue quotazioni salgono rapidamente fino all'uscita, nel 2000, del suo primo album completo, "Power Of The Dollar". Il pezzo "That Ain't Gangsta" viene inserito nella soundtrack hip hop del film "Boiler Room" poi, dopo aver firmato collaborazioni con Nas – con il quale prende parte al tour Nastradamus – e Jennifer Lopez, la carriera di 50 Cent ha un impennata quando incrocia sul suo cammino Eminem. Il suo rapporto con Slim Shady nasce quasi per caso: mentre il rapper bianco sta incidendo "The Eminem Show" ascolta un LP auto-prodotto di Curtis ("Guess Who's Back") e lo convince a volare a Los Angeles alla corte sua e di Dr. Dre. A quell'incontro ne seguono molti altri e 50 Cent finisce per firmare con la Shady Records per un milione di dollari ma soprattutto entra nell'entourage della coppia dei padrini del rap contemporaneo. Il suo primo grosso progetto è la fortunata partecipazione alla colonna sonora di "8 Mile" (che vende milioni di copie) - film rivelazione dell'anno – con ben tre brani: 2 da solo ("Places to Go" e "Wanksta") e uno ("Love Me") in collaborazione con Eminem e Obie Trice.
Quando lo storico dj dei Run DMC viene assassinato in circostanze misteriose, le indagini che seguono vedono coinvolto tangenzialmente anche il rapper del Queens, che qualcuno reputa al centro di qualche misteriosa faida. Si teme per la sua vita: in molti lo vedono come il prossimo bersaglio eccellente nel mondo dell'hip hop. A questo punto, con la celebrità di 50 Cent alle stelle, tutto è pronto per uno dei debutti più attesi della storia del rap, un po’ come avvenne nel 1994 per "Illmatic" per il giovanissimo Nas: nella prima settimana "Get Rich Or Die Tryin'", prodotto dalla Shady Records di Eminem e dalla Aftermath Entertainment di Dre, vende la bellezza di 872.000 copie negli States, battendo un record vecchio di 10 anni che apparteneva a "Doggystyle" di Snoop Dogg (803.000 copie). Dopo questo strabiliante esordio sono in molti a puntare su 50 Cent come successore del trittico Jay-z, Nas e Dmx nell'olimpo dei rapper della Grande Mela.
Certo L'hip hop è il regno della farsa conclamata: alcuni rapper giocano soltanto a fare i gangster, altri invece ti lasciano nel perenne dubbio se ci sono o ci fanno, ma per personaggi controversi come 50 Cent la linea di demarcazione tra pantomima e mondo reale è molto più che sottile.
E il senso di morte incombente permea tutto l'album, il cui stesso ritmo è scandito da urla, sventagliate di uzi e proiettili vaganti che perforano (letteralmente) il disco da parte a parte, a partire dalla fin troppo esplicita copertina.
L'efficace flow dell'MC newyorkese e il massiccio utilizzo delle tastiere di molti pezzi conferiscono al disco un groove ipnotico, coinvolgente. L'allucinata "In Da Club" diventa una hit che travalica il rapbiz per sfondare ovunque, trascinata da un video ironico e originale: nelle immagini si vede un 50 cent-robot costruito in laboratorio in una località segreta, con Eminem e Dr. Dre a supervisionare l'assemblaggio della loro macchina da soldi e a studiarne il comportamento mentre è "In Da Club".
Sul finire del 2003 viene pubblicato "Beg For Mercy" l'album d'esordio della sua crew, la G-Unit, composta da Lloyd Banks, Tony Yayo e Young Buck.
Pochi mesi dopo all'enoturage si aggiunge il talentuoso rapper The Game, con il quale 50 Cent ha un rapporto burrascoso, che culmina nel febbraio 2005 con la temporanea esclusione di The Game dalla G-Unit e la successiva rissa con sparatoria tra i rispettivi clan, in cui una guardia del corpo viene ferita a una gamba.
Ma nel giro di qualche settimana viene pubblicato il nuovo album del rapper del Queens, "The Massacre", un successo provvidenziale e terapeutico perché sforna diverse hit e riporta il sereno, spazzando via polemiche e ruggini. Ma soprattutto riconferma 50 Cent come l'uomo da battere nel rap game.
Dopo il film autobiografico "Get Rich Or Die Tryin'", il successivo album di Fifty è "Curtis", pubblicato tra molte polemiche l'11 settembre 2007, in contemporanea al disco di Kanye West. Il nuovo lavoro, lanciato dal brano "AYO Technology" con Justin Timberlake e prodotto da Dr. Dre, ottiene un buon riscontro, pur non ricalcando il successo dei precedenti. Il prossimo passo è il disco "Before I Self Destruct", uscito a gennaio 2009, un nuovo capitolo sulla saga del rapper che più di tutti (Eminem permettendo) ha segnato l'hip hop degli anni duemila.

50 CENT: Siti ufficiali

Scopri online la migliore musica del momento: cantanti italiani, artisti stranieri, gruppi musicali e band emergenti. Dall‘emo al rock, dalla dance al pop, dalla musica house ai classici anni ‘80 ascolta le tue canzoni preferite online.

Mtv Networks