PINK

Genere: Pop PINK

La riot girl del pop. Pelle bianca e voce soul, Pink ha una carica sexy e aggressiva fuori dai canoni del grande circuito musicale. Sar per questo che piace tanto?
Alecia Beth Moore nasce l'8 settembre 1979 a Doylestown in Pennsylvania (ma cresce a Philadelphia) e sin da piccola dimostra il suo interesse per [... continua]

Condividi su: Facebook
 

PINK: La biografia

La riot girl del pop. Pelle bianca e voce soul, Pink ha una carica sexy e aggressiva fuori dai canoni del grande circuito musicale. Sar per questo che piace tanto?
Alecia Beth Moore nasce l'8 settembre 1979 a Doylestown in Pennsylvania (ma cresce a Philadelphia) e sin da piccola dimostra il suo interesse per la musica. I suoi genitori, James (di origini germano-irlandesi) e Judy Moore (ebraico-lituana) si separano quando lei ha solo 7 anni; il pap, reduce del Vietnam, le insegna concretezza e senso del reale.
La Pink adolescente a 13 anni gi di casa nei club cittadini, canta gospel in una chiesa frequentata solo da fedeli di razza nera, entra a far parte di una band punk, collabora come corista nel gruppo rap Scratch N' Smoove (Scratch, pi tardi nei Roots, rintracciabile anche in "M!ssundaztood", secondo album di Pink) e si esibisce col suo skateboard e cantando al Club Fever di Philadelphia il venerd sera. Proprio l un talent scout la nota, ingaggiandola dapprima in un gruppo R&B dalla vita breve, i Basic Instinct, e poi in un altro ancora, il trio femminile Choice, che firma per l'etichetta LaFace, ma si scioglie senza registrare niente.
Nel suo curriculum, Pink annovera anche lavori da cameriera presso Pizza Hut, McDonald's, Wendy's e in una stazione di servizio: ma dura poco, visto che la puntualit non il suo forte e odia prendere le ordinazioni dei clienti. Preferisce ascoltare musica: Janis Joplin, Jimi Hendrix, Billy Joel, Guns N' Roses, Green Day e 2Pac sono fra i suoi idoli. Tiene un diario - abitudine abbandonata quando una ragazza della sua scuola glielo ruba e ne attacca le pagine su un armadietto affidando alla poesia il compito di capire cosa accade dentro di lei.
in questo periodo che Alecia si guadagna il soprannome Pink, ispirato a vari espisodi della sua vita (pi o meno riferibili) e a Mr. Pink del film di Quentin Tarantino "Le Iene". I suoi capelli subiscono, nel frattempo, numerosi trattamenti di colore: striati, tinti di blu, castani, biondi e, infine, rosa, scelta che risulta divertente proprio per via del nomignolo Pink.
A soli 16 anni, Pink ottiene la sua prima audizione per la LaFace Records di LA Reid e Babyface e, ben presto, firma un contratto come solista, realizzando l'album "Can't Take Me Home" (2000). Il singolo di debutto, "There You Go", diventa disco d'oro e si piazza nella Top 10, "Most Girls" e "You Make Me Sick" vanno alla grande. Pink si guadagna un MTV Video Music Award come Migliore Artista Esordiente.
L'unione con Christina Aguilera, Lil' Kim, Mya e Missy Elliott per la cover di "Lady Marmalade" delle LaBelle inserito nella colonna sonora di "Moulin Rouge" porta ad Alecia il primo posto nelle chart e nuovi riconoscimenti: un Grammy e l'elezione a Video Dell'Anno e Miglior Videoclip Tratto Da Un Film, secondo MTV.
L'arrivo del secondo album, pubblicato a fine 2001 (in Italia nel gennaio 2002), genera grandi aspettative: "M!ssundaztood" viene anticipato dal singolo "Get The Party Started", scritto insieme a Linda Perry dei 4 Non Blondes, idolo di Pink. Il disco presenta autori e produttori DOC: l'amico Scott Storch (The Roots, Dr. Dre), Dallas Austin (TLC, Madonna) e Damon Elliott (Bone Thugs-N-Harmony). Non mancano ospiti VIP come Steven Tyler e Richie Sambora dei Bon Jovi.
Se "Get The Party Started" diventa uno degli anthem del 2002, anche gli altri tre singoli "Don't Let Me Get Me", "Just Like A Pill" e "Family Portrait" aiutano a portare le vendite del disco a quota 12 milioni di copie.
Pink si trova proiettata di colpo nella stratosfera delle supestar: libera ed esplosiva, dal 2002 in avanti regala perle di carisma come la partecipazione alle battaglie contro l'uso della pelliccia - e trovate strampalate: spettacolare il suo compleanno 2003, a base di hot dog vegetariani, vodka e gentili omaggi ai presenti, tra cui una serie di DVD a luci rosse.
A maggio del 2003 Pink torna a farsi sentire con "Feel Good Time" (inserita nella colonna sonora del seguito di "Charlie's Angels"), insolita quanto riuscita collaborazione con William Orbit. Cominciano anche le registrazioni del nuovo LP, intitolato "Try This", che viene pubblicato in novembre. Sorprende la scelta, tra gli altri collaboratori (non manca Linda Perry), di Tim Armstrong dei Rancid, che firma e produce gran parte delle canzoni. Stranamente, sia l'album che i singoli ("Trouble", "God Is A DJ" e "Last To Know", mai pubblicato negli Stati Uniti) riscuotono successo pi all'estero che in patria; in generale, le vendite vanno abbastanza a rilento, ma Pink si porta a casa comunque un altro Grammy.
Dopo un periodo di sovraesposizione, nei due anni che seguono la peste del pop si allontana un po' dai riflettori, saltando fuori di tanto in tanto per una dichiarazione polemica, una battaglia animalista, una frecciata sarcastica a una diva dello showbusiness a caso. Nel 2005, per, attivissima: mentre attende la partenza del progetto "Gospel According To Janis", il film-biografia in cui dovrebbe interpretare Janin Joplin, Pink recita da protagonista nell'horror "Catacombs" (nelle sale nel 2006) e intanto lavora al suo quarto LP.
A gennaio del 2006 si sposa con il campione di motocross Corey Hart su una spiaggia del Costa Rica, poi torna in studio per ultimare le registrazioni. Tre mesi dopo "I'm Not Dead" pronto e sbarca sugli scaffali dei negozi di musica. Nel primo video "Stupid Girls" Alecia sfotte Paris Hilton, Lindsay Lohan, Jessica Simpson e altre popstar, scatenando un vespaio. Fortunatamente, Pink non cambia mai.
Due anni dopo Pink torna sulle scena, pi carica che mai, con "Funhouse", un disco che sancisce l'apertura di una nuova stagione d'oro per la cantante, che con il singolo "So What" batte tutti i suoi record di vendita e classifica.
Il 18 settembre 2012 pubblica il nuovo disco "The Truth About Love", anticipato dal singolo "Blow Me (One Last Kiss)". Questo album rappresenta una presa di coscienza della cantante americana sulle diverse sfumature dell'amore - il buio, la luce, la felicit e la tristezza.

Scopri online la migliore musica del momento: cantanti italiani, artisti stranieri, gruppi musicali e band emergenti. Dall‘emo al rock, dalla dance al pop, dalla musica house ai classici anni ‘80 ascolta le tue canzoni preferite online.

Mtv Networks