BIAGIO ANTONACCI

Genere: Pop BIAGIO ANTONACCI

Un intenso protagonista del pop italiano.
Biagio Antonacci nasce nel 1963 a Milano e cresce a Rozzano, un paese della cintura suburbana che circonda la città. Inizia prestissimo a suonare la batteria e, più passa il tempo, più si appassiona alla musica. Dopo essersi diplomato geometra, comincia a scrivere canzoni e [... continua]

Condividi su: Facebook
 

BIAGIO ANTONACCI: La biografia

Un intenso protagonista del pop italiano.
Biagio Antonacci nasce nel 1963 a Milano e cresce a Rozzano, un paese della cintura suburbana che circonda la città. Inizia prestissimo a suonare la batteria e, più passa il tempo, più si appassiona alla musica. Dopo essersi diplomato geometra, comincia a scrivere canzoni e a frequentare l'ambiente legato al mondo della musica, fino a quando nel 1989 riesce a coronare il suo sogno firmando il contratto discografico con la Mercury. Nello stesso anno esce il disco di debutto "Sono Cose Che Capitano" (Antonacci anni dopo lo definirà "molto naif, ma anche molto sofferto"), che contiene l'hit radiofonico "Fiore", primo assaggio di notorietà, e la title-track, cantata insieme a Ron.
"Adagio Biagio" del 1991 segna un netto passo avanti e vanta la partecipazione di Eros Ramazzotti, autore del brano "Almeno Non Tradirmi Tu".
Con il singolo "Liberatemi" (1992) arriva il successo, quello vero, consacrato dalla piazza del Festivalbar estivo; a breve segue il disco che porta lo stesso titolo, prodotto e arrangiato con mano abile da Mauro Malavasi, collaboratore di Lucio Dalla e di Luca Carboni. Le vendite raggiungono quota 150mila copie: Antonacci si impone così come uno degli artisti pop più amati in Italia.
Nel 1993 partecipa al Festival di Sanremo con la canzone "Non So Più A Chi Credere" e gira la penisola con un tour molto fortunato. Un anno dopo Biagio torna al mercato discografico con l'LP omonimo (ancora prodotto da Malavasi), che vende la bellezza di 300mila copie, trascinato da singoli belli e fortunati come "Non È Mai Stato Subito" e "Se Io Se Lei". La maturazione del musicista è completa.
Dopo la tournée nazionale, Antonacci si rinchiude in studio e si mette all'opera per preparare "Il Mucchio", edito nel 1996, anticipato dal primo singolo "Se È Vero Che Ci Sei". Biagio qui è sia autore e interprete che produttore, affiancato in quest'ultima mansione dal solo Fabio Coppini. Il batterista è Mel Gaynor dei Simple Minds, mentre la canzone "Happy Family" è firmata a quattro mani con Luca Carboni.
La vita di Biagio, refrattario a concedersi se non come musicista e attento a non finire sulle pagine dei tabloid, scorre scandita dai concerti e dal lavoro in studio. La consacrazione definitiva avviene nel 1998 con "Mi Fai Stare Bene", prodotto interamente da lui e lanciato dritto ai primissimi posti della classifica italiana dai singoli "Iris" e "Mi Fai Stare Bene", che gli valgono anche il secondo posto al Festivalbar dietro niente meno che a Vasco Rossi
. "Tra Le Mie Canzoni", pubblicato alla fine del 2000, è un'antologia di vecchi brani riarrangiati o eseguiti dal vivo, arricchita anche da un paio di inediti. A ottobre 2001 il singolo "Ritorno Ad Amare" prepara il terreno per la pubblicazione di "9/NOV/2001", che avviene il giorno stesso (quello del titolo) del compleanno di Biagio. Dall'ultimo disco di inediti sono passati tre anni, ma la gente non ha smarritto l'affetto per il musicista e il disco in cinque mesi piazza 400mila copie. Nel gennaio 2002 parte un tour sold out nei palasport delle principali città italiane, poi in estate, dopo lo show-evento di maggio all'Olimpico di Roma, Antonacci si esibisce negli stadi. Una nota sulla vita privata: nel 2002 finisce l'unione, durata nove anni, con Marianna Morandi, figlia del celeberrimo Gianni e mamma di Paola e Giovanni, avuti con Biagio.
Con "Cuanto Tiempo... Y Ahora", pubblicato all'inizio del 2003, Antonacci si lancia sul mercato spagnolo e sudamericano. Nel giugno del 2003 il cantante, che intanto è già tornato al lavoro per preparare un nuovo LP, è ospite di Claudio Baglioni nel suo concerto di Firenze.
Nel 2004 Biagio dà alle stampe "Convivendo" il primo CD a puntate della discografia italiana. I sedici brani, infatti, sono divisi in due dischi: "Convivendo. Parte I" esce a marzo, vende oltre 500.000 copie e il suo successo fa slittare la pubblicazione di "Convivendo. Parte II", prevista entro il 2004, a febbraio 2005. In tutto, l'album vende 1.200.000 copie e vale al cantautore milanese il titolo di Best Male Selling Italian Artist ai World Music Awards 2005.
Nel frattempo, Biagio scrive canzoni per molti artisti, tra cui Syria, Mietta e Laura Pausini, confermando il suo talento di autore. A settembre partecipa a O' Scià, l'ormai consueta "jam session" di Claudio Baglioni nella splendida isola di Lampedusa, mentre a novembre esce un DVD, "ConVivo" registrato nel corso di una performance al Forum di Assago, che contiene i suoi successi e un inedito, "Immaginano".
Bisogna aspettare il 2007 per trovare sugli scaffali il nuovo lavoro: "Vicky Love", ricco di contaminazioni musicali e di echi provenienti dagli anni Sessanta e Settanta, anticipato dal singolo "Lascia Stare". Antonacci firma testi e musiche dei pezzi ed è anche produttore artistico assieme a Steve De Maio e arrangiatore, in collaborazione sempre con De Maio e con Saverio Lanza.
Le nuove track vengono presentate in due appuntamenti live tra giugno e luglio, uno a Milano e uno a Palermo, ideati per incontrare i fan del nord e del sud Italia.
Nel mese di aprile 2010 Antonacci pubblica il nuovo disco "Inaspettata".
il 25 ottobre dello stesso anno esce "Colosseo", il suo primo CD e DVD interamente live. La release ripropone il concerto-evento "Biagio Antonacci COLOSSEO Concerto per l'UNESCO", tenuto dal cantautore lombardo il 3 luglio 2011. Lo spettacolo è stato organizzato dalla Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO, in collaborazione con Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e La Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma.

Scopri online la migliore musica del momento: cantanti italiani, artisti stranieri, gruppi musicali e band emergenti. Dall‘emo al rock, dalla dance al pop, dalla musica house ai classici anni ‘80 ascolta le tue canzoni preferite online.

Mtv Networks