Bebe

Bebe

La madrina del flamenco femminista.
Bebe, all'anagrafe Nieves Rebolledo Vila, nasce a Valencia il 9 maggio 1978, ma già dopo un anno i suoi genitori, entrambi musicisti del gruppo folk Surberina, decidono di trasferirsi a San Vicente, a sud di Valencia. In questa cittadina la piccola Bebe inizia ad andare a scuola, ma anche a canticchiare le canzoni che mamma e papà intonano con il resto della band e a rendersi conto del fascino esercitato su di lei dal mondo della musica.
Dopo cinque anni il padre di Bebe dice alla famiglia di fare per l'ennesima volta le valigie. Questa volta i Rebolledo Vila si spostano prima a Zafra, quindi a Mérida e successivamente a Badajoz, tutte città dell'Estremadura. Finalmente, all'età di 14 anni, Bebe decide dedicarsi al canto e così comincia ad esibirsi nei locali della città. L'amore per la musica cresce a tal punto che finite le superiori Bebe decide di trasferirsi a Madrid per frequentare gli studi di Arte Drammático.
Durante questo periodo la bella cantante di Valencia conosce diversi artisti e entra a far parte del gruppo dei Vanagloria come corista. Nel 1996 però Bebe capisce che è arrivato il momento di provare a fare quello che ha sempre sognato: la cantautrice. Inizia a scrivere i suoi pezzi con l'aiuto del fratello e ad esibirsi per i locali di Madrid. La stupenda voce di Bebe non può passare inosservata e così nel 2004 riesce a firmare un contratto con la EMI, per la quale pubblica "Pafuera Telarañas".
Già nel 2005 Bebe fa il pieno di nomination ai Latin Grammy Awards di Los Angeles (Record Of The Year, Album Of The Year, Song Of The Year per il brano "Malo", Best New Artist e Best Female Pop Vocal). Nel 2006 finalmente il disco d'esordio di Bebe arriva anche in Italia anticipato proprio dal singolo "Malo".