Bedroom Rockers

Bedroom Rockers

Elettronica con gusto.
Sono in due, sono italiani, hanno un passato come remixer di primo piano: sono Enrico Colombo e Federico Di Bonaventura, in arte Bedroom Rockers, nome con cui nel 2001 decidono di presentare al mondo il loro primo album insieme.
A proposito del nome, il duo fa sapere che tutto parte dalla considerazione che "con l'aiuto della tecnologia la camera da letto diventa quello che in precedenza erano il garage o la cantina".
Insomma, l'idea è di collocarsi nel solco dell'elettronica di fine millennio e in quelli che si stanno affermando come i nuovi orizzonti produttivi del genere.
Prima di arrivare qui, però, c'è molta strada fatta ognuno per conto proprio, remixando, sperimentando e presentandosi coi nomi più diversi (da State Of Art, a Orange Party, a Fred Ventura).
Insieme lavorano con il meglio della musica italiana, prima e dopo il disco d'esordio. È così che incrociano le note con Jovanotti, Carmen Consoli, Elisa e i Bluebeaters (tanto per citarne alcuni).
Dopo essersi fatti un bel nome nel mondo della dance e della produzione italiana, arriva il momento di mettersi in prima linea con un album tutto loro. Il titolo è "The Tundra Workshop", esce a maggio del 2001, raccoglie atmosfere pacate e convince alcuni critici a scomodare il confronto con il Moby più rarefatto e i Massive Attack più introspettivi.