Blur

Blur: ultimi video musicali

To the End

Video Musicali

Blur on Parklife

Video Musicali

I Broadcast

Video Musicali

Threadneedle Street Live At The Electric Ballroom 6.9.99

Video Musicali

Swallows in the Heatwave Live At The Electric Ballroom 6.9.99

Video Musicali

Sing Live At The Astoria 10.02.97

Video Musicali

Polished Stone Live At The Electric Ballroom 6/9/99

Video Musicali

Mace Live At The Electric Ballroom 6.9.99

Video Musicali

Blur

L'essenza del pop.
Ormai da tre lustri la formula dell'orecchiabilità anglosassone si chiama Blur: in tutte le sue reincarnazioni il quartetto di Damon Albarn si muove sempre disinvolto fra coretti da superclassifica, riff di chitarra indie e deviazioni rave-house. E nel frattempo s'è pure levato la soddisfazione di capitanare l'unico movimento musicale britannico degli anni '90: quel Britpop dove i Blur passano alla storia autoproclamandosi diretti discendenti di Kinks e Jam.
E dopo la storia, veniamo alla cronologia.
Siamo nel 1989, Damon Albarn (voce), Graham Coxon (chitarra), Alex James (basso) e Dave Rowntree - quest'ultimo si unisce alla band più tardi - si incontrano in quel di Londra e decidono di formare una band. Si chiamano Seymour, ma per poco tempo: una volta firmato il contratto, la Food Records li costringe a sceglierne uno nuovo da una lista.
Sono nati i Blur.
Gli inizi non sono facili. Nelle prime interviste Damon sottolinea che la band include "quattro personalità molto diverse", intanto per il successo bisogna aspettare un po' di fortuna e di bravura. Che arrivano dopo l'incontro col produttore Stephen Street ("Dio lo benedica, è l'uomo migliore del mondo intero, è il nostro amabile nonno: è come George Martin"), già dietro la consolle con Smiths e Cranberries. "She's so High" è il primo singolo (15 ottobre 1990) dei Blur: in patria entra nella Top 50, ma di lì a poco cede il passo al vero cavallo di battaglia, "There's No Other Way", registrata durante la prima session con Stephen Street e destinata a movimentare la Top Ten. Il New Musical Express si accorge dei quattro "adorabili arroganti con un singolo promettente" mentre la Gran Bretagna saluta l'LP d'esordio "Leisure" (negli Usa uscirà nella stessa settimana di "Nevermind"), che ha un sound ancora indie-pop-dance: ma in quel periodo la moda sta mutando, complici il silenzio degli Stone Roses e il cambiamento di rotta dei Primal Scream. Diventa necessario un cambiamento di direzione.
Il nuovo corso è preannunciato dal singolo "Popscene", che esce nel marzo 1992 e si distingue per le tonalità più aggressive. Lo stesso anno si chiude con una data significativa ma occulta per tutti i Blur-fans: il 24 e 25 dicembre Damon sta scrivendo un nuovo brano a casa dei suoi genitori nel Colchester.
Quella canzone è "For Tomorrow", primo 45 giri del difficile secondo disco, registrato dai Blur fra mille difficoltà: moltissime canzoni scartate, richieste di singoli orecchiabili ("Chemical World" verrà registrata in extremis) e molte pressioni per ri-registrare tutto quanto sotto la guida di un affermato produttore (l'onore doveva toccare a Butch Vig) con la speranza di sfondare in America. Niente di tutto questo (per fortuna o per sfortuna?) accade e il 10 maggio 1993 arriva "Modern Life is Rubbish", secondo disco che prende il suo emblematico titolo ("la vita moderna è spazzatura") da un graffito londinese nei pressi di Marble Arch. Per Damon & soci è un ritorno alle origini, con sonorità vicine a Kinks, Small Faces ed XTC. Oltre ai due singoli già citati, questo 33 è inframmezzato da falis intermezzi pubblicitari e ha già gli embrioni del canone-Blur: soffuse ballate ("Blue Jeans"), pezzi onirici ("Oliy Water") e cori che trapanano il cervello ("Sunday, Sunday").
È però con "Parklife" (ma poteva chiamarsi "Sport" o anche "Softporn") che i Blur fanno il grande salto: nel 1994, "Girls and Boys", "Parklife" e l'agrodolce "To the End" (nella versione originale cantava Justine Frischmann, fidanzata di Damon e leader delle Elastica) diventano l'identikit della nuova scena britpop e più in generale dell'Inghilterra "mod" Anni Novanta.
È arrivato il successo planetario, anzi no.
Perché all'appello manca l'America, corteggiata dalla casa discografica più che dai Blur. Una situazione riassunta bene dalle parole di Alex James: "Non capisco. Gli americani cantano l'Amerca e al resto del mondo va bene. Allora perché una band non dovrebbe cantare l'Inghilterra?" Ma la British band più famosa negli States sono sempre i Bush, e ai Blur tocca "accontentarsi" con quattro Brit Awards 1995: miglior video e singolo per "Parklife", miglior disco e miglior band. Questo clima festaiolo arriva fino allo studio di registrazione, dove i quattro stanno registrando il disco della conferma: "The Great Escape", trainato da singoli fortunatissimi (soprattutto "Stereotypes" e la ballatona "The Universal"), nonché dalla disputa Blur vs. Oasis, fomentata dai media per ripercorrere i fasti della storica lotta Beatles-Stones. E mentre i fratelli Gallagher frantumano ogni record di vendita col trentatré "(What's the Story) Morning Glory" (10 milioni di pezzi in patria, 4 negli Usa), i Blur vincono la battaglia dei singoli: infatti l'Inghilterra preferisce "Country House", che debutta al numero 1 e batte in volata "Roll With It".
E l'America? Macché, ancora niente.
L'esposizione mediatica suggerisce a Damon un periodo di sabbatico di silenzio: un anno in Islanda, che diventa il trampolino per la nuova reincarnazione dei Blur preceduta da dichiarazioni programmatiche su cocaina ("è una droga stupida e pericolosa") e Britpop ("non è più un'idea valida, non è più stimolante"). Ma soprattutto da due 45 giri cattivi e riffati: "Beetlebum" e "Song 2", che col suo "whooo-hooo" sbarca perfino sulla Playstation e regala il sospirato successo americano ai Blur. A proposito, "Blur" era anche il titolo dell'album, che si ricorda per l'assenza (è la prima volta) di testi nel libretto e una copertina mossa dove inizialmente l'infermiera aveva l'aureola. E questo quinto disco è un vero e proprio punto di svolta nella storia dei Blur: atmosfere lo-fi à la Pavement (idoli di Graham Coxon), una strizzatina d'occhio al Beck dei primi tempi e un'attitudine anticommerciale che tuttavia non manca di essere immortalata su singolo (verranno estratti persino "On Your Own" ed "M.O.R.").
Il panorama discografico è cambiato (gli Oasis cedono il passo agli astri nascenti Radiohead), ma tournée e uscite confermano i Blur sempre sulla cresta dell'onda e pronti a rischiare. Ne è una conferma "13", sesto disco con tredici brani bizzarri ideati assieme al fantasioso William Orbit (ci sarà il suo zampino nella Madonna rinata di "Ray of Light"). Non c'è più strada da percorrere?
Forse no, perché i Blur non smettono mai di sperimentare. O forse sì, visto Damon e Justine rompono il loro fidanzamento: qualcuno ironizza sulla svolta "dal whoo-hoo al boo-hoo", ma intanto nuovi sound eclettici sono sbocciati qua e là ("Battle" in Indonesia, "Caramel" in Islanda) e segnano la "nuova strada" affiancando gli inserti gospel di "Tender" e le atmosfere quasi blues di "No distance left to run" (secondo la leggenda Damon ha terminato l'incisione singhiozzando) che chiudono il capitolo-Justine.
Intanto i Blur passano da 13 a 10: nel senso che festeggiano i dieci anni di attività col 45 inedito "Music is my Radar" incluso nel doppio celebrativo "Greatest Hits" dell'ottobre 2000: secondo Coxon, la classica scelta di brani per accontentare la classifica. Nel frattempo, le strade di Damon e Graham cominciano a separarsi: il primo collabora ai Gorillaz (band di zombie hip hop messa insieme da Dan The Automator) e si innamora delle sonorità etniche (celebrate poi in "Mali Music", del 2002), mentre il chitarrista pubblica il suo secondo album solista "The Golden D" e spesso cade nell'alcolismo.
Nell'estate 2002 l'affascinante frontman torna a far parlare di sé e firma – insieme a 3D dei Massive Attack – una campagna contro la politica imperialista e interventista degli Stati Uniti (determinati a sferrare un attacco armato contro l'Iraq) e non perde occasione di manifestare in pubblico il proprio dissenso rispetto all'amministrazione Bush.
Ainizio 2003 arriva "Don't Bomb When You Are the Bomb", singolo misterioso impacchettato senza nome e titolo in una confezione con scritte arabe: in pieno clima post-11 settembre è una scelta osé. Intanto i Blur hanno ripreso a registrare: il settimo disco dovrebbe essere prodotto da Fatboy Slim, che però ritoccherà solo due brani lasciando il resto a Ben Hillier, noto per la collaborazione con gli Elbow, e alla stessa band.
Che però ha perso il chitarrista.
Infatti Graham Coxon lascia i Blur durante (c'è chi dice prima, ma comunque compare tra i credit dell'album) le prolifiche session di registrazione in Marocco: cominciano con 40 brani e finiscono con 26. Intitolato "Think Tank", il settimo album dei Blur è anticipato dal singolo "Out of Time", un pezzo molto melodico che debutta in radio il 3 marzo 2003 ed è accompagnato da un video shock: la vita di una soldatessa britannica, imbarcata su una portaerei diretta verso la guerra.
Il nuovo disco non è esente dalle critiche: certi fans sentenziano che i Blur senza Coxon sono come gli Smiths senza Marr. Ma intanto "Think Tank" riceve 4 stelle su 5 nella recensione di Rolling Stone, che commenta "i vecchi blur sono morti, ma quelli nuovi sono più vivi che mai" e sembra sottolineare l'ennesima reincarnazione del gruppo riecheggiando la frase che apre il nuovo singolo: "Where's the love song?"