Bryan Adams

Bryan Adams: ultimi video musicali

Go Down Rockin'

Video Musicali

All For Love

Video Musicali

Wembley 1996 Live

Video Musicali

18 'Til I Die

Video Musicali

Summer Of '69

Video Musicali

Please Stay

Video Musicali

Open Road

Video Musicali

Cuts Like A Knife

Video Musicali

Bryan Adams

Quando la musica è sudore, onestà ed emozioni semplici. Bryan Adams è il contrario della star maudit, del genio e sregolatezza, del tutto e subito: è il bravo ragazzo del rock.
Il suo nome per intero è Bryan Guy Adams e nasce il 5 novembre 1959 (ovvero il Guy Fawkes Day in Inghilterra, quando si celebra il cospiratore che tentò di rovesciare il parlamento e venne condannato a morte nel 1605) a Kingston, nello stato canadese dell'Ontario. I genitori sono immigrati inglesi; il padre, diplomatico militare, è obbligato a spostare la famiglia per il suo lavoro in seguito agli ordini dall'alto e il piccolo Bryan vivrà a Ottawa, a Vienna, in Portogallo, a Tel Aviv, per poi stabilirsi definitivamente a metà anni '70 a Vancouver con la madre dopo la separazione dei genitori e dopo aver rifiutato di frequentare l'accademia militare di Sandhurst, dove studiarono il papà e il nonno.
Bryan dallo spirito ribelle cresce ascoltando il grande rock americano e fin da teenager prova la strada della musica, in un piccolo gruppo di Vancouver, gli Shock. La sua voce piace più che l'abilità alla chitarra e diventa il lead vocal degli Sweeney Todd, piazzando il singolo "Roxy Roller" al # 99 di Billboard. Questo successo lo convince a mollare la scuola e a cercare il suo posto nel musicbiz. Nel 1977 incontra il batterista Jim Vallance e, mollati i Todd, inizia un sodalizio di quelli che vanno avanti quasi una vita: i due scrivono brani che si collocano tra il rock grezzo e l'heavy pop e verranno poi ripresi da molti artisti locali. Vallance, più vecchio ed esperto di Adams, ha rinunciato a salire sui palchi e lavora come co-writer e tessitore di trame e contatti con l'industria musicale. Se ne accorge la Irving-Almo Music, legata alla A&M, che nel 1978 mette sotto contratto Adams, anche se, per ironia della sorte, il primo singolo pubblicato è una traccia dance, "Let Me Take You Dancing", in cui la sua voce viene accelerata. In ogni caso, il brano diventa un successo (240.000 copie vendute, 23 settimane in Billboard Dance Chart, fino al # 22). Nel '79 i due collaborano con i Prism, i BTO e Ian Lloyd, finché la label porta Adams in studio per registrare un album, che esce nel 1980 con il titolo "Bryan Adams", coprodotto dalla coppia Adams-Vallance. Il disco esce solo in Canada e ottiene un buon successo nelle classifiche dance, ma Bryan riesce a superare anche la diffidenza del pubblico rock con un infuocato tour di 4 mesi nei locali.
Nel 1983, dopo un altro disco ("You Want, You Got It") che lo 'esporta' negli Usa (tour compreso, come supporter di Kinks e Foreigner), Adams lavora a un Lp dei Kiss ("Creatures Of The Night") e pubblica "Cuts Like A Knife". La fama di Bryan comincia ad allargarsi, soprattutto grazie al successo del singolo "Straight From The Heart", scritto tre anni prima, che raggiunge la Top 10 e apre la strada ad altri due 45 giri, "Cuts Like A Knife" e "This Time". Ad accrescere la fama del canadese è il tour di 283 giorni che lo porta a promuovere l'album ovunque, mostrando le sue doti di performer trascinante. Il risultato si vede nel full lenght successivo, "Reckless", che vende 8 milioni di copie in tutto il mondo, conquista 5 dischi di platino, rimane due settimane al # 1 delle charts americane, piazza il primo singolo al numero 1 ("Heaven") e altri cinque nei Top 20.
Dopo l'America, il mondo: nel 1985 Adams viene convocato tra i big che si esibiscono allo storico concerto Live Aid; il suo duetto con Tina Turner in "It's Only Love" è un concentrato di energia atomica apprezzato da milioni di spettatori worldwide. Sempre nello stesso anno canta nel brano benefico "We Are The World" e partecipa, insieme ad altre superstar canadesi sotto il nome di Northern Lights, all'incisione di "Tears Are Not Enough", 45 dedicato alle vittime della fame in Etiopia. "The Fire" (1987) conquista il platino e accomoda 3 singoli in Top 40, ma vende meno di quanto ci si aspettava. Grazie al suo rock easy listening e all'impegno sociale, Adams mantiene comunque un alto profilo per tutta la seconda metà degli anni '80, partecipando al tour mondiale Amnesty International Human Rights Now! (insieme a Sting, Bruce Springsteen, Peter Gabriel, Tracy Chapman, Youssou N'Dour), a quello di Tina Turner, al Freedomfest di Londra in onore di Nelson Mandela e a The Wall, il megaconcerto curato da Roger Waters a Berlino, in occasione del crollo del Muro. Sono gli anni delle collaborazioni: Bonnie Tyler, Bonnie Raitt, Neil Diamond, Carly Simon, Pat Benatar, Diane Warren, Joe Cocker, Rod Stewart, Sting, Barbra Streisand, Michael Kamen, i Glass Tiger. Insomma, tra la metà degli '80 e la metà dei '90 il cantautore canadese raggiunge il suo top di popolarità e creatività: dischi di platino, 45 di successo, brani per colonne sonore ("Pink Cadillac", "Robin Hood: Il Principe Dei Ladri", "Don Juan De Marco"), concerti sui palchi di tutto il mondo in jeans, t-shirt, sneakers e chitarra a tracolla a diffondere romantiche ballate pop-rock con la sua voce roca e una ritmica semplice ed energetica.
Il sodalizio con Vallance finisce nel 1989 con il brano "When The Night Comes" per Joe Cocker. La rottura è insanabile e Adams sceglie come partner il produttore-autore Robert John "Mutt" Lange (AC/DC, Foreigner, Def Leppard), che mette mano al disco-concerto "Live! Live! Live!" del 1989, per poi entrare più decisamente nella produzione del sesto album, "Waking Up The Neighbours" (1991). Il successo è grande: 10 milioni di copie, 6 nominations ai Grammy (una statuetta vinta per la miglior canzone da film). Nei '90 passa molto tempo in Europa, sia per incidere dischi che a suonare dal vivo, ma visita anche l'Asia, suonando perfino in Vietnam nel 1994. Poi la vena creativa di Adams comincia ad esaurirsi e il suo rock a invecchiare, virando sempre più verso l'hard pop e finendo spesso in cliché superati dalle nuove ondate musicali.
Adams piazza anche hit nelle classifiche country ("You Walked In", scritta per Lonestar nel 1997) e in quelle pop ("Let's Talk About Love" per Celine Dion). Nel '97 registra un unplugged per MTV e ne fa un album. Un nuovo Cd originale arriva nel 1998 con "On A Day Like Today", in cui abbandona Lange per affidarsi a Gretchen Peters e recuperare il suo ruolo di rocksinger presso il pubblico Usa, che l'aveva un po' abbandonato per la nuova ondata grunge; il titolo non va oltre il numero 102 in Usa, ma raggiunge l'11 in Inghilterra, grazie anche a "When You're Gone", in duetto con Mel C. delle Spice Girls.
Continuano le collaborazioni da classifica (Bryan White, Chicane, Hans Zimmer, DJ Sammy&Yanou, Luciano Pavarotti, Eric Carmen e tanti altri), le colonne sonore (la prima per intero curata da lui, per il cartone animato "Spirit" nel 2002), i concerti impegnati (a Londra contro l'estinzione dei gorilla africani nel 2002, nello Sri Lanka, per la pace nel 2004). Nel frattempo diventa anche un apprezzato fotografo, realizzando ritratti delle modelle più famose e ottenendo un incarico presso nientepopodimenochè la reale corte inglese, per immortalare la regina Elisabetta in occasione dei suoi 50 anni di regno. Ma Adams non dimentica il suo vero mestiere e la sua passione: nel 2004 torna a esibirsi dal vivo riscuotendo in Usa un successo degno dei tour di fine anni '80 e pubblica il suo quattordicesimo album ufficiale: "Room Service".