Busted

Busted
  • Rock, Pop/Rock, Punk-Pop, Electronica
  • "Melodie pop-punk che ti inchiodano, con in più il sense of humour" (The Times). L'ascesa dei Busted [... altro]

"Melodie pop-punk che ti inchiodano, con in più il sense of humour" (The Times).
L'ascesa dei Busted è rapidissima. Il cantante e chitarrista Matt Jay (nato nel 1983 a Kingston, Londra) e il chitarrista/batterista/cantante James Bourne (nato nel 1983 a Southend-On-Sea, Essex) iniziano a scrivere musica insieme all'inizio del 2001 su suggerimento del management di Matt (anche se i due già si conoscevano), che è stato individuato per caso in una gara di karaoke come potenziale purosangue. James invece si è scoperto destinato alla musica dopo essere rimasto folgorato da Michael Jackson; a 12 anni forma i Sic Puppy, a 17 molla gli studi e si dedica eslusivamente alla sua passione.
I due completano la formazione con il reclutamento del chitarrista/bassista/batterista/cantante Charlie Simpson, ex-modello classe 1985 originario di Ipswich, pescato attraverso un annuncio su NME.
Neanche il tempo di fare conoscenza, che il trio sta già incidendo un demo dopo l'altro in uno studio catapecchia in Brick Lane, a Londra. Arriva il 2002 e i Busted firmano per la Universal Island, che in agosto li presenta al mondo con uno show all'ICA (Institute of Contemporary Arts).
Il primo singolo "What I Go To School For" (settembre 2002) travolge l'Inghilterra come una tempesta di glorioso pop, lascia di stucco le riviste specializzate (da Smash Hit a NME) e debutta dritto al numero 3 delle classifiche. A breve segue il disco "Busted", un macinavendite da triplo disco di platino.Nel 2003 il successo monta senza sosta: il singolo "Year 3000" conquista la piazza numero 2 delle chart, "You Said No (Crash & Burn)" addirittura la vetta più alta. I Busted partono in tour e sorprendono anche per la carica live. A fine estate tocca al quarto singolo "Sleeping With The Lights On", un altro numero 2 in classifica.
L'anno è fittissimo di eventi e concerti - i Busted pubblicano anche un libro; il trio trova comunque il tempo (miracoli dell'adrenalina) di scrivere e poi registrare "A Present For Everyone", anticipato dal singolo "Crashed The Wedding". Il disco è ancora una volta frutto del talento dei Busted, anche se alcune canzoni sono firmate da ospiti speciali, come Guy Chambers (autore per Robbie Williams e Britney Spears), The Matrix (Avril Lavigne), Michael Raphael della band americana Neve e altri.
Siamo nel migliore dei mondi possibili? Sembrerebbe, ma nel corso del 2004 i mormorii sui conflitti interni alla band diventano con il tempo verità accertate: Charlie è in rotta con Matt e James, per la solita serie di questioni inestricabili (lui dice di non condividere l'orientamento troppo pop dei compagni). Intanto escono i singoli "Who's David?" che va al numero 1, "Air Hostess" che si ferma al 2, "Thunderbirds Are Go/3am" (dalla colonna sonora del film "Thunderbirds") che prende un altro numero 1.
I due tour negli stadi, sold-out, ammucchiano sotto i palchi un totale di 250mila persone; il trionfo è immortalato nel DVD/CD live "A Ticket For Everyone", lanciato dall'ennesimo singolo, "She Wants To Be Me". Mentre la band si avvia verso l'inevitabile, i Busted litigano con Girls Aloud e Kelly Osbourne, vincono i premi come Best Pop e Best Breakthrough Act ai Brit Awards, tentano di sfondare negli USA con una serie TV, America Or Busted. E poi, appunto, si sciolgono.
L'annuncio ufficiale arriva il 14 gennaio 2005 con una conferenza stampa: Charlie ha deciso di lasciare i compagni per puntare tutto sull'altra sua band, i Fightstar, e Matt e James preferiscono non portare avanti i Busted in due. L'epitaffio della band finisce per essere "Do They Know It's Christmas?", registrato con i Band Aid 20. Bizzarro.
Da adesso in poi, ognuno prosegue per i fatti suoi: Matt lavora con Tom Delonge dei Blink 182, James mette in piedi i Son Of Dork (il disco di debutto esce a fine 2005) e Charlie vive felice con i Fightstar.