Chad VanGaalen

Chad VanGaalen

Indie pop rock dal Canada.
Per quasi dieci anni, più o meno a partire dal 1994, Chad VanGaalen compone, suona e incide musica nella sua stanza da letto. Comincia con alle spalle una manciata di lezioni di pianoforte e prosegue sostanzialmente da autodidatta. In più ha il pallino di spaziare in direzione di altri strumenti (chitarra, batteria, basso…). Inizia a incidere praticamente nel momento stesso in cui comincia a suonare: utilizza un 4 tracce e un'infinità di marchingegni analogici.
Non è solo una questione fra lui e la sua stanza da letto, comunque: nel giro di poco tempo VanGaalen comincia a frequentare l'ambiente artistico di Calgary, nello Stato canadese dell'Alberta. Si presenta con una batteria, la chitarra e la sua voce, attirando presto l'attenzione del pubblico e della critica indipendenti. Insomma, si fa notare tanto da aprire qualche concerto di Stars e Pixies.
A fargli fare il grande salto ci pensa Flemish Eye, un'etichetta indipendente fondata nel 2003 a Calgary. La prima release della label è proprio l'album d'esordio di Chad VanGaalen, "Infiniheart" (pubblicato nel 2004).
L'anno successivo, a metà del 2005, il disco viene preso sotto l'ala di Sub Pop (leggendaria etichetta di Seattle), che ne sostiene la distribuzione in giro per il mondo. Non solo: entro la fine dell'anno lo ripubblica con un bonus EP intitolato "Baby Beans".
Fra l'altro, oltre a essere musicista VanGaalen è anche illustratore e animatore: proprio queste doti vengono utilizzate per confezionare il video di "Clinically Dead", brano che apre il suo "Infiniheart".