Chikinki

Chikinki
  • Rock
  • I Chikinki nascono a Bristol alla fine degli anni '90 dall'incontro di cinque ragazzi provenienti da [... altro]

Wait & See

I Chikinki nascono a Bristol alla fine degli anni '90 dall'incontro di cinque ragazzi provenienti da diverse città dell'Inghilterra. Le origini dei componenti della band sono decisamente diverse: Rupert Browne (voce) arriva a Bristol dopo aver passato l'adolescenza nella Londra del britpop, del drum'n'bass e della techno; Steve Bond lascia la carriera di designer di macchine da Formula Uno per sedersi alla batteria del gruppo; Ed East (chitarra) abbandona la divisa militare per entrare nel gruppo. La formazione è completata da due tastieristi, Trevor Wensley e Boris Exton, che si occupano di aggiungere ritmi strampalati e dinamiche space-rock al già stracolmo melting pot musicale dei Chikinki, che spazia dal rock al pop con chitarre elettriche e ritmi electro-glam.
I cinque ragazzi dividono una casa nel distretto di Bedminster e proprio qui nel 2000 i Chikinki registrano il loro EP di debutto, "Telephone Heroes", un mix di tutte le idee che girano durante le giornate passate nel bunker di Bristol ad assorbire ma musica di Squarepusher, Nick Drake, Primal Scream, Beck, Bjork, Miles Davis e tantissimi altri. Ma il gruppo che i Chikinki sostengono abbia cambiato il loro modo di fare musica più di tutti sono gli Add N To (X), band elettro-rock inglese. Dopo qualche concerto in giro per i locali della zona, i Chikinki vengono contatti dalla Sink & Stove Records, etichetta indie di Bristol, che propone loro di ristampare "Telephone Heroes", ma il gruppo nel frattempo ha già pronto un altro album. "Experiment With Mother" esce nel 2001 e, nonostante il suono non sia dei migliori, riceve un'ottima critica dai giornali locali e un buon riscontro nel pubblico della zona.
Dopo due anni passati a suonare sui palchi di mezzo Regno Unito i Chikinki riescono a entrare nel circuito ufficiale e a firmare con la Island. "Lick Your Ticket" (2004) viene registrato nella primavera del 2003 a Bath e successivamente mixato da Alan Moulder, già al lavoro con Depeche Mode e Smashing Pumpkins. Il primo estratto dall'album, "Hate TV" è una sorta di romantico brano electro-glam con una spruzzata dark sulla bellezza perduta. Nonostante i buoni risultati il CD non entra nella Top Ten e così la Island scarica i Chikinki lasciandoli orfani di etichetta.
Ma la band non si scoraggia. Nel 2004, dopo un concerto a Berlino, conoscono alcuni ragazzi della label indipendente tedesca Kitty-Yo, che si mostrano interessati a pubblicare "Lick Your Ticket" in tutto il resto d'Europa. Ormai il gioco è fatto. A luglio l'album arriva nei negozi, seguito a settembre dal singolo "Ether Radio", da un mega tour in Inghilterra e Germania, dalla ristampa di "Experiment With Mother" per il mercato europeo e da "The Baloon Factory", una raccolta di B-side e rarità.
All'inizio del 2006 i Chikinki sono nuovamente in tour, ma stavolta tentano di allargare il loro pubblico suonando anche a Barcellona e a Torino.