Christina Aguilera

Christina Aguilera
  • Urban, Teen Pop, Dance-Pop, Adult Contemporary, Holiday, Pop
  • Doti canore innegabili e un corpo mozzafiato per la reginetta del pop e non solo.Christina Aguilera nasce [... altro]

Doti canore innegabili e un corpo mozzafiato per la reginetta del pop e non solo.
Christina Aguilera nasce il 18 dicembre 1980 a New York, da padre ecuadoriano e madre irlandese. Comincia ad esibirsi all'età di sei anni a scuola, a otto appare in TV durante il programma cerca-talenti Star Search, a dieci canta l'inno nazionale a un incontro di football tra i Pittsburgh Steelers e i Penguins, a dodici entra a far parte del Mickey Mouse Club (insieme a Britney Spears, JC Chasez e Justin Timberlake).
Due anni dopo intraprende una serie di viaggi, dal Giappone (dove coglie il suo primo successo interpretando un brano insieme a Keizo Nakanishi) fino all'Europa. Ritornata negli USA in caccia di un contratto discografico, viene a sapere che cercano una voce femminile potente e di grande estensione per un brano ("Reflection") del film animato della Disney "Mulan".
Registrato di corsa nel salotto di casa un provino-karaoke della hit di Whitney Houston "Run To You" e inviatolo alla casa di produzione, Christina ottiene il contratto e una vetrina per le sue ambizioni canore. Essere al centro dei riflettori si rivela fondamentale: la RCA si interessa al destino della ragazza e le pone al fianco produttori quali Guy Roche (Cher e Aaliyah), la coppia Sturken-Rogers (*N Sync e Boyzone) e altri guru della console.
Risultato: in pochi mesi, dopo l'uscita nel giugno 1999 dell'omonimo album di debutto e soprattutto del singolo "Genie In A Bottle", Christina diventa una superstar e vende ben dieci milioni di copie.
Nel 2000, dopo l'uscita della hit "Come On Over" e la conquista di un Grammy Award come Best New Artist, Christina incide un disco di canzoni in spagnolo ("Mi Reflejo"), un disco natalizio ("My Kind Of Christmas") con la collaborazione di un'orchestra di settanta elementi e un duetto con Ricky Martin in "Nobody Wants To Be Lonely".
L'anno successivo la teen-star decide di dare una sferzata al suo look: sfoggiando piercing, make-up da vamp e lingerie eroticissima si impadronisce degli schermi di tutto il mondo con "Lady Marmalade". La cover della famosa canzone disco di Patti LaBelle, usata come colonna sonora del meraviglioso musical "Moulin Rouge!", viene registrata insieme a Missy Elliott, Pink, Mya e Lil' Kim.
Poi cala il silenzio e, per ricaricare le energie (anche perché nel frattempo è finita la sua prima grande storia d'amore), Christina si rinchiude per un anno nella casa di Los Angeles, dove, circondandosi solo dei suoi due cani, medita sul futuro e scrive materiale per il nuovo LP.
Finalmente, Christina ritorna sulle scene nell'ottobre 2002: l'immagine di donna matura e sensuale già testata con "Lady Marmalade" si rivela il suo cavallo di battaglia. Con il singolo "Dirrty" – che vede la collaborazione del rapper Redman – scuote l'opinione pubblica non solo per i testi (decisamente osé) ma anche per un video, diretto dal fotografo David LaChapelle, che la mostra impegnata in un match di boxe più simile alla lotta nel fango dei peep-show che a un incontro à la Tyson.
Il secondo LP in studio "Stripped" ('spogliata') arriva a fine ottobre e consegna ai fan una Aguilera pronta a denudarsi dell'immagine consunta da teen-idol per far posto a sensualità, realtà e concretezza tra soul, rock'n'roll e hip hop. L'album vanta una sfilza di collaboratori niente male: Linda Perry, il team di Redman e Rockwilder, Glenn Ballard (produttore di Alanis Morissette), un mago degli studi di registrazione come Scott Storch e un'artista del calibro di Alicia Keys.
Christina è cresciuta e ha conquistato il rispetto dei colleghi VIP; Justin Timberlake, fresco di debutto solista, decide di imbarcarsi con lei (tutti e due vestiti in esclusiva da Versace) in un tour mondiale che ha le proporzioni dell'evento. Intanto escono i singoli "Beautiful" e "Fighter" con annesso video visionario firmato da Floria Sigismondi (quella di "The Beautiful People" di Marilyn Manson).
Il quarto singolo-clip "Can't Hold Us Down" ruggisce (piano piano) come un inno femminista e propone un look da ghetto versione Christina, improbabile ma sexy. Christina stupisce ancora agli MTV Video Music Award, quando l'esibizione sul palco in compagnia di Madonna e Britney Spears si conclude con un bacio saffico.
A novembre del 2003 Christina presenta la serata degli MTV Europe Music Award di Edimburgo per poi prendersi una breve pausa. Nel 2004 appare come testimonial per la campagna Declare Yourself volta a sensibilizzare gli americani sull'importanza del voto. Durante l'estate escono due singoli: "Car Wash", duetto con Missy Elliott e remake del brano di Rose Royce per la colonna sonora del film "Shark Tale", e "Tilt Ya Head Back" insieme a Nelly. A novembre arriva sugli scaffali dei negozi il primo DVD live registrato durante lo Stripped Live in Inghilterra e a dicembre viene lanciato Xpose, il profumo firmato Christina Aguilera.
Il 2005 si apre con la cantante impegnata a collaborare con artisti del calibro di Herbie Hancock e Andrea Bocelli, mentre alla fine dell'anno la convola a nozze con il manager musicale Jordan Bratman. Nel 2006 il singolo "Ain't No Other Man" anticipa l'uscita del sesto album, "Back To Basics", che in poco tempo raggiunge un successo enorme.