Death Cab For Cutie

Death Cab For Cutie: ultimi video musicali

Soul Meets Body

Video Musicali

Grapevine Fires

Video Musicali

Your Bruise

Video Musicali

President of What?

Video Musicali

The New Year

Video Musicali

Jealousy Rides with Me

Video Musicali

Talking Like Turnstiles

Video Musicali

Return to Bellingham

Video Musicali

Death Cab For Cutie: ultimi video

You Are A Tourist (VH1 Storytellers)

Video

I Will Follow You Into The Dark (VH1 Storytellers)

Video

Codes and Keys (VH1 Storytellers)

Video

Cath... (VH1 Storytellers)

Video

Death Cab For Cutie

Vengono da Bellingham, nello Stato di Washington; nascono nel circuito indie-pop di fine millennio; sono un quartetto, ma il grosso del lavoro ruota intorno a una sola persona: sono i Death Cab For Cutie, progetto musicale animato da Ben Gibbard (cantante, chitarrista e tastierista).
L'avventura comincia nel 1997, quando ancora una band vera e propria non c'è: Gibbard collabora infatti con il solo Christopher Walla, chitarrista e organista. Insieme a lui realizza una cassetta con 8 brani che si intitola "You Can Play These Songs With Chords" e che guadagna ottimi consensi nel panorama underground. È proprio il successo del nastro a suggerire l'opportunità di un gruppo a tempo pieno: così, a Gibbard e Walla si uniscono Nick Harmer (basso) e Nathan Good (batteria).
L'esordio dei Death Cab For Cutie è per l'estate del 1998, quando l'album "Something About Airplanes" conferma gli entusiasmi del circuito indie.
Meno di due anni dopo, a marzo del 2000, viene pubblicato il disco #2: si intitola "We Have The Facts And We're Voting Yes" e sancisce un cambiamento di formazione con l'ingresso del batterista Michael Schorr al posto di Nathan Good.
Dopo un EP e l'arrivo di un nuovo batterista (Jason McGerr), i DCFC pubblicano "The Photo Album" (2001), 10 tracce che confermano la vena melodico romantica già presente nei lavori precedenti.
Prima della pubblicazione di "Transatlanticism" (2003, disco #4), c'è spazio anche per un'interessante compilation: si intitola "You Can Play These Songs With Chords" e, come chiaro fin dal titolo, insieme a 10 inediti del periodo 1997-2000 raccoglie anche gli 8 pezzi del nastro omonimo del 1997 (alcuni dei quali già inclusi in "Something About Airplanes").
"Transatlanticism" è l'album del botto, un po' perché vende 225.000 copie nel primo anno, un po' perché suoi brani entrano nelle colonne sonore dei serial televisivi "O.C." e "Six Feet Under", oltre che nella soundtrack del film "2 Single A Nozze" (2005).
Prima di arrivare all'anno 2005, però, accade una cosa importante: a novembre del 2004 i DCFC lasciano il mondo della produzione indie e firmano con Atlantic Records (l'ultima release con Barsuk Records è il live "The John Byrd E.P.").
Il risultato di questo cambiamento arriva ad agosto del 2005, quando Atlantic pubblica l'album "Plans" e si gode il successo di pubblico e critica: parlano chiaro, in questo senso, le 90.000 copie vendute nella prima settimana e la nomination ai Grammy (categoria Best Alternative Album of 2005).
All'inizio del 2006 i Death Cab For Cutie annunciano un nuovo progetto, "Directions". Si tratta di una serie di 11 cortometraggi, ognuno ispirato a una delle tracce di "Plans" e diretto da un regista diverso. L'idea è di metterli online sul sito ufficiale e poi raggrupparli in un DVD (in vendita a partire da aprile).