Dodgy

Dodgy

I Dodgy sono un gruppo inglese, nato a Birmingham nel 1986. Il cantante Nigel Clarke e il batterista Matthew Priest, già insieme in una goth band chiamata Three Cheers For Tokyo, dopo essersi trasferiti a Londra, reclutano il chitarrista Andy Miller tramite un annuncio su un giornale.
Nel 1991 fondano la Bostin record, etichetta che stampa alcuni dei primi singoli come "Summer Fayre" e "Easy way".
Col passare del tempo cresce l'interesse nei loro confronti, anche da parte delle major.
Arriva così il contratto con la A&M che nel maggio del 1993 pubblica l'album d'esordio "The Dodgy album".
Il disco viene particolarmente apprezzato dalla stampa britannica che associa il sound dei Dodgy, in bilico tra Stone Roses e gli Who, a quello della nascente scena pop di Camden guidata dai Blur.
A distanza di un anno esce il singolo "Staying out for the summer", il primo brano ad entrare nella Top 40 inglese, che prepara il terreno per l'imminente successo di "Homegrown".
"Let me go far", si comporta egregiamente a livello europeo e ottimi sono anche i riscontri di "Making the most of" mentre la ristampa di "Staying out for the summer", questa volta supera la barriera della Top 20.
Cavalcando l'ascesa del Brit pop, nonostante non raggiungano comunque la popolarità di Blur, Oasis o Pulp, tra la primavera e l'estate del 1996 riescono a piazzare gli hit single "In a room" e "Good enough", tratti da "Free peace sweet", rispettivamente al dodicesimo e al quarto posto della UK chart.
"Ace A's & Killer B's" è un greatest hits album uscito nel 1998 dopo l'abbandono da parte di Nigel.