Empire of the Sun

Empire of the Sun
  • Alla base dell'opera sonora degli Empire Of The Sun ci sono artwork futuristici e melodie sintetiche [... altro]

DNA

Alla base dell'opera sonora degli Empire Of The Sun ci sono artwork futuristici e melodie sintetiche sognanti. Sin dal debutto - avvenuto con il singolo "Walking On A Dream" (che avrebbe poi dato il nome al primo album ufficiale) - il 'gioco' dei due australiani è stato subito chiaro: Luke Steele e Nick Littlemore hanno combinato abilmente pop, psichedelia e dance. Un mix irresistibile, che ha portato il disco direttamente nelle top ten digitali di molti paesi.
Il lavoro di Luke e Nick è stato fortemente ispirato da una delle pellicole più bizzarre dei seventies, "La Montagna Sacra" di Alejandro Jodorowsky: un film culto che ancora oggi continua a mietere adepti in tutto il mondo. Dalle visioni lisergiche di Jodorowsky il duo ha mutuato quello che si potrebbe definire come uno Star Wars-esque Style sul quale basare le copertine dei dischi e il loro stesso abbigliamento.
Sbaglieremmo a pensare che il progetto Empire Of The Sun sia nato dal niente. I suoi attori hanno infatti militato in due 'indie band' piuttosto importanti come The Sleepy Jackson (Steele) e Pnau (Littlemore). Nel nostro caso, sono riusciti a trovare il modo di far confluire in un solo contenitore le rispettive 'sapienze' in fatto di rock e di elettronica. Un connubio felice, certificato dal pubblico e dagli addetti ai lavori, che li hanno candidati a ben undici nomination nelle categorie principali degli ARIA Award 2009 (più di qualsiasi altro artista) e come 'Best New Act' agli inglesissimi Q Award. Una duplice notizia che ha coronato un anno di successi e le oltre 500.000 copie vendute nel mondo, anticamera all'edizione speciale di "Walking On A Dream" in doppioCD composta dal disco in versione originale, dell'inedita "Girl" e di altre 11 bonustrack tra cui la versione live di "Breakdown".
Ciliegina sulla torta, la collaborazione di Luke Steele all'album di Jay Z "The Blueprint 3": cosa chiedere di più alla vita?