Europe

Europe: ultimi video musicali

Nothin' To Ya

Video Musicali

War Of Kings

Video Musicali

The Final Countdown

Video Musicali

Prisoners In Paradise

Video Musicali

Cherokee

Video Musicali

Open Your Heart

Video Musicali

Superstitious

Video Musicali

Let The Good Times Rock

Video Musicali

Europe

Quando un cambio di sound apre le porte del successo: nati come gruppo progressive rock, nella seconda metà degli anni '80 gli Europe si impongono come i dominatori del panorama pop-metal internazionale, portando alta la bandiera della musica svedese e facendo battere il cuore a milioni di fan nel mondo.
L'avventura comincia qualche anno prima, quando Joey Tempest (voce), John Norum (chitarra) e John Leven (basso), compongono il nocciolo attorno al quale ruota la band dei Force: sono da poco iniziati gli anni '80 e il gruppo suona un valido progressive rock, tanto da vincere un concorso per talenti nazionali e riuscire così ad aggiudicarsi un contratto discografico per la pubblicazione dei primi due album ("Europe" nel 1983 e "Wings Of Tomorrow" nel 1984).
A questo punto succedono 3 cose fondamentali: la prima è che i Force cambiano nome e diventano Europe; la seconda è che l'etichetta Epic Records offre loro un contratto di distribuzione internazionale; la terza è che la formazione va incontro a modifiche importanti: da un lato il chitarrista John Norum viene sostituito da Kee Marcello, dall'altro il batterista Ian Haughland e il tastierista Michael Michaeli completano stabilmente la lineup e contribuiscono a modificare il sound del gruppo in direzione di un pop-rock melodico.
Con tutte queste premesse alle spalle l'anno di svolta è il 1986, quando viene pubblicato "The Final Countdown": il successo dell'album è enorme, tanto da entrare nella zona calda delle classifiche di mezzo mondo e da sfornare due singoli destinati a grandi cose ("The Final Countdown" e "Carrie").
Due anni più tardi, è il 1988, gli Europe pubblicano il loro quarto album ("Out Of This World"), che conferma il sound vincente del disco precedente ma che va incontro a un successo meno eclatante. Potrebbe essere una semplice battuta d'arresto e invece no: mentre indiscrezioni sui malumori all'interno della band si fanno sempre più insistenti, l'album "Prisoners In Paradise" (1991) ottiene un'attenzione modesta.
Tutto sembra andare in direzione dello scioglimento e infatti l'anno successivo la band smette di esistere: ognuno dei componenti va per la sua strada, continuando a frequentare il mondo della musica con esiti alterni e riuscendo in alcuni casi a proseguire la carriera solista (è il caso soprattutto di Joey Tempest). Tutti scoprono di avere il fisco svedese alle calcagna e scoprono di dover pagare l'ingenuità finanziaria con la quale hanno malamente gestito i propri soldi.
Come la fenice, che risorge dalle proprie ceneri, anche per gli Europe l'avventura non finisce in quel triste 1992: dopo oltre 10 anni di silenzio, a metà del 2004 la band annuncia di aver quasi terminato la registrazione di "Start From The Dark" e promette il ritorno a un sound più heavy, simile a quello delle prime pubblicazioni.