Flaminio Maphia

Flaminio Maphia: ultimi video musicali

Le Facce Della Notte

Video Musicali

Er Traffico

Video Musicali

Ragazze Acidelle

Video Musicali

Bada

Video Musicali

Che Idea

Video Musicali

Supercar

Video Musicali

Flaminio Maphia

Dalla Roma coatta con furore.
I Flaminio Maphia sono G-Max e Rude MC, ovvero lo zoccolo duro del G-funk italiano. Il primo comincia nel 1991 con i G.S.P., crew che include Booster G e Yasmine, poi collaboratori dei Sottotono. Rude invece comincia a rappare realizzando un demo con Ice One, provvidenziale organizzatore dei ritmi (cura infatti le basi di Frankie Hi-NRG).
Nel 1994 i due, frequentatori di Radio Centro Suono, assieme a Booster G formano i Flaminio Maphia, nome che prende spunto da un noto quartiere di Roma, ma in capo a pochi mesi la formazione viene rivoluzionata: Booster lascia la band e nello stesso momento entrano nel giro Sparo e Pusha.
Il quartetto si fa conoscere nei locali capitolini e nel circuito hip hop underground partecipando a numerosi jam e contest, tanto che l'anno seguente vengono chiamati come supporter nel tour italiano di Ice-T. Nel 1997 mettono a segno alcuni colpi che li impongono definitivamente presso il pubblico di appassionati: debuttano con un mini-CD, "RestaFestaGangsta", con Ice One ai beat e collaborazioni importanti con Piotta e Colle Der Fomento; vengono scelti come gruppo di spalla nei tour di Coolio e De La Soul; la canzone "Sbroccatamente Si Vive La Notte", con Neffa, diventa parte della colonna sonora del film "Torino Boys" dei Manetti Bros. La collaborazione con i due registi underground continua con la regia dei videoclip "RestaFestaGangsta", "Balla E Dalla" e "La Gabbia".
Il primo album completo dei Flaminio Maphia esce nel 1998 ed è intitolato, parafrasando un classico dell'immaginario rap, "Italy's Most Wanted": si tratta di un disco autoprodotto che si avvale dei beat di alcuni dei migliori artisti della scena hip hop italiana: Wigsoo, Ice One, DJ Pug, DJ Lugi e Squarta di Robba Coatta.
Nel frattempo la formazione cambia nuovamente: fuori Pusha e Sparo, dentro la vocalist Perla. Giusto in tempo per esibirsi allo stadio olimpico di Roma come supporter dei Wu-Tang Clan (1999), una delle crew hip hop migliori di sempre.
Il loro stile piace e diverte: nei loro brani G-Max e Rude MC giocano, rappano, sfottono, sono irriverenti ma anche scanzonati, fondamentalmente si divertono e fanno divertire. Poco alla volta i loro impegni cominciano a trascendere il mondo dell'hip hop: i due recitano in "Zora La Vampira" (commedia dark dei Manetti Bros. targata anno 2000), mentre G-Max da solo prende parte a "Semiautomatic Roma Metal Jacket" del regista A.J. Sikabony (assieme a Neffa, Ice One, e Tormento dei Sottotono) e al film di Antonello Fassari "Il Segreto Del Giaguaro" col Piotta.
Ma torniamo alla musica: nel 2001 esce il singolo "Bada", preludio all'album "Resurrezione", e alla fine dell'anno i Flaminio Maphia partecipano live alla trasmissione MTV Supersonic.
Il sound del nuovo album sancisce un deciso passo in avanti rispetto alla produzione artigianale di "Italy's Most Wanted", soprattutto grazie all'intervento dei producer professionisti del NonSense Studio di Riccardo Sinigallia che rendono tutti i pezzi più armoniosi e godibili. Ad ogni modo, la qualità sonora aiuta ma da sola non basta a giustificare l'enorme successo del singolo "Ragazze Acidelle", brano che diventa un piccolo fenomeno grazie a testi pungenti, a una coinvolgente base funky, curata da Neffa e a un videoclip di forte impatto che impazza a lungo nella programmazione di MTV.
In un certo senso questo è il singolo che sdogana il gruppo dall'ambiente hip hop e li rende noti a un pubblico molto più popolare. Non per niente nel 2003 li ritroviamo in piazza davanti a decine di migliaia di persone al concerto dell'1 Maggio.
Per il ritorno in studio di registrazione bisogna attendere il 2004, con l'uscita del singolo "Supercar", brano che tesse le lodi di una macchina elaborata, e anticipa di qualche mese la pubblicazione del terzo album "Per Un Pugno Di Euri" (che esce a febbraio del 2005).
Dopo più di un anno ecco arrivare il nuovo disco lungo, "Videogame", che annovera una collaborazione con Max Pezzali (nel brano "La Mia Banda Suona Il Rap", il cui video è ancora firmato dai Manetti Bros.). I due Flaminio Maphia vanno orgogliosi dell'album: "Quelli che dicono che scriviamo testi banali, canzoni che non dicono niente, non sanno ascoltare – dichiarano –. Noi parliamo di tante cose, cose serie, ma lo facciamo con ironia, perché è l'ironia a spingere il messaggio lontano. Noi spingiamo l'hip hop agli ottantenni come ai pischelli. Gli altri che fanno? A spingere l'hip hop ai ragazzini che si vestono rap non ci vuole niente". Chiari, diretti, senza peli sulla lingua: il modo ideale per cominciare la tournée estiva che segue la pubblicazione dell'album.