Garbage

Garbage
  • Alternative Dance, Alternative Pop/Rock, Alternative/Indie
  • Garbage: un sacco nero in PVC contenente materiale organico in decomposizione e psicosi a iosa. Oppure: [... altro]

Garbage perform 'Blood For Poppies' live at Webster Hall for MTV Hive's 'Live in NYC' concert series.

Garbage: un sacco nero in PVC contenente materiale organico in decomposizione e psicosi a iosa. Oppure: la risposta dark-pop agli interrogativi della generazione X dei Nirvana, diabolicamente congetturata da tre produttori americani, e angelicamente portata al pubblico dall'inquietante voce di una scozzese di nome Shirley Manson. Il perfetto fondersi fra melodie pop e sperimentazioni noise all'interno dei panorami sonori di My Bloody Valentine, Curve e Sonic Youth.
Ma soprattutto, i Garbage significano la cittadina sperduta di Madison, nel Wisconsin, ricordata come la capitale dei serial killer. Un villaggio-campus fra il lago Mendota e il lago Monna, paragonabile ai Fargo in inverno e ai Blue Velvet in primavera. La location perfetta per uno dei tanti deliri cinematografici di David Lynch.
La band prende forma per la prima volta quando Butch Vig si trasferisce all'Università di Madison negli anni Ottanta. Dopo due anni abbandona gli studi per suonare la batteria negli Spooner: lì conosce il vocalist/chitarrista Duke Erikson, originario del Nebraska. Steve Marker, uno studente di cinematografia alla stessa Università, cresciuto nello stato di New York, è da sempre un loro fan e li aiuta a registrare su un quattro tracce che ha comprato lavorando come tagliaerba. Nel 1984, Vig e Marker investono su un otto-tracce e su un magazzino abbandonato: nascono gli Smart Studios.
Dopo aver pubblicato tre album di garage rock, gli Spooner si trasformano per un breve periodo nei Firetown, dopodiché Vig e Marker si mantengono producendo punk band locali per 100 dollari a pezzo. Presto gli Smart Studios diventano una terra di transito obbligato per tutti gli indie-rocker. Etichette come la Sub Pop, la Touch and Go, la Slash e la Twin Tone mandano tutti i loro artisti di punta a registrare nella facility di Madison.
All'inizio degli anni Novanta, Vig si fa conoscere al mondo intero mettendosi dietro al mixer di alcuni degli album più significativi del movimento grunge/alternativo, fra cui "Nevermind" dei Nirvana, "Dirty" dei Sonic Youth e "Gish" e "Siamese Dream" degli Smashing Pumpkins. Nel 1993, Erikson, Vig e Marker lavorano insieme su band come Nine Inch Nails e House of Pain.
I tre produttori sperimentano senza tregua nel loro studio, cercando di estrarre i suoni più strani dagli strumenti che hanno a disposizione. Poi, una sera del 1994, Vig vede su MTV un video di una band chiamata Angelfish. La cantante è una stupenda bellezza rossa riot girl scozzese di nome Shirley Manson. Vig sa che è la voce perfetta per i Garbage (a proposito, il nome viene dato loro da un amico che, in visita agli Smart Studios, dopo aver ascoltato innumerevoli loop e noise, dice che sembra tutta spazzatura!).
La ragazza, originaria di Edinburgo – già tastierista e corista dei Goodbye Mr Mackenzie prima di approdare agli Angelfish – entra come membro fisso della band nonostante i primi incontri non pongano le premesse migliori. I quattro trascorrono un anno a preparare il loro debutto del 1995. Il clima prevalente di quel periodo è quello di panico morale, quella malinconia riflessa in film come "Seven" e "Natural Born Killers". La cultura pop è un mucchio di paranoia, e la sua cover-girl è Laura Palmer di "Twin Peaks". "Garbage" ottiene un grande successo, sia di critica che di pubblico, grazie a singoli come "Queer", "Only Happy When It Rains" e "Stupid Girl": canzoni che suonano come le peggiori nevrosi di J.G. Ballards trasposte in una specie di glamour pop deviante con inclinazioni contemporaneamente erotiche, arrabbiate e industriali. Dalla sua uscita, il disco vende più di 4 milioni di copie.
A stretto giro dalla pubblicazione dell'esordio, nel 1996 i Garbage appaiono sulla colonna sonora di "Romeo E Giulietta" (la versione di Baz Luhrmann con Leonardo Di Caprio e Claire Danes) con la canzone "Number One Crush". Il brano svetta nelle classifiche alternative e la band si guadagna tre nomination ai Grammy. Nell'aprile 1997, dopo due anni di tour incessante, i quattro cominciano i lavori del secondo LP: "Version 2.0". Perfetto mondo di intrecci claustrofobici fra carne e tecnologia, vede la luce nel maggio dell'anno successivo, preceduto dal singolo "Push It".
A seguito della mastodontica campagna a supporto del disco (spinto da azzeccate scelte musicali per spot pubblicitari di successo), a un ulteriore excursus nel mondo del cinema quando Shirley & Co. nel 1999 vengono chiamati a creare il theme-tune di 007 "The World Is Not Enough" e a un'avventura nel mondo della moda per la rossa vocalist come testimonial di Calvin Klein, i Garbage si chiudono in studio per dar vita a "Beautifulgarbage", terzo album.
Il disco, uscito a fine 2001, è il più emozionale, il più melodico, il più estremo, il più sporco e contemporaneamente il più pulito della band. Il primo singolo "Androginy" conferma in pieno la passione per il materiale controverso che da sempre costituisce il marchio di fabbrica della band. Ancora una volta, dopo l'uscita dell'LP, i quattro si mettono on the road (toccando anche l'Italia) ma improvvisamente tutto sembra diventare assurdamente inappropriato: prima l'11 settembre e la sensazione di fare la cosa sbagliata nel posto sbagliato, compreso il tour come supporter degli U2; poi l'epatite diagnosticata a Vig, che viene sostituito dai batteristi Matt Chamberlain e Matt Walker creando ancora più straniamento; infine Manson che perde la voce, Vig che si sposa, Marker che diventa padre, la figlia di Erikson che trova marito ... insomma, un cataclisma.
I Garbage cercano di tenere insieme i cocci rinchiudendosi a Madison, e i trenta minuti trenta che ci vogliono a comporre e confezionare "Right Between The Eyes", primo tassello del nuovo album, sembrano ricreare la magia. Ma è solo un'illusione. Vig non ci sta dentro psicologicamente, e se ne scappa a Los Angeles; Shirley Manson divorzia dallo scultore scozzese Edward Farrell dopo sette anni di matrimonio; ognuno pensa a una pista diversa da seguire e per cinque mesi i Garbage non si ritrovano assieme nella stessa stanza. Rottura o pausa? Non si sa, ma dopo quei cinque mesi sabbatici la crisi, magicamentre, evapora: lasciano perdere gli esperimenti, alzano a palla gli amplificatori delle chitarre, diminuiscono loops, samples e tastiere e quando un vecchio amico di nome Dave Grohl si siede dietro la batteria, è la fiamma che scatena l'incendio. Devo esagerare? Chiede alla prima session di "Bad Boyfriend"; si esagera gli rispondono e da li esce il caos totale. "Bleed Like Me" esce nel 2005, trascinato da singolo "Why Do You Love Me" e tutto suona di nuovo, magicamente, grande.