Gianni Morandi

Gianni Morandi
  • World, Italian Pop
  • L'amico di tutti, il ragazzo prodigio, il fidanzatino d'Italia, uno di noi: l'affetto di questi soprannomi [... altro]

Dobbiamo fare luce

L'amico di tutti, il ragazzo prodigio, il fidanzatino d'Italia, uno di noi: l'affetto di questi soprannomi è il termometro per misurare il successo di uno degli artisti più amati della musica leggera italiana.
Gianluigi Morandi, il futuro 'Paul Anka italiano', nasce a Monghidoro (provincia di Bologna) l'11 dicembre 1944. La famiglia ha una modesta situazione economica, così che Gianni già da bambino aiuta la bottega di casa e si impegna in tanti piccoli lavori. Cantando nel cinema del paese e nelle feste di piazza diventa un mini-divo locale, fino a quando, lasciati gli studi a 12 anni, si trasferisce a Bologna e viene svezzato musicalmente dalla maestra Alda Scaglioni.
Nel 1958 Gianni è pronto ed esordisce nella Casa del Popolo di Alfonsine: è l'inizio di una dura gavetta nei locali della Romagna. Mentre il padre lo educa ai testi sacri del comunismo, il figlio impara a suonare la batteria e la chitarra e nel 1961 fonda la sua prima band, Gianni Morandi E Il Suo Complesso. E si guadagna il soprannome di 'Paul Anka italiano'. Nel 1962 si piazza primo al festival di Bellaria e grazie al talent scout a tempo perso Paolo Lionetti ottiene un provino alla RCA di fronte a Franco Migliacci (futuro vincitore di un Oscar), Luis Enriquez Bacalov ed Ennio Morricone, arrangiatore dei primi pezzi di Gianni.
Il successo arriva con il 45 giri "Andavo A Cento All'ora", che apre un ciclo di canzoni di grande successo: "Fatti Mandare Dalla Mamma A Prendere Il Latte", "Go Kart", "Meglio Il Madison". Gianni si esibisce insieme a Rita Pavone nel programma Alta Pressione, fa strage di cuori adolescenti e per lui si spalanca la strada del grande schermo con i film (e annesse canzoni) "In Ginocchio Da Te", "Se Non Avessi Più Te", "Chimera", durante le registrazioni dei quali conosce Laura Efrikian. Il flirt tra i due (che diventerà un grande amore) preoccupa i discografici, che temono un calo di vendite per la delusione delle fan del 'fidanzatino d'Italia'.
Invece i premi, da qui fini ai primi anni Settanta, si sprecano: 4 Cantagiro (1964, 1966, 1968 con "Scende La Pioggia", 1969) e Canzonissima 1965/66, e così anche i successi discografici ("Scende La Pioggia" si stabilizza in cima alle classifiche dei dischi più venduti), nonostante Gianni nel 1967 parta per il servizio militare. Nel 1966 Morandi dimostra di non essere solo 'carino e melodico' scegliendo di interpretare una canzone scomoda come "C'era Un Ragazzo Che Come Me Amava I Beatles E I Rolling Stones". Ormai artista affermato, viene intervistato da Enzo Biagi in "Dicono Di Lei", prestigioso spazio televisivo della Rai, e debutta nel cinema 'serio' in "Le Castagne Sono Buone" di Pietro Germi. Anche la vita privata è ricca di soddisfazioni: nel 1966 sposa Laura Efrikian, tre anni dopo nasce Marianna e nel 1974 viene alla luce il figlio Marco, che seguirà le orme del padre nel mondo della musica.
Negli anni Settanta Morandi frequenta poco lo schermo televisivo (tolto il Festival di Sanremo del 1972, dove arriva quarto con "Vado A Lavorare") e le classifiche musicali, anche se rimane uno tra gli artisti popolari più amati. Il 'ragazzo prodigio' attraversa un lungo periodo di crisi artistica, incapace di adeguarsi agli stili musicali che cambiano. Il successo della canzone per bambini "Sei Forte Papà", invece di risollevarlo, deprime ulteriormente la sua autostima. Nel 1979 finisce il matrimonio con la moglie.
I primi Ottanta sono gli anni della riscossa artistica: nel 1980 torna al Festival di Sanremo con "Mariù", poi instaura una proficua collaborazione con Mogol e nel 1983 ottiene un grande successo al Festival di Sanremo con "La Mia Nemica Amatissima"; l'anno seguente conquista le famiglie italiane con lo sceneggiato Voglia Di Volare di Pier Giuseppe Murgia. La fiction tv lo vede ancora protagonista con "Diventerò Padre", "Voglia Di Cantare" (1985) e "Voglia Di Vincere" del 1987. Intanto anche la carriera musicale riparte alla grande, con "Grazie Perché" cantata in coppia con Amii Stewart, e con il disco "Immagine Italiana" (1984); i rotocalchi di gossip ricominciano ad attribuirgli svariati flirt, con la stessa Amii Stewart, con Paola Pitagora, con Serena Grandi. "Uno Su Mille" è un altro LP di successo, oltre che un'affermazione di orgoglio ritrovato.
Nel 1987 la sua "Si Può Dare Di Più", cantata insieme a Tozzi e Ruggeri, vince il Festival della Canzone Italiana; il pezzo viene inserito nell'LP "Le Italiane Sono Belle". Nel 1988 registra insieme all'amico Lucio Dalla il disco a quattro mani "Dalla Morandi", a cui segue un tour in coppia che riscuote un successo straordinario anche all'estero; esce anche il disco del 1989 "Varietà" (che brilla per "Bella Signora"). Morandi riconquista così il posto che gli spetta, tra le prime file della musica popolare italiana: macina successi discografici, si esibisce in fortunati concerti dal vivo, torna allo sceneggiato con "In Fuga Per La Vita" (1992) e "La Voce Del Cuore" con Mara Venier; nello stesso anno pubblica "Morandi-Morandi".
Nel 1994 incontra Anna Dean, imprenditrice bolognese, e nasce un nuovo amore; presto Gianni sarebbe diventato prima nonno, dalla figlia e dal compagno di lei Biagio Antonacci, e poi ancora papà. L'anno dopo partecipa al Festival di Sanremo in duetto con Barbara Cola e la loro "In Amore" si classifica seconda. Nel 1996 gira l'Italia con una tournée che registra uno strepitoso successo, al punto che la Rai trasmette in diretta la serata di chiusura. Dopo i dischi "Gianni Morandi" (1996) e "Celeste Azzurro E Blu" del 1997, pubblica una raccolta, "30 Volte Morandi" (1998), che racconta 30 anni di grandi successi.
Nel 1999 Gianni celebra la sua epopea raccontandosi nel programma tv "C'era Un Ragazzo" e l'anno dopo ottiene un terzo posto al Festival di Sanremo con "Innamorato", scritta da Eros Ramazzotti; a breve segue il disco "Come Fa Bene L'amore". Eterno ragazzino, immutabile nell'aspetto e sempre in forma smagliante, partecipa addirittura due volte (nel 1998 e nel 1999) alla Maratona di New York.
Nel 2002 torna prepotentemente alla ribalta: prima pubblica la raccolta in doppio cd "C'era Un Ragazzo", poi a settembre il nuovo disco "L'amore Ci Cambia La Vita", anticipato dal singolo omonimo datato luglio; infine, ricompare sugli schermi di Raiuno in "Uno Di Noi", programma legato alla Lotteria Italia.