Heavens

Heavens

Quando la malinconia diventa dark rock.
Alla base del progetto Heavens si trova l'amicizia tra Matt Skiba (cantante degli Alkaline Trio) e Josiah Steinbrick (bassista degli F-Minus), nata quando Matt si trasferisce da Chicago a Los Angeles e diventa il coinquilino di Joe. Un giorno come tanti il bassista mette nello stereo una cassetta su cui ha inciso alcuni brani strumentali, e appena il cantante li sente se ne innamora e decide che su una musica come quella scrivere i testi sarebbe stato semplicissimo, quasi istintivo.
Nell'agosto del 2004 i due si chiudono ognuno nella propria stanza a comporre (Skiba in compagnia di una bottiglia di vino!) e poi si ritrovano nella camera di Matt per rifinire i pezzi. Mentre per gli Alkaline Trio propone come modelli i Ramones e i Misfits, per gli Heavens Matt tira fuori l'influenza che hanno avuto su di lui i Sisters Of Mercy. Le melodie di Steinbrick si muovono invece sulla scia del rock sperimentale in stile Wire, Brian Eno e Television.
Nei tre mesi successivi lo scheletro del disco è pronto e viene affidato al produttore e amico in comune Ben Lovett, con cui Matt e Josiah si chiudono nei Sunny Heights Studio di Los Angeles. Per completare l'opera Steinbrick chiama il batterista Matthew Compton, che donna al tutto un tocco particolare, e l'ingegnere del suono Ryan Hewitt per il mixaggio.
A questo punto manca solo una cosa: l'etichetta. Nessun problema: Brett Gurewitz, il fondatore della Epitah, si mostra subito entusiasta e il contratto è fatto. "Patent Pending" esce a settembre del 2006 ed è seguito da un lungo tour promozionale.