Helmet

Helmet

Gli Helmet sono nati a New York nel 1989 per mano di Page Hamilton, chitarrista trasferitosi nella Grande Mela per studiare jazz, ma travolto dalla scena undergorund locale entra far parte dei Band Of Susan e della Glen Branca Orchestra. Alfieri dell'emergente scena noise insieme a gruppi come Surgery, Unsane e Cop Shot Cop, esordiscono nel 1990 con il singolo "Born Annoying". Nello stesso anno esce anche "Strap It On", album che fa conoscere le nuove sonorità in giro per il mondo e che vale alla band il contratto con la Interscope, che nel 1992 pubblica lo storico "Meantime", forse il miglior disco della band accolto con particolare entusiasmo dalla stampa specializzata. Nel 1993 Rob Echevarria (ex Rest In Pieces) prende il posto di Peter - l'altro chitarrista di origine australiana (ex New Christ) - giusto in tempo per "Betty", ma abbandonerà a sua volta il gruppo poco prima dell'inizio delle registrazioni di "Aftertaste". L'attività degli Helmet rallenterà col passare del tempo a causa dei numerosi impegni e progetti solisti in cui è coinvolto Hamilton, ma dopo ben cinque anni di sparizione ecco il ritorno in scena nel 2004 con "Size Matters" e un tour mondiale.
Nel 2006 è la volta del nuovo lavoro "Monochrome", seguito poi nel 2010 da "Seeing Eye Dog".