India.Arie

India.Arie

Nel segno del soul.
Voce dolce e avvolgente, ma allo stesso tempo grintosa, India Arie Simpson, in arte India.Arie, nasce il 3 ottobre 1975 a Denver, in Colorado. La musica è una costante della sua vita fin dall'infanzia, e non potrebbe essere diversamente visto che la madre, Joyce, in gioventù è stata una cantante e ha lavorato nell'ambito della storica etichetta Motown, quella di artisti come Marvin Gaye, Diana Ross & The Supremes o The Jackson 5. Anche il padre, giocatore di basket professionista, è appassionato di black music.
La prima parte del suo nome è un omaggio alle lotte pacifiste del Mahatma Gandhi, mentre Arie significa "leone", un nome importante per una ragazza determinata: fin da giovanissima, infatti, inizia a suonare una quantità di strumenti, dal flauto dolce al sassofono, dal clarinetto alla tromba.
In seguito al divorzio dei genitori, India si trasferisce ad Atlanta con la madre e frequenta il Savannah College Of Art And Design per diventare una disegnatrice di gioielli. È in questo periodo che scopre la chitarra e inizia a collaborare con un collettivo di giovani artisti, il Groovement/Earthseed. Grazie alla partecipazione a una compilation, nel 1999 viene invitata a salire sul palco in un paio di date del Lilith Fair, un tour 'all-women' organizzato dalla cantante Sarah McLachlan. Nel corso della sua performance viene notata da un talent scout della Universal e dal presidente della Motown, Kedar Massenberg, che le propongono il primo contratto discografico.
"Acoustic Soul", il suo album d'esordio, esce nel marzo 2001 dopo una lavorazione di oltre un anno e mezzo, e balza al decimo posto nella classifica di Billboard e al terzo nella classifica R&B/Hip-Hop. Trascinato da singoli azzeccati ("Video" e "Brown Skin"), il disco ha un grande successo e conquista un doppio platino.
Inizia per la giovane performer un periodo d'oro fatto di collaborazioni eccellenti: John Mellencamp e Cassandra Wilson, poi scrive la track "Good Man" per il film di Mel Gibson "We Were Soldiers" e parte per un lungo tour con Sade. Inoltre è chiamata a fare da headliner al tour Women In Hip-Hop And Soul e viene scelta per la campagna pubblicitaria TV di Gap al fianco di Sheryl Crow, Liz Phair e Lisa 'Left Eye' Lopes.
Nel dicembre 2001 "Acoustic Soul" varca la soglia del milione di copie vendute e India.Arie è nominata migliore nuova artista da Vibe Magazine, MTV2 e dai Billboard Video Awards, mentre Entertainment Weekly la include nella Top 100 dei personaggi dello spettacolo.
Il 2002 si apre con le nomination per il Grammy: la giovane artista ne riceve addirittura sette, una sola in meno rispetto agli U2. Incredibilmente, non ne porta a casa nessuno, ma si consola con una live performance molto intensa alla cerimonia di premiazione. Nel maggio 2002 riceve l'Essence Award "per aver scritto l'inno delle donne di colore, di cui celebra la forza, il coraggio e la saggezza". A giugno, BET la candida al titolo di Migliore Artista R&B Femminile e intanto l'LP resiste alla grand ein classifica.
Con queste premesse, la cantante pone le basi per il suo secondo lavoro, "Voyage To India" che arriva a fine settembre. Anticipato dal singolo "Little Things", è un mix di jazz, folk, pop, soul e groove, scritto con il sound di artisti come Stevie Wonder bene in testa. Il CD nel 2003 si aggiudica due Grammy Awards e un disco di platino.
Dobbiamo aspettare fino al giugno 2006 per ascoltare il terzo album da studio, "Testimony: Vol. 1, Life & Relationship", che appena uscito conquista il pubblico americano e riporta la Motown al numero 1 della chart americana: non succedeva dal 1972, con Diana Ross. "Testimony: Vol. 2, Love & Politics" arriva sugli scaffali nella primavera 2007, ulteriore tassello di una carriera in continua ascesa.