Ja Rule

Ja Rule
  • Rap, Gangsta Rap, Hardcore Rap, East Coast Rap
  • Ja Rule è il re indiscusso degli inni di strada del nuovo millennio. Nato il 29 febbraio del 1976 nel [... altro]

Ja Rule è il re indiscusso degli inni di strada del nuovo millennio.
Nato il 29 febbraio del 1976 nel Queens (NY), Jeffrey Atkins, in arte Ja Rule, dimostra ancora giovanissimo di essere un artista hip hop a tutto tondo: scrive rime incisive, ha un piglio melodico potente da far invidia ai migliori rapper del globo e conosce i quartieri più bui di New York e le bande più pericolose della metropoli americana. Il suo talento innato e la sua voce da baritono sono ammirati perfino dai duri più tough e delle reginette glam del ghetto. Non è un caso che pesi massimi dell'hip hop come LL Cool J, Da Brat, Redman, Method Man e Warren G. facciano ricorso a lui per dare più fascino e più intensità alle loro canzoni.
Ja Rule sperimenta in prima persona i lati peggiori dell'industria discografica quando milita nella crew underground Cash Money Click. Nel 1998 però la fortuna gira e il giovane rapper compare nella hit di Jay Z "Can I Get A" (per la quale ha scritto il ritornello).
Il suo primo album, "Venni Vetti Vecci", viene pubblicato nel 1999 dall'etichetta Def Jam ed è subito un successo. In breve tempo diventa disco di platino, debutta alla posizione numero 3 della pop chart di Billboard e genera la popolarissima hit "Holla Holla". Il titolo del CD (o meglio, l'esatta versione latina "veni, vidi, vici") è una sorta di presagio della magnifica carriera che lo aspetta.
Ma, come dice Ja, un pezzo vincente spesso può essere anche una maledizione. Il pubblico e alcuni esperti del settore vogliono infatti un altro brano sullo stile di "Holla Holla" ma Ja Rule vuole sfondare come artista, vuole fare musica che gli "esce dal cuore". Per lui le vendite sono importanti ma non sono tutto.
Il secondo lavoro del gangsta rap, "Rule 3:36" (2000), viene registrato a Los Angeles e rafforza il suo ruolo di icona hip hop. L'album infatti è un mix intrigante di storie a tinte soul, di tribolazioni e trionfi, di racconti di vita, di balli ai party con i dancefloor e di pensieri provocatori sulle condizioni nei ghetti. Le intenzioni di Ja Rule si leggono comunque già nel titolo: un disco rivolto ai suoi cari ma anche ai suoi detrattori. L'autore sostiene che chi "ha fiducia in Ja si merita l'amore eterno, chi invece non ci crede vedrà solo l'ira della sua vendetta". In queste dichiarazioni si sviluppa anche il feeling con l'astro nascente dell'r&b Christina Milian, con la quale realizza la pop-hit "Between Me & You".
Contemporaneamente azzecca anche qualche collaborazione vip (la più famosa è quella con Jennifer Lopez), diventa testimonial della campagna statunitense di Calvin Klein e appare in numerosi film tra cui "The Fast and the Furious" del 2001. I suoi sogni sono finalmente diventati realtà.
Il terzo album, "Pain Is Love" (2001), anticipato dal duetto con Ashanti "Always On Time" (che gli regala l'ennesima top 10 hit nella Billboard chart dei singoli) lo consacra nel firmamento delle star dell'hip hop. La canzone "So Much Pain" è un omaggio di Ja Rule all'indimenticabile martire del gangsta rap 2Pac.
I due CD successivi, "The Last Temptation" (2002) e "Blood in My Eye" (2003), non faticano a raggiungere le vendite dei lavori precedenti e sono molto applauditi dai fan.
L'ultimo e sesto album, intitolato "R.U.L.E.", viene pubblicato nel 2004 ed è un ritratto dei sentimenti conflittuali che spaventano Ja Rule. L'artista infatti è convinto di diventare uno dei martiri della strada e una delle vittime eccellenti della violenza nella Black America metropolitana. In questo senso il duetto più riuscito e credibile del disco è quello con R. Kelly (il singolo "Wonderful"). La coppia infatti descrive al meglio l'insicurezza del domani e i problemi della dura vita nel ghetto.