Janet Jackson

Janet Jackson: ultimi video musicali

No Sleeep (feat. J. Cole)

Video Musicali

Doesnt Really Matter (2000 MTV Video Music Awards)

Video Musicali

Thats The Way Love Goes and If (1993 MTV Video Music Awards)

Video Musicali

You

Video Musicali

Whoops Now

Video Musicali

Make Me

Video Musicali

Runaway

Video Musicali

Everytime

Video Musicali

Janet Jackson

Cenerentola della cucciolata di talenti sfornata da Joe e Katherine Jackson, Janet Damita Jo Jackson nasce il 16 maggio 1966 nella cittadina di Gary, Indiana, in una casa in cui respira il fascino del successo fin dalle prime poppate.
Circondata da una famiglia di talenti – i Jackson 5 e Michael Jackson vi dicono niente? - Janet, fin dall'età di sette anni a cui risale il suo debutto sul palcoscenico all'MGM Grand di Las Vegas, si è sempre attenuta al principio insegnatole dai suoi genitori: non bisogna mai desistere. E dopo quel debutto sul palco prova a sfondare lo star system alla tenera età di 10 anni prima nelle sitcom "Good Times" e "Diff'rent Strokes" ("Il Mio Amico Arnold") e poi in lavori più impegnativi, fra cui la fortunata serie di "Saranno Famosi".
Appena teenager pubblica il suo primo album "Janet Jackson" (1982), il cui singolo "Young Love" raggiunge il numero 6 della chart r'n'b americana. Passano due anni (e il matrimonio, osteggiato dalla famiglia, con James Debarge dell'omonimo gruppo r'n'b ) prima del suo secondo album "Dream Street" (1984), che però non raggiunge il successo del precedente.
Rotto il sodalizio familiare e artistico con il suo primo marito, Janet torna sotto l'ala familiare e con la collaborazione di Jimmy Jam e Terry Lewis, conosciuti durante la sua prima tournée, si mette a lavorare all'album "Control" (1986). È il disco della svolta: trasferitasi da Los Angeles a Minneapolis, scopre le sue doti di autrice e si reinventa come persona grazie all'aiuto del duo, destinato a diventare suo fedele 'partner' di penna e di produzione, e di John McClain, che ne esalta le capacità di performer sul palco.
Con la duttile voce, il caloroso umorismo e l'esuberante atteggiamento della protagonista e con videoclip innovativi da lei stessa ideati, "Control" esplode dando luogo a una lunga serie di hit.
Lo spartiacque è segnato, nel 1989, da "Rhythm Nation 1814" (1814 è l'anno in cui Francis Scott Key scrisse l'inno nazionale americano), album funky ad altissima tensione, con testi che riflettono la vita vera e gli autentici interessi di Janet. Pochi mesi dopo, il tour Rhythm Nation si trasforma nella tournée d'esordio di maggior successo della storia attirando circa due milioni di spettatori.
Nel 1991 Janet, affermatasi anche come abile donna d'affari, lascia la A&M e negozia un contratto plurimiliardario con Virgin e, solo dopo aver ripreso l'attività di attrice partecipando con Tupac Shakur al film "Poetic Justice" di John Singleton, completa "janet.", il suo terzo album consecutivo a vendere oltre 5 milioni di copie nei soli Stati Uniti (e ben 15 nel complesso). I singoli "That's The Way Love Goes" e "Any Time Any Place" mostrano una nuova immagine decisamente sexy di Janet.
Nel 1995, insieme al fratello Michael, realizza l'hit "Scream", ricordato per lo sbalorditivo e costosissimo video fantascientifico. L'anno dopo vengono pubblicati la sua prima antologia, "Janet Jackson 1986-1996 Design Of A Decade", e il suo 16º singolo d'oro, "Runaway", accompagnato da un altro indimenticabile videoclip.
Nel 1997 "The Velvet Rope" avvicina quanto mai prima al suo pubblico la protagonista, che apre il suo cuore nel più introspettivo e sensuale dei suoi album. Il tour fa registrare il tutto esaurito ed entusiasma gli spettatori in tutti i Paesi visitati.
Nel 2001 Janet, affidandosi al motto "Ciò che abbiamo in comune è la musica, e la musica mi stimola sempre", torna sulla scena spinta dal fuoco della sua passione. A fine aprile viene infatti pubblicato "All For You", album che segna un ritorno al tipico funky-soul di Janet, fortemente radicato negli anni Ottanta, e che annuncia la nuova tournée mondiale in partenza nel luglio 2001. Al disco hanno collaborato gli ormai familiari Jam e Lewis e una new entry, Rockwilder.
Dopo un paio d'anni lontana dai riflettori (con il suo Award Of Merit conquistato agli American Music Awards del 2001 ben stretto tra le braccia) Janet torna con "Damita Jo", un disco che guarda nel profondo dei segreti della vita e dell'amore, e con l'ormai chiacchieratissima esibizione con Justin Timberlake al 37° Superbowl in cui, maliziosamente, Janet ha mostrato qualcosa in più delle sue proverbiali grazie.
Mentre ancora si parla di quel seno scoperto durante il Superbowl, Janet torna in studio per registrare la sua nona prova discografica: "20 Y.O." . Il titolo del nuovo disco celebra i 20 anni passati dal primo successo di Janet, l'album "Control", ma anche (come rivela il suo compagno Jermaine Dupri, uno dei produttori esecutivi) il fatto che in realtà la cantante si senta ancora una ventenne. Il primo estratto è "Call On Me" in cui la sorellina di Jacko duetta con Nelly, mentre per il secondo singolo "So Excited" si fa accompagnare da Khia.