Julio Iglesias

Julio Iglesias: ultimi video musicali

Julio Iglesias - Y Nos Dieron las Diez

Video Musicali

Julio Iglesias - Se Me Olvidó Otra Vez

Video Musicali

Julio Iglesias - Júrame

Video Musicali

Julio Iglesias - Se Me Olvidó Otra Vez

Video Musicali

Julio Iglesias - Échame a Mi la Culpa

Video Musicali

Julio Iglesias - La Media Vuelta

Video Musicali

Julio Iglesias - Quién Será

Video Musicali

Julio Iglesias - Ella

Video Musicali

Julio Iglesias

Sensuale, magnetico, bello come il sole, capace di trasformare una canzone d'amore in un atto di seduzione: Julio Iglesias è il cantante latino più popolare di tutti gli anni '70 e '80. Oltre 100 milioni di album venduti in tutto il mondo sono lì a dimostrarlo.
E dire che all'inizio l'idea era di fare l'avvocato.
Attenzione, però: non immaginatevi un topo di biblioteca tutto occhiali spessi e grasso superfluo, perché insieme alla carriera forense il giovane Julio porta avanti anche un'intensa attività calcistica (come portiere gioca niente meno che nel Real Madrid). Poi succede il classico imprevisto che ti cambia la vita: un incidente automobilistico elimina dal suo futuro qualsiasi velleità sportiva, aprendo quasi per caso un mondo fino allora sconosciuto. È nel corso del ricovero in ospedale e della successiva convalescenza che Julio Iglesias comincia a suonare la chitarra e a comporre canzoni. Ed è qui che la vocazione di una vita salta finalmente fuori, perché quello che per molti sarebbe stato solo un simpatico passatempo per fare colpo sulle compagne di scuola, diventa ciò che di lì a poco gli consentirà di conquistare le donne di mezzo pianeta (prima però c'è la conclusione degli studi forensi, presso l'Università di Cambridge).
Eccoci dunque all'anno 1968 e alla partecipazione allo Spanish Song Festival di Benidorm, con la canzone "La Vida Sigue Igual": Julio Iglesias vince il primo premio e conquista sul campo un contratto con l'etichetta indipendente Discos Columbia.
Da questo momento e per tutti gli anni '70 la carriera prende sempre più forma, a suo di dischi, di successi come "Manuela" e di tournée in Europa e America Latina. Entro la fine del decennio il suo nome è talmente famoso da spingere CBS International a corteggiarlo con un contratto di tutto rispetto, al quale Julio cede nel 1978 (nel frattempo, ha avuto il suo terzo figlio insieme alla ex modella di origine filippina Isabel Preysler. Il suo nome è Enrique, destinato alla musica come il padre. Ma questa è un'altra storia).
Il contratto con CBS International porta alla svolta: le canzoni cominciano a essere registrate non solo in spagnolo, ma anche in italiano e francese, e con l'inizio del nuovo decennio in lingua inglese (molti sforzi di CBS International si concentrano proprio sul mercato anglosassone). La svolta comincia a pagare sin da 1981, quando la sua cover di "Begin The Beguine" diventa #1 e la compilation "Julio" (1983) ottiene ottimi riscontri su entrambe le sponde dell'Atlantico. Quello che forse è il suo successo più grande arriva l'anno successivo, grazie all'album di duetti "1100 Bel Air Place": brani come "To All The Girls I've Loved Before" (cantata in coppia con Willie Nelson), oppure "All Of You" (duetto con Diana Ross), tirano la volata verso le oltre 3 milioni di copie vendute nei soli Stati Uniti.
A questo punto una cosa è chiara: la popolarità di Julio Iglesias è immensa e destinata a crescere nonostante il fatto che per il resto degli anni '80 solo un altro suo brano diventi una hit (si tratta di "My Love", in coppia con Stevie Wonder).
Dopo tante soddisfazioni, negli anni '90 Julio Iglesias termina il lungo corteggiamento del mercato anglosassone e si dedica al suo vecchio amore, registrando quasi solo in lingua spagnola. Ciononostante, la sua fama non accenna a diminuire, rendendolo ancora capace di vendere milioni di dischi e mandare esauriti i concerti live praticamente in tutto il mondo.