Leaves

Leaves

Rock dalla terra del ghiaccio.
Nella fredda Reykjavik (Islanda) due bambini di 5 anni parlano del loro futuro e se lo immaginano nel mondo della musica. Ed evidentemente avevano le idee chiare, dato che dopo qualche anno i baby sognatori, di nome Arnar Gudjonsson (voce) e Arnar Olafsson (chitarra), ci provano seriamente. Dopo aver pubblicato qualche demo, incontrano Bjarni Grimsson (batteria) e Hallur Hallsson (basso) e il loro futuro diventa una certezza: suonare nei neonati Leaves. Bastano qualche live nei locali della zona e qualche altra registrazione casalinga e il rock della band attira l'attenzione delle label.
Nel 2002 esce"Breathe", il disco di debutto, per la B-Unique in Inghilterra e per la Dreamworks negli States. Altre date, qualche apparizione Oltreoceano, l'album, prodotto da Steve Osborne (Happy Mondays, Suede), che va alla grande ma la band sembra non essere comunque pienamente soddisfatta. Per dare una svolta e tornare ad amare la propria musica i Leaves si rinnovano con un cambio nella line up che vede Noi Steinn Einarsson nella veste di nuovo batterista e Andri Asgrimsson alla tastiera. Ovviamente ciò comporta qualche novità nel sound della band e nel suo approccio verso la musica: ogni singolo membro gioca una parte fondamentale nel processo di nascita del disco tirando fuori una profondità e delle sfumature che erano prima solo accennate.
Tutto questo si riflette ovviamente nella seconda prova discografica della band. "The Angela Test" esce per la Island nel 2005 ed è un disco segnato da misticismo e magia, tipici della cultura islandese, che donano un tocco particolare ai pezzi rock dei Levaes. Segue un tour per la Gran Bretagna come supporter di Supergrass e Thirteen Senses e altre date in giro per il mondo.
Nel 2006 il gruppo si mette al lavoro al nuovo album anticipato dal brano "Kingdom Come", che viene messo a disposizione dei navigatori sul sito del gruppo.