Level 42

Level 42: ultimi video musicali

Tie A Yellow Ribbon

Video Musicali

Children Say

Video Musicali

Are You Hearing (What I Hear)?

Video Musicali

The Sun Goes Down (Livin' It Up)

Video Musicali

Out Of Sight Out Of Mind

Video Musicali

The Sun Goes Down (Living It Up)

Video Musicali

Leaving Me Now

Video Musicali

Running In The Family

Video Musicali

Level 42

Un quarto di secolo a ritmo di soul. Originari dell'isola di Wight, i fratelli Gould, Phil il batterista e Boon il chitarrista, con Mark King, bassista, sbarcano a Londra alla fine del 1979: qualcuno per studiare, qualcuno per cercare fortuna con la musica, dopo diverse prove e tentativi nell'isola quando erano adolescenti. È Phil Gould a far conoscere il tastierista Mike Lindup a Mark e a far prendere magicamente forma a una band che fino a quel momento si era barcamenata tra session informali e tentativi abbozzati.
È il maggio del 1980 quando i Level 42 (a proposito, il nome è stato preso dalla "Guida Galattica Per Autostoppisti" di Douglas Adams) sono notati in una delle loro sessioni spontanee dal manager di una piccola etichetta indipendente, Andy Sojka, che gli propone un accordo con la sua Elite Records e produce il primo singolo della band, "Love Meeting Love", uscito nel mese di luglio: a quel tempo il pezzo è solo strumentale, ma attira ugualmente le attenzioni della Polydor Records che spinge per avere una voce, ottiene che Mark King metta un microfono davanti a sé, strappa un contratto con la band e produce il seguito a quell'esordio, "(Flying On The) Wings Of Love".
Trascinati dalla fama di questi due singoli i concerti si susseguono intensi fino a quando la Polydor non decide di chiudere i Level 42 in una sala di registrazione con Mike Vernon: "Love Games" è solo un assaggio del loro album di debutto omonimo uscito a fine estate del 1981 e balzato immediatamente nella top 20. Assediati dalle richieste dei fan i Level 42 ristampano il materiale registrato con la Elite, che esce con il titolo di "The Early Tapes July/August 1980" mentre con Mike Vernon tornano in studio per lavorare a "The Pursuit Of Accidents": immediatamente dopo l'uscita a settembre la band è già in tour, e ci rimarrà per tre mesi attraversando buona parte d'Europa. In Germania, alla fine del 1982, i Level 42 incontrano Larry Dunn e Verdine White degli Earth, Wind And Fire, che li invitano negli States per registrare con loro: in marzo la band è già in volo sopra l'Atlantico per andare a lavorare al suo quarto album per la Polydor. La prima gemma a uscire da quelle sessioni è "Out Of Sight, Out Of Mind" che scalda il pubblico americano in attesa del primo concerto a stelle e strisce dei Level 42, che avviene nel festival "Britain Salutes New York" a maggio, quando "Standing In The Light" è già fatto e finito.
Di ritorno in Europa la band è invitata al Montreux Jazz Festival che apre il "1983-1984 World Tour". Nonostante il periodo di riposo dopo le lunghe fatiche del tour, e nonostante il debutto solista di Mark con "Influences", in agosto i Level 42 hanno già pronto un singolo "Hot Water" che spiana la strada all'album "True Colours": l'attività live è ormai intensissima tanto che a metà del 1985, per accontentare i fan che volevano qualcosa che ricreasse il calore live della band, esce "A Physical Presence", primo LP live dei Level 42. La band è all'apice della sua fama e bravura, i concerti sono regolarmente sold out, il disco successivo "World Machine" vende oltre tre milioni di copie in tutto il mondo (siamo nel 1985!) e i Level 42 stanno per sfornare il pezzo che li farà entrare nella storia della musica pop: corre l'aprile del 1986 quando la band lancia "Lessons In Love" che trascina l'album "Running In The Family" al disco di platino in appena una settima! (e alla fine sarà doppio platino).
Ma dopo aver accompagnato Madonna in tour, nell'ottobre del 1987 Phil e Boon Gould decidono di lasciare i Level 42: il primo per esaurimento nervoso e per insanabili divergenze sulla direzione pop che la band stava prendendo; il secondo per fastidiosi problemi di stomaco che lo inducono a lasciar perdere i palchi e le sale di registrazione e a ritirarsi nel ruolo di padre e marito. Dopo la breve apparizione di Neil Conti dei Prefab Sproutm Mark e Mike erano alla ricerca di un chitarrista e di un batterista: con Gary Husband e Steve Topping (che lascerà appena finito il lavoro, rimpiazzaro da Alan Murphy) i Level 42 si ritirano in Irlanda e cominciano a lavorare al nuovo disco, "Staring At The Sun", finito nel tempo record di 26 giorni. Il tour europeo, chiuso da sei date sold out consecutive a Wembley, lascia spazio a un vero e proprio anno di riposo, il 1989. Purtroppo però le cattive notizie erano ancora da venire: Alan scopre di essere seriamente malato di aids e nel mese di ottobre muore. La band cancella ogni impegno, compresa la promozione del singolo "Take Care Of Yourself", e dedica l'uscita del best of "Level Best" alla sua memoria.
Nel dicembre del 1989 Mike si imbarca in un progetto solista ("Changes") e il 1990 diventa un anno pieno di progetti laterali rispetto ai Level tanto che l'uscita di "Guaranteed" è rinviata di quasi un anno, anche a causa di alcune dispute con la Polydor. Il disco esce quindi solo nel 1991, per la RCA/BMG, poco prima che i Level 42 accolgano tra le loro fila anche il chitarrista Jakko Jakszyk che aveva già suonato, tra gli altri, con gli Swing Out Sister.
La cancellazione del tour americano di "Guaranteed", l'abbandono di Gary Husband e la quasi totale inattività del 1993 sembrano non lasciar ben sperare i fan della band, che invece torna nel 1994 con "Forever Now", registrato con l'aiuto del vecchio amico Phil Gould e di Danny Bloom alla chitarra. Ma le nuvole sul cielo del Level 42 non si dissipano e, visto che nulla può davvero durare in eterno, dopo il tour europeo dello stesso 1994, la band si scioglie. Il concerto alla Royal Albert Hall di Londra rimarrà l'ultimo per molti anni, nel corso dei quali ognuno per suo conto i membri dei Level 42 seguiranno diversi progetti solisti, incrociando talvolta le loro strade, per piacere e per ritrovarsi. E un bel giorno del 2002, a distanza di otto anni dal loro ultimo concerto, i Level 42 si riuniscono tutti assieme per un Greatest Hits Tour che lascia una grande speranza attorno al loro futuro.