Linea 77

Linea 77: ultimi video musicali

Linea 77 - La Nuova Musica Italiana

Video Musicali

Linea 77 - Sogni Risplendono

Video Musicali

Linea 77 - Il Mostro

Video Musicali

Linea 77 - La Caduta

Video Musicali

Linea 77 - Touch @ MTV Brand:New Day 2004

Video Musicali

Linea 77 - Potato Music Machine @ MTV Brand:New Day 2004

Video Musicali

Linea 77 - Moka @ MTV Brand:New Day 2004

Video Musicali

Linea 77 - Fantasma @ MTV Brand:New Day 2004

Video Musicali

Linea 77

Il rock italiano all'assalto del mondo.
Torino: città della FIAT, delle fabbriche, del gianduia e della noia grigia, avvolta su ogni cosa come un velo mortuario. Cosa fare in posto così, quando hai sedici anni? Suoni
Cinque ragazzi di Venaria, borgo della cintura suburbana di Torino, decidono di fare così: rock, metal, crossover, questione di sopravvivenza. È il 1993 e nascono i Linea 77, il nome arriva dalla linea dell'autobus che li preleva vicino a casa e li porta alla sala prove. All'inizio la line up comprende anche un terzo cantante e un altro chitarrista (usciti presto di scena) ma la formazione si stabilizza con Nitto ed Emo alla voce, Dade al basso, Chinaski alla chitarra e Tokyo (diventato poi Tozzo) alla batteria.
Nel 1994 il gruppo incide il suo primo demo, "Ogni Cosa Al Suo Posto", che smuove qualcosa tra il pubblico locale e anche in certa stampa, attenta a quel che c'è di nuovo. Due anni dopo il quintetto si accasa alla Dracma Records, etichetta indie di Torino, e registra "Kung Fu", demo-ariete che porta il nome dei Linea ben oltre la soglia minima della fama nel paesello natio.
Nel 1998 arriva il contratto per la Collapse Records/White&Black di Milano, che in ottobre licenzia il disco di debutto "Too Much Happiness Makes Kids Paranoid". Il crossover frenetico e massiccio e la curiosa, efficace formula a due voci (l'arma in più del gruppo, anche se ancora da affilare), assicurano all'album un'accoglienza entusiastica: Rocksound lo sceglie come disco metal del mese e infila "Meat" nel CD sampler allegato al magazine.
Ma è sul palco, a contatto epidermico con il pubblico, che la band esprime al meglio le sue potenzialità: tra il 1998 e il 1999, in 10 mesi, i Linea 77 suonano 140 concerti, fino all'apogeo delle migliaia di spettatori del Beach Bum Festival di luglio. A settembre il colpo di scena, che salva la band dalla palude della scena rock nazionale: si fa avanti la mitica Earache, etichetta inglese di musica dura culto in tutto il mondo, e mette sotto contratto i cinque torinesi. Nel 2000 "Too Much Happiness" viene ristampato e distribuito in Europa e in America.
In aprile il quintetto, proiettato di botto in una dimensione internazionale, sbarca in Inghilterra per un tour promozionale di 23 date, insieme ai portentosi Earthtone 9 e ai Kill II This, e realizza anche il suo primo videoclip per la canzone "Meat", in heavy rotation su Superock e Brand New di MTV e su molte altre TV musicali in tutto il mondo.
La band si mette all'opera per preparare il secondo LP, registrato dal giovane produttore inglese Dave Chang (già dietro a Orange Goblin e Stamping Ground), ai backstage Studios di Ripley, in Gran Bretagna. "Ketchup Suicide" (con tanto di cover fumigante di "Walk Like An Egyptian" delle Bangles, che gira molto nelle radio inglesi e diventa un momento cult dei concerti) esce nel gennaio 2001 e lascia stupefatti: devastante, dinamico, moderno senza scimmiottare scemenze nu-metal o altro.
Nel marzo 2001 MTV Europe dedica loro una trasmissione intera, Linea 77 Select. Inizia un massiccio tour de force di concerti: più di 150 nei primi sei mesi dell'anno, sia in Italia che in Inghilterra. Arriva l'estate, tempo di festival, e il gruppo è una presenza fissa: Heineken Jammin' Festival, Goa Boa, Arezzo Wave, Tora Tora, ma soprattutto la partecipazione al prestigioso Festival di Reading, prima band italiana invitata nei vent'anni di storia dell'evento. A ottobre il combo prepara il video di "Moka", unica canzone in italiano del disco, e "Ketchup Suicide" viene esportato negli Stati Uniti, distribuito dalla Caroline.
Nel 2002 i Linea suonano in giro per l'Europa fino alla conclusione, a settembre, del Ketchup Suicide Tour, durato due anni filati. Il mese dopo si rinchiudono in studio per distillare, dal magma di idee accumulate nel tempo, le canzoni del terzo LP. Quello fondamentale.
A marzo 2003 la band inizia la produzione di "Numb", registrato ai Red House Studios di Senigallia sotto la guida di Haggis Offal, fondatore dei Senser e produttore di Dub War e Ozric Tentacles. Tra gli ospiti spiccano i Subsonica, in "66 (Diabulus In Musica)", e Roy Paci con i suoi Aretuska, che colorano di fiati "Wharol".
"Numb" esce finalmente a maggio e stabilisce, una volta per tutte, che i Linea 77 sono qui per restare. Il primo singolo (con video firmato da Kal Karman) estratto è "Fantasma", straziante e viscerale. Poi, i Linea 77 si rimettono in marcia per la stagione estiva dei concerti, che chiudono con uno show al tritolo all'MTV Day.
Nel 2004 si ritrovano davanti ai 500mila del concerto del Primo Maggio a Roma, e ancora una volta sfoderano una prova convincente. Dopo il Brand:New Day @ Tora!Tora! '04, a ottobre conquistano una nomination agli MTV Europe Music Awards come miglior gruppo italiano. Il DVD "Numbed" arriva a fine anno come la ciliegina sulla torta, seguito a ruota dalla partecipazione al CD "Rise Against Aids" realizzato insieme ad altre ottime band del panorama nostrano.
L'avventura legata alla nascita del quarto LP è straordinaria: i Linea 77 lo registrano nientemeno che ai mitici Paramount/Ameraycan Studios di Los Angeles, dove hanno inciso i propri capolavori i mostri sacri di oggi e di ieri. Il produttore è Dave Dominguez, noto per il lavoro con Orgy, Staind, Papa Roach. I dettagli si possono leggere sul diario online che i Linea 77 hanno scritto per MTV durante la trasferta americana.
Dopo un tour incandescente in giro per l'Italia (con particolare attenzione al sud) e il CocaCola Live@MTV di Civitavecchia insieme a Korn e Rasmus, "Available For Propaganda" esce finalmente a settembre, accompagnato dal singolo-video "Evoluzione".
Parte il nuovo tour che vede i Linea esibirsi nei migliori club della penisola oltre che partecipare a importanti manifestazioni come le Olimpiadi Invernali di Torino. Ma il 2006 è anche l'anno della tournée con i brasiliani Soulfly di Max Cavalera che porta la band a calcare i palchi dell'Europa dell'est e della penisola iberica, e della partecipazione, come rappresentanti dell'Italia, al prestigioso festival SXSW - South By Southwest di Austin, in Texas. A maggio esce il video di "Inno All'odio", un altro singolo di successo da aggiungere alla lista già lunga delle hit dei Linea 77.
Il 2007 si apre con la pubblicazione di "Venareal 1995" che racchiude il passato della band (rappresentato da 10 brani scritti negli anni precedenti e mai registrati) e un assaggio del futuro grazie a "Razor" e "The Fall". Ma Emo, Nitto, Dade, Chinaski & Tozzo non si fermano un attimo e ripartono per un tour che passa anche dal famoso Festival Eurosonic di Groninger.
Un piccolo periodo di pausa e a settembre è già ora di ripartire: giusto il tempo di fare i bagagli e la band prende il volo alla volta di Los Angeles dove si ferma per due mesi. La città è la stessa in cui hanno registrato "Available For Propaganda", ma questa volta gli studi sono gli Skip Saylor Studios, e soprattutto il produttore di turno è Toby Wright, un maestro che ha lavorato anche con Korn, Metallica, Slayer, Soulfly, Ozzy Osbourne e Kiss. Le registrazioni terminano a ottobre e il prodotto finito, "Horror Vacui" (pubblicato per Universal), arriva sugli scaffali dei negozi di musica all'inizio del 2008.