Linkin Park

Linkin Park
  • Rap, Hip-Hop, Alternative Rap, Underground Rap, Rap-Metal, Alternative Metal
  • Un cantante dalla voce che suona come il Dave Gahan epico degli anni Ottanta. Un MC dalla lingua sputafuoco. [... altro]

Un cantante dalla voce che suona come il Dave Gahan epico degli anni Ottanta. Un MC dalla lingua sputafuoco. Scratch ben programmati. Pesanti chitarre rock. Ecco uno degli ibridi di maggior successo del Terzo Millennio, i Linkin Park.
La band californiana prende le mosse dal piccolo studio casalingo dell'MC e vocalist Mike Shinoda che – insieme all'amico chitarrista Brad Delson – comincia a incidere il primo materiale sonoro intorno al 1996. I due incontrano poi alla high school il futuro batterista Rob Bourdon e, più tardi, DJ Joseph Hahn, che studia illustrazione all'Art Center College di Pasadena. Nel frattempo, mentre frequenta la UCLA, Delson condivide un appartamento con il bassista Darren 'Phoenix' Farrell che si unisce al gruppo per poi abbandonare durante il college e ritornare alla carica una volta finiti gli studi. Ultimo tassello è Chester Bennington, originario dell'Arizona, che aveva cominciato a incidere già all'età di 16 anni, ispirandosi alle hit dei Foreigners (gruppo M.O.R. anni '80).
La combinazione del ricco e maestoso stile vocale di Bennington con il rapido mitragliare di rime di Shinoda definiscono il sound del sestetto che, abbandonato il primo nome Xero e adottato quello di Linkin Park, si afferma come uno dei preferiti nel circuito dei club di L.A., fra cui ovviamente il rinomato 'Whisky'. Dopo essersi visti sbattere la porta in faccia da ben tre case discografiche, che li ritengono un fiasco, vengono addocchiati da Jeff Blue che fa loro firmare un contratto con la Warner Bros nel 1999.
Iniziano così i lavori all'album di debutto, "Hybrid Theory", che fa capolino a inizio 2001. Il disco fa bella mostra delle influenze di gruppi come Deftones, Nine Inch Nails, Aphex Twins e The Roots ma anche degli alfieri dell'electro-synth-pop britannico, i Depeche Mode. Prodotto da Don Gilmore (Pearl Jam, Eve 6, Sugar Ray), è tanto melodico quanto pieno di provocazioni, caratterizzato da un forte messaggio lirico. Tratta delle emozioni universali, che si sia insignificanti, ottimisti o frustrati. Un'istantanea della vita di tutti i giorni.
Singoli come "One Step Closer", "Crawling" e "In The End" riprendendo il genere nu-metal e crossover portato in voga da band come Korn e Limp Bizkit alla svolta del Millennio diventano hit immediate, guadagnandosi la heavy rotation su MTV e gli show pomeridiani come TRL.
Segue l'attività on the road, che li porta in tour con Deftones, P.O.D., Papa Roach e li fa apparire sugli stage del Family Values e del Project: Revolution Tour insieme ai Cypress Hill, con cui suonano 324 date in tutto il 2001. Praticamente, un intero anno passato a calcare i palchi internazionali.
A inizio 2002, il disco ha raggiunto un tale successo in tutto il mondo da ottenere tre nomination ai Grammy Awards, da cui escono vincitori con "Crawling", riconosciuta come Best Hard Rock Performance.
Sempre attenti alla sperimentazione e a superare i confini del suono e dei generi, a luglio danno in pasto alle folle "Reanimation", ovvero "Hybrid Theory" rivisto da remixer di spicco, primi fra tutti The X-Ecutioners. Ovvia conseguenza è un ritorno di fiamma per la band e la costruzione di un'ancora più trepidante attesa per il secondo album di inediti.
Questo non tarda ad arrivare: è nel marzo 2003 che appare infatti "Meteora, il nuovo LP di inediti ispirato ai monasteri della Grecia settentrionale e anticipato dal singolo "Somewhere I Belong". I fan dimostrano di apprezzare molto quello che Chester, Mike e gli altri hanno riservato loro: l'album infatti svetta alla nr. 1 delle classifiche USA, UK e Italia nella prima settimana di pubblicazione, diventando così il miglior performer del gruppo californiano. Album epico, che portano immediatamente in tour, per la seconda tappa del Projekt Revolution (con Blindside, Mudvayne e Xzibit) e per il Summer Sanitarium Tour (con Metallica, Limp Bizkit, Deftones e ancora Mudvayne): dai live estrarranno il CD / DVD "Live In Texas" cui seguirà il vero e proprio Meteora World Tour e la terza edizione di Projekt Revolution. Intanto alla fine del 2004 cominciano a collaborare anche con Jay-Z, con cui realizzano "Collision Course", EP di mash up di alcune loro canzoni. Intanto continuano a pubblicare nuove versioni di "LPUnderground" (nella 5.0 ci sono i pezzi eseguiti al Live 8 con Jay-Z) mentre Mike Shinoda - sempre con Jay-Z - mette in piedi il progetto Fort Minor e Bennington con Amir Derakh e Ryan Shuck degli Orgy lavora a un proprio gruppo parallelo battezzato Snow White Tan. Dopo una intensa attività live, a fine 2006 pubblicano "LPUnderground 6.0" con brani live dal Summer Sonic tour compresa l'inedita "Qwerty" ma l'attesa è tutta per "Minutes To Midnight", il loro terzo album che esce a maggio 2007.