Los Campesinos!

Los Campesinos!

Alla faccia del nome! Questi sette ragazzi di Cardiff sono nati per suonare e non certo per zappare: dal nulla di band nata a scuola allo stesso palco dei Broken Social Scene nel giro di meno di un anno. Il tutto inanellando show esplosivi uno dietro l'altro, una serie di singoli che fanno impazzire il popolo di Myspace e un album di debutto già super atteso mesi prima di decidere anche solo il titolo.
Anno 2005, università di Cardiff: Neil (chitarra), Ellen (basso) e Ollie (batteria) danno vita alla prima formazione dei Los Campesinos. Poco dopo si aggiungono Tom (chitarra), Gareth (voce), Harriet (violino) e per ultimo Aleks (tastiere): l'8 maggio dello stesso anno sono già su un palco, e non ci scenderanno spesso nel successivo anno e mezzo.
Intanto nella zona di Cardiff comincia a girare anche un demo con i primi seminali pezzi ("Death To Los Campesinos!", "It Started With A Mixx", "Sweet Dreams Sweet Cheeks" e "You! Me! Dancing!" nella versione live): gli stessi pezzi finiscono su Myspace e dal web direttamente alla BBC nello show di Beth & Huw. È il trampolino di lancio: pochi mesi dopo i Broken Social Scene li vogliono come band di supporto e a novembre arriva anche la firma con la Wichita Recordings che pubblica il loro primo singolo ("We Throw Parties, You Throw Knives" / "Don't Tell Me To Do The Math(s)").
Nell'estate del 2007 è la volta dell'EP "Sticking Fingers Into Sockets" (prodotto da Dave Newfeld, collaboratore ovviamente dei loro padrini Broken Social Scene, è il secondo dopo "Hold On Now, Youngster" del 2006).
Nel febbraio 2008 arriva il loro album di debutto "Hold On Now, Youngster..." e pochi mesi dopo - a novembre - pubblicheranno il secondo disco "We Are Beautiful, We Are Doomed".