Melody Fall

Melody Fall

Forse sono la prossima big thing del punk-pop italiano, forse sono solo un gruppo di ragazzini che si diverte un sacco a suonare. Di sicuro i Melody Fall hanno grinta, talento e l'anagrafe che gioca dalla loro parte.
Come tante belle storie, anche la loro inizia al liceo: Fabrizio (Panebarco, voce e chitarra), PierAndrea (Palumbo, basso) e Marco (Ferro, batteria) si conoscono a scuola e diventano subito amici. Ascoltano tutti e tre punk pop, amano gli stessi gruppi (Blink 182, Green Day e dintorni) e – delizia – suonano tutti uno strumento diverso. Durante il secondo semestre i Melody Fall sono cosa fatta.
Visto che i tre ragazzi sono di Torino, la gavetta la iniziano lì, esibendosi perlopiù alle serate per gruppi giovanili. Che spesso sono in realtà concorsi per band emergenti, e i tre iniziano a fare incetta di premi e cuori infranti. Ma, soprattutto, iniziano a crederci.
L'occasione giusta è dietro l'angolo, non c'è neanche bisogno di portare pazienza: Andrea Fusini, produttore dei Fusix Studio, sente i Melody Fall suonare e li porta immediatamente in studio per incidere un EP. La band prende a bordo anche Davide Pica (chitarra), che aggiunge spessore dietro le sei corde, soprattutto dal vivo.
L'EP omonimo esce in Giappone, e nel Sol Levante vanno fuori di testa per i quattro ragazzi di Torino. Anche in patria le cose si mettono per il meglio: la Wynona Records si fa sotto e nel febbraio del 2007 esce "Consider Us Gone", LP d'esordio ufficiale. L'avventura è appena iniziata.