Metronomy

Metronomy

Frenetico rock elettronico.
Dietro il moniker Metronomy si celano la mente geniale di Joseph Mount, il basso di Gabriel Stebbing e il sax di Oscar Cash. Tutto inizia alla fine degli anni '90 nel Devonshire, in Inghilterra, dove Joseph e Gabriel compongono e si esibiscono per due gruppi locali, The Upsides e The Customers. Quando i ragazzi si trasferiscono per iniziare l'università le band muoiono ma la passione di Joseph per la musica sopravvive.
Tra l'altro, ancora prima di trasferirsi, il ragazzo aveva fondato un progetto parallelo di musica elettronica con il moniker Metronomy, idea resa possibile de un computer regalatogli dal padre. Dopo aver coinvolto anche Gabriel ed essere stati raggiunti da Oscar, cugino di Joseph, il side project finisce col diventare il gruppo principale del trio.
La mente inarrestabile di Joseph pensa al resto, creando pezzi che miscelano elettronica e rock in modo unico e originale. Un fenomeno che in poco tempo si conquista un vasto pubblico e attira l'attenzione delle label, che iniziano a farsi avanti con un contratto in mano. A spuntarla è la Holiphonic che nel 2006 pubblica "Pip Paine (Pay The £5000 You Owe)", il debutto discografico del trio.
Partono i live e ogni volta che la band sale sul palco trova un modo per stupire il pubblico, ad esempio vestendo d'argento o indossando lampade che si accendono al tocco. Nello stesso periodo Joseph si rivela anche abile remixer con alcune rivisitazioni di artisti di seria A come Franz Ferdinand a Kate Nash e Gorillaz.
Alla fine del 2007 arriva sugli scaffali dei negozi l'EP "Radio Ladio", un aperitivo per gli appassionati della sperimentazione dei Metronomy, giusto prima della pubblicazione del follow up previsto nel 2008.