Michelle McManus

Michelle McManus

Michelle McManus, ovvero l'arte di distinguersi. Un nome originale, un fisico fuori dai canoni pop, onestà e simpatia rare e una voglia di cantare contagiosa.
Michelle nasce nel 1980 a Baillieston, ex centro minerario diventato negli anni '70 un sobborgo residenziale di Glasgow; è la prima delle cinque figlie di John e Helen McManus. Passa un'infanzia spensierata rivelando subito le sue tendenze verso lo spettacolo: i suoi ricordi più chiari da bambina sono le danze e le canzoni nella cucina, insieme alla tata. Crescendo, colleziona scarpe, frequenta la St. Ambrose School, mangia tonnellate di doritos e continua a cantare per diletto cercando di imitare i suoi idoli Freddy Mercury e Celine Dion. Dopo la scuola superiore lavora come events manager per la catena di hotel Marriott in Scozia, ma non abbandona certo la sua passione.
Michelle non è un peso piuma ("sono talmente grassa che russo come un muflone e gli uomini scappano") e tutti storcono il naso quando racconta in giro che da grande farà la cantante, ma la grinta e l'entusiasmo sono talmente intensi da non scoraggiarla mai. Dopo un po' di esibizioni alle feste di amici, la sua voce e il suo sogno la portano a iscriversi a Pop Idol, competizione canora per nuovi talenti organizzata e trasmessa dalla Tv inglese. Lei spera solo di non venire umiliata pubblicamente e già entrare tra i primi cinquanta lo considererebbe un successone. La favola invece si compie fino in fondo e, a furia di sfide incrociate, a fine 2003 la McManus trionfa con il singolo "All This Time" e la sua popolarità esplode all'improvviso.
È simpatica, ha una bella voce e riempie letteralmente la scena: la Scozia e il Regno Unito tutto impazziscono per lei e a febbraio 2004 il brano entra in classifica direttamente al primo posto, rimanendoci per tre settimane consecutive. È record: mai nessun cantante scozzese era riuscito nell'impresa di debuttare al # 1. "All This Time" vende oltre 100.000 copie e diventa un caso; la conseguenza è un album full lenght, "The Meaning Of Love", che esce nel 2004, con 13 brani in cui la McManus dà il meglio di sé per far vedere che non è una meteora e, di sicuro, nemmeno un pop-clone. La stampa la definisce "la cantante più grassa di tutta la Scozia" e anche questo fa brodo, fa notizia. Michelle comincia a esibirsi nei musicstore e il pubblico sembra apprezzare molto la spontaneità adiposa di questa ragazza fuori dal normale.