Piers Faccini

Piers Faccini: ultimi video musicali

Cloak Of Blue

Video Musicali

A Taste of Honey

Video Musicali

Tribe

Video Musicali

Missing Words

Video Musicali

Bring down the wall

Video Musicali

Piers Faccini

Ai confini dell'anima.
Bluesman, pittore, vocalist, cantautore, Piers Faccini è un artista dai molti volti e dai molti talenti. Qualcuno lo definisce cartografo del cuore, per la sua capacità di disegnare luci e ombre delle emozioni umane.
Piers Faccini fa i suoi esordi nel 1997 sui palchi di Londra, dove fonda, assieme alla poetessa Francesca Beard, la folk band Charley Marlowe: nel giro di un anno il duo diventa un quartetto con l'aggiunta del percussionista Franck Byng e del chitarrista Lucas Suarez e ben presto registra un EP, il fortunato "This Could Be You", diventando oggetto di culto nel circuito indipendente londinese.
Dopo quella esperienza di formazione, sfociata in un contratto con la label indie Slowfoot, Piers Faccini riprende a esporre e a vendere i suoi quadri, continuando comunque a comporre musica, soprattutto colonne sonore per film e documentari per BBC e Channel 4. Ma la sensibilità e il talento di Piers Faccini come cantautore hanno lasciato il segno e richiamano l'attenzione di altri artisti, che invocano una sua collaborazione o addirittura gli chiedono di scrivere e comporre per loro: è così che nascono i brani per DJ Shalom, la canzone "Bob Nelson" per il disco "Ragalet" del chitarrista Sébastien Martel e "Circle Around" che Vincent Segal inserisce in T-bone Guarnerius.
Proprio quest'ultimo personaggio, conosciuto ai tempi in cui Piers era uno studente di Belle Arti a Parigi nei primi anni '90, ricambia sentitamente il favore producendo l'intero album d'esordio di Piers Faccini che nel frattempo, insoddisfatto di far parte di un gruppo, si decide ad abbracciare la carriera solista.
Il risultato è "Leave No Trace", disco che viene pubblicato dalla label Bleu Electric nel 2004. La scelta di Segal si rivela quanto mai azzeccata: i suoi brillanti arrangiamenti si sposano alla perfezione con lo stile intimista e introspettivo dello chanteur italoinglese e il disco diventa una chicca per intenditori.