Polysics

Polysics: ultimi video musicali

Polysics - I My Me Mine (All Star Ver.)

Video Musicali

Polysics - I My Me Mine (Strong Machine 2 Ver.)

Video Musicali

Polysics - Lucky Star

Video Musicali

Polysics - Everybody Say No

Video Musicali

Polysics

Gli eroi schizzati della new wave di Tokyo.
Mescolano synthpop, Japanese rock e new wave. Lo fanno con un atteggiamento punkettaro e un look da urlo: i Polysics muovono i primissimi passi nel 1997 e sin da subito si mettono nel solco dei Devo, cui sono fortemente debitori e di cui rappresentano una sorta di versione cartoon-psychedelica.
Il fondatore della band è il cantante, chitarrista e programmatore Hiroyuki Hayashi, che nel 1997 va ancora al liceo e però già ascolta i Devo da mattina a sera. All'inizio la formazione è un po' ballerina, ma questo non impedisce ai Polysics di cominciare a farsi notare grazie al sound, al look fuori di testa e ai concerti dal vivo (vere e proprie scariche di adrenalina).
Nel 1998 la band si arricchisce di un membro importante. Si tratta di Kao (sintetizzatori, voce e vocoder), che fa giusto in tempo ad ambientarsi prima che arrivi l'esordio indipendente con l'album "1st P" (febbraio 1999), seguito da "A.D.S.R.M!" (ottobre 1999).
L'anno successivo c'è sufficiente carne al fuoco per la svolta in direzione delle major.
Fra le varie etichette presenti in Giappone la spunta Kioon, sussidiaria di Sony Music.
Finisce che dopo un paio di maxi singoli d'assaggio, nel 2000 il gruppo pubblica sia "Hey! Bob! My Friend" (in Usa e Corea del Sud) sia "Neu" (in Giappone e tre anni più tardi anche negli States).
Il 2001 vede un assestamento della formazione: Fumi (basso, voce e sintetizzatori) si unisce al gruppo dopo esserne stata un membro occasionale fino a questo momento. Dopo aver pubblicato in patria gli album "Eno" (giugno 2001), "For Young Electric Pop" (luglio 2002) e "National P" (ottobre 2003), i Polysics cambiano di nuovo formazione: fuori il batterista Junichi Sugai, dentro Ishimaru.
Con lui fanno la prima tournée coast to coast negli Stati Uniti e pubblicano, sia in patria sia all'estero, "Polysics Or Die!!!!" (a partire da maggio 2004). Poi, siccome cambiare formazione porta loro bene, prima di cominciare il tour in Inghilterra fa il suo ingresso in pianta stabile un nuovo batterista, Yano.
A questo punto la carriera procede a pieno ritmo e le esibizioni live toccano 4 diversi paesi per un totale di 94 concerti. In mezzo a tutto questo, però, i Polysics trovano il tempo di lavorare al nuovo disco lungo, distribuito a partire da ottobre del 2005: "Now Is The Time!" manda in visibilio la critica e viene giudicato il miglior album mai prodotto dalla band.
I concerti successivi (questa volta i paesi sono 6 per un totale di quasi 100 date), confermano il gradimento dei fan, che a giugno del 2006 possono cominciare a godersi il nuovo singolo, "Electric Surfin' Go Go".