Radici Nel Cemento

Radici Nel Cemento
  • Le radici del reggae made in Italy. Litorale romano, 1993. Qui e in questo momento nasce il seme che [... altro]

Fiesta! - Videoclip

Le radici del reggae made in Italy.
Litorale romano, 1993. Qui e in questo momento nasce il seme che porterà alla formazione delle Radici Nel Cemento, band reggae formata da Adriano Bono (voce, ukulele soprano, flauto traverso), Christian Simone (sassofono tenore), Giorgio Spriano (voce, chitarra), Giulio Ferrante (voce, basso, cori), Vincenzo Caristia (batteria, percussioni) e Leonardo 'PidDuB' Bono (dub, mixer). Il primo moniker con cui la band inizia a far conoscere il suo roots reggae "sporcato" di rockstady e ska è Roots In Concrete che verrà tradotto in italiano solo nel 1995 dopo che la formazione si è stabilizzata.
L'anno successivo esce l'omonimo disco di debutto per la Gridalo Forte Records e la band riesce a portare il suo sound anche oltreconfine con qualche data in Francia, Spagna e Svizzera. I loro live sono un concentrato di ritmo in levare su cui non si può restare fermi ed è anche per questo che Charlie Anderson dei The Selecter sceglie loro per due date romane nel 1997.
Il 1998 è l'anno del tour con una vera icona del genere, niente meno che Laurel Aitken, e dell'uscita della seconda prova discografica della band. "Popoli In Vendita" esce quasi in contemporanea con il singolo "Guns Of Brixton", cover del celebra brano dei Clash, che vede la partecipazione di Aitken e di Fermin Muguruza (voce dei Negu Gorriak). Ma questi non sono gli unici grandi nomi con cui collaborano le Radici Nel Cemento dato che hanno anche la possibilità di esibirsi accanto ad un altro guru reggae quale è Max Romeo.
Nonostante sia praticamente sempre in tour la band trova anche il tempo per lavorare al suo disco numero 3. Nel 2001 infatti vede la luce "Alla Rovescia", un disco più complesso dei precedenti, ma in cui è sempre e comunque il reggae in tutte le sue sfumature il protagonista indiscusso. Nuovo tour e nuovi "duetti": come spalla degli UB40 e come backing band di Alton Ellis al Rototom Sunsplash.
"Occhio!" è il titolo scelto dalle Radici per il disco che arriva sugli scaffali dei negozi nel 2004 e che vede, come l'album precedente, la collaborazione di Roy Paci e di Madasky degli Africa Unite. Per festeggiare i 10 anni di reggae le Radici Nel Cemento nel 2005 organizzano un party presso il Villaggio Globale di Roma a cui partecipano tra gli altri anche Bunna (Africa Unite), Skardi (Pitura Freska), Tonino Carotone e Remo Remotti: un vero concentrato di reggae made in Italy insomma!
A settembre è già ora di tornare in studio di registrazione e quello che esce da queste session è il sorprendente disco "Ancora Non È Finita" (2006), che contiene la superlativa "Bella Ciccia", la cover di "Mi Vendo" di Renato Zero e il brano "Skarabiniere", un pezzo ska scritto all'inizio degli anni '90 dalla defunta band dei Filo Da Torcere.
Segue un numero imprecisato di concerti, qualche mese di pausa e poi, a marzo del 2008, arriva l'annuncio dell'imminente uscita di un nuovo disco e di un tour promozionale. "Il Paese di Pulcinella" è il ritratto dell'Italia a ritmo di reggae, un ritratto che affronta alcuni dei tempi più scottanti del momento come l'omosessualità in "Siamo Tutti Omosessuali" brano che ha avuto problemi di distribuzione radiofonica proprio a causa dell'argomento trattato.