Shania Twain

Shania Twain: ultimi video musicali

Shania Twain - It Only Hurts When I'm Breathing

Video Musicali

Shania Twain - I Ain't No Quitter

Video Musicali

Shania Twain - Don't!

Video Musicali

Shania Twain - Love Gets Me Every Time

Video Musicali

Shania Twain - She's Not Just A Pretty Face

Video Musicali

Shania Twain - Honey, I'm Home

Video Musicali

Shania Twain - Party For Two

Video Musicali

Shania Twain - Party For Two

Video Musicali

Shania Twain

La chiamano “Michael Jackson al femminile”, ovvero 34 milioni di dischi venduti. Di suo poi ha un'immagine estremamente sexy e una voce che sembra esser stata creata apposta per interpretare quel mix di country e rock che l'ha resa famosa. Niente male, no? Questa è Shania Twain.
Classe 1965, cresciuta in una piccola cittadina dell'Ontario, Canada, Shania comincia molto presto a suonare la chitarra, scrivere pezzi e esibirsi nei bar e stazioni radiotelevisive locali. All'età di ventun anni purtroppo perde entrambi i genitori in un incidente automobilistico e si trova costretta a lavorare per mantenere i suoi quattro fratelli minori. Decide così di impiegare le sue doti musicali per sbarcare il lunario, iniziando a cantare nella stazione turistica di Deehurst: il suo repertorio è vastissimo e va da George Gershwin a Andrew Lloyd Webber al country. Grazie a questi suoi sforzi le è possibile comprare una casa e a ricostruire una vita per sé e i fratelli.
Dopo tre anni, questi ultimi sono ormai indipendenti e capaci di badare a se stessi, così Shania decide di incidere un demo e di contattare varie etichette discografiche fino a che, a seguito di un suo concerto, una di queste non decide di metterla sotto contratto. "Shania Twain", l'album di debutto, esce nel 1993 per la Mercury, ottenendo una certa attenzione da parte del pubblico statunitense e più ancora in Europa: qui, grazie a discrete hit come “What Made You Say That” e “Dance With The One That Brought You”, ottiene il riconoscimento come Rising Video Star of The Year (videostar emergente dell'anno, ndt) da Country Music Television Europe.
Poco tempo dopo, il famoso produttore Robert John 'Mutt' Lange (AC/DC, Def Leppard, The Cars), intenzionato a sterzare dai soliti lavori rock e ad avventurarsi nel country, si mette in contatto con lei per iniziare una collaborazione. A giudicare dai risultati, 'Mutt' deve essere stato piuttosto convincente, visto che in meno di un anno i due si sposano e cominciano effettivamente a scrivere i pezzi che vanno a far parte di "The Woman In Me".
L'LP esce nel 1995: ben tre singoli, "Any Man of Mine", "(If You're Not In It for Love) I'm Outta Here!" e "No One Needs to Know", arrivano al primo posto delle classifiche americane e – a fine 1996 – “The Woman In Me" si trova ad aver venduto nove milioni di copie in tutto il mondo ed è il disco che ha soggiornato per più settimane al top della classifica country.
Forte del clamoroso successo ottenuto, il follow-up "Come On Over" (1997) le fa fare il definitivo salto crossover nelle chart pop. Trainato da sei hit portentose tra cui “That Don't Impress Me Much” e “Man I Feel Like A Woman” (entrambi con video glamorous e sensuali) e appoggiato da una fortissima rotazione su MTV, il disco vende 34 milioni di copie, arrivando a sfiorare il record di “Thriller” di Michael Jackson, l'album più venduto di tutti gli anni '80.
Una volta raccolti i frutti di parecchi sacrifici e ottenuta la tanto agognata e meritata gloria, la Twain e Mutt si ritirano in Svizzera per riprendere il contatto con la vita reale e uscire dalle attenzioni, spesso non volute, dei media curiosi. Nel lungo periodo 'sabbatico' concepisce il suo primo figlio, Eja, e comincia i lavori al quarto long playing: ma rimanere nel solito posto non si rivela produttivo per l'intraprendente artista che ha sempre ricercato la libertà del vento. Così, con tutta la famiglia, inizia a viaggiare e viaggiando le canzoni prendono forma.
“Up!”, il disco che fa capolino a metà novembre 2002, è inciso fra i Caraibi, l'India, l'Italia, la Francia e – ovviamente – la Svizzera. Il risultato è un sound fortemente rock e multietnico al tempo stesso, con orchestre mescolate a musicisti indiani, vibe metropolitane alternate a atmosfere più bucoliche. Il primo singolo tratto dal suo quarto lavoro in studio è “I'm Gonna Getcha Good!”, un tipico pezzo à la Shania, dove quello che emerge è una personalità femminile forte, decisa, impassibile alle avversità.
Per tutto il 2003 e gran parte del 2004, Shania è stata in tour con "Up!" riscontrando un enorme successo dappertutto.
Verso la fine del 2004 viene pubblicato il "Greatest Hits" anticipato dal singolo "Party for Two" in cui la pluripremiata Shania è affiancata da Mark Mc Grath, cantante degli Sugar Ray.