Skunk Anansie

Skunk Anansie: ultimi video musicali

Youll Follow Me Down

Video Musicali

Twisted (Everyday Hurts)

Video Musicali

Squander

Video Musicali

Because Of You

Video Musicali

Death To The Lovers

Video Musicali

Squander

Video Musicali

Brazen

Video Musicali

Talk Too Much

Video Musicali

Skunk Anansie: ultimi video

Storytelling pt. 7

Video

Storytelling pt. 6

Video

Storytelling pt. 5

Video

Storytelling pt. 4

Video

Storytelling pt. 2

Video

Storytelling pt. 1

Video

'Squander' Video Comment

Video

'Because Of You' Video Comment

Video

Skunk Anansie

Indefinibili come ogni grande gruppo della storia del rock, gli Skunk Anansie hanno scelto un nome la cui apparente indecifrabilità paradossalmente rivela meglio di qualsiasi manifesto le loro intenzioni etiche ed estetiche. Nulla di già noto o di dato per scontato, tutto ancora da immaginare, da costruire di volta in volta. Ma se comunque cerchiamo di avvicinarci ancora un po', scopriremo che dietro a questo nome si nasconde un ibrido piuttosto inquietante, una sorta di innesto genetico tra una moffetta (skunk) e un essere mitologico giamaicano metà uomo e metà ragno (Anansie). Le interpretazioni di questo vero e proprio simbolo possono portarci molto lontano, dal rimando alla fusione di generi che viene sperimentata nei loro brani al tentativo di scavare entro la differenza e di permanere nella differenza, sia essa sessuale, etnica, o politica. Qui ci accontenteremo di ripercorrere la loro storia, che nasce a Londra (e dove, se no?) nel 1994, quando, dopo lo scioglimento delle rispettive band, Cass (Richard Keith Lewis, basso) e Skin (Deborah Ann Dyer, voce) si incontrano con Ace (Martin Ivor Kent, chitarra), decidendo di fare un po' di musica insieme. A fine anno i tre, con l'aggiunta di Robbie France (batteria), firmano il loro primo contratto come Skunk Anansie e realizzano un singolo intitolato "Little Baby Swastikkka" che viene distribuito solo nelle radio-station come promozione. Il primo vero singolo, "Selling Jesus" (che, insieme a "Feed", entra a far parte della colonna sonora del film "Strange Days") uscirà successivamente alla distribuzione di "Paranoid & Sunburnt" (1995), il loro album d'esordio. Buoni risultati commerciali (disco d'oro), e grande risposta da parte della critica e del pubblico che li ha visti dal vivo come spalla di Lenny Kravitz -vengono infatti premiati nel Regno Unito come miglior gruppo live. A metà del '95 si verifica un avvicendamento: esce Robbie France ed entra Mark Richardson, mentre i tour continuano e si cominciano a comporre i brani di "Stoosh", il loro secondo album. Registrato nell'autunno del 1996 in quattro-cinque settimane, "Stoosh" contiene pezzi duri ma anche molto melodici, che esaltano la duttile voce di Skin. In particolare, è "Hedonism" a centrare il bersaglio, brano di cui sono state realizzate due versioni video (la prima, giudicata troppo esplicita, viene censurata) che ruotano intorno al tema dell'amore lesbico. Nel 1999 gli Skunk Anansie ritornano con "Post Orgasmic Chill", in cui melodia e aggressività rock riescono a fondersi in maniera esemplare offrendoci brani splendidi come "Secretly" e "You'll Follow Me Down" ma anche più orientati al pop, come "Lately". O, ancora, pezzi che sono concentrazione di energia pura, come "Charlie Big Potato" (il cui video è stato affidato, per gli effetti speciali e il montaggio, all'agenzia italiana The Face). Durante il corso del 2000 Skin ha collaborato con diversi artisti, tra i quali Maxim ("Carmen Queasy") e i nostri grandi Marlene Kuntz ("La canzone che scrivo per te"), oltre a dedicarsi dal settembre dello stesso anno, alla produzione del suo primo album solista.
Dopo voci più volte smentite, nell'aprile 2001 gli Skunk Anansie si sciolgono perchè "la band è convinta di aver raggiunto il massimo delle sue potenzialità" legge il comunicato ufficiale. "La decisione è stata presa consapevolmente, con il massimo accordo e la solita amicizia. Skin è già da tempo al lavoro sul suo album solista, come pure il chitarrista Ace, mentre il bassista Cass si sta concentrando sulla sua carriera nel mondo della fotografia e della musica, e Mark, il batterista, ha appena finito di recitare in un cortometraggio e continuerà a fare musica. L'album solista di Skin è atteso per i primi mesi del 2002."
"Hanno un non so che di triste tutte queste innumerevoli band che continuano a riformarsi".
A pronunciare queste parole è stata proprio Skin, cantante e icona degli Skunk Anansie. Che continua: "La gente sembra farlo solamente per soldi. Noi non la pensiamo così. Se lo pensassimo, non saremmo in grado di fare tutto questo, sarebbe finto e personalmente mi reputo troppo egoista per fare qualcosa di finto, sarebbe una stronzata. Quale sarebbe il punto? Noi vediamo tutto ciò come nient'altro che l'esordio di una nuova band. Più vecchi, più saggi... Ma senza necessariamente apparire tali!"
Il tempo - in verità - è stato gentile con Skin, Cass, Ace e Mark: una carriera lunga sei anni conclusasi (almeno apparentemente) nel 2001. A vederli oggi - proprio come hanno dimostrato nel primo show ufficiale mondiale consumatosi a Genova durante l'MTV Day 2009 - i quattro non hanno perso di un grammo di quella visceralità che li aveva resi grandi. Il loro ritorno - secondo il batterista Mark Richardson - è da attribuire al "lavoro incompiuto", il cui elemento catalizzatore è stata la proposta di un greatest hits lanciata dalla One Little Indian già nel 2008. Non solo una raccolta di successi, però: nella scaletta di "Smashes & Trashes" brillano tre nuove song. Si tratta della stilettata punk "Tear The Place Up", della mid-tempo "Because Of You" e della ballata "Squander": epici versi che si adagiano comodamente al fianco di cavalli di battaglia del calibro di "Hedonism", "Selling Jesus", "Weak", "Secretly" e "Charlie Big Potato".
Un gustosissimo antipasto in vista di un vero e proprio album di inediti, la cui release è vagamente abbozzata per la metà del 2010. Ma prima è in programma il tour mondiale che di fatto ne sancirà il ritorno: il palco rappresenta ovviamente l'habitat naturale degli Skunk. E non a caso, la maggior parte delle date in cartellone (incluse le due apparizioni italiane a Milano e a Firenze) sono andate 'sold out' nel giro di pochissimo!
Skunk Anansie 2009: non propriamente ritornati assieme, quanto piuttosto rinati...