Snow Patrol

Snow Patrol: ultimi video musicali

Life On Earth

Video Musicali

Don't Give In

Video Musicali

Shut Your Eyes

Video Musicali

Hands Open

Video Musicali

It's Beginning To Get To Me

Video Musicali

If There's a Rocket Tie Me To It

Video Musicali

You're All I Have

Video Musicali

Spitting Games

Video Musicali

Snow Patrol

A cavallo tra fine Duemila e inizio Millennio, la Scozia è la terra promessa dell'indie pop. Alcune delle band più eccitanti del mondo (eccitante in Scozia significa malinconico con brio) proliferano da queste parti. Diciamo Belle & Sebastian: dovrebbe bastare.
Gli Snow Patrol fioriscono in questo humus di pub, club e musica sotterranea. A dire il vero, Gary Lightbody (voce) e Mark McClelland (chitarra) sono entrambi nati e cresciuti a Belfast, ma studiano all'università di Dundee (in Scozia) e proprio qui decidono di mettere in piedi un gruppo. È il 1994: all'inizio sono solo in due e si chiamano Polar Bear, ma presto reclutano anche il batterista John Quin (un altro di Belfast) e cambiano il nome in Snow Patrol, vista l'omonimia con la band di Eric Avery (quello dei Jane's Addiction), che minaccia una causa.
Dopo la prima uscita, un EP a tiratura limitata per la Electric Honey ancora con il nome di Polar Bear, firmano per la Jeepster (che guarda caso è la label dei Belle & Sebastian) e nel 1998 pubblicano il debutto "Songs For The Polar Bears", lussureggiante mistura di pop-rock non convenzionale che riscuote un successo strepitoso (fatte le debite proporzioni). Nel 2000 il trio, fresco di lauree, molla Dundee e si trasferisce nella brulicante Glasgow. Nel 2001 arriva "When It's All Over We Still Have To Clear Up", altro disco centrato che però segna la rottura con la Jeepster.
In attesa di rimettersi all'opera con gli Snow Patrol, Lightbody allestisce il fenomenale progetto Reindeer Section, superband che raccoglie il meglio del pop di Glasgow: partecipano membri di Mogwai, Arab Strap, Alfie, Belle & Sebastian, Idlewild... Una vera delizia, un disco più bello dell'altro: "Y'All Get Scared Now Ya Hear!" del 2001 e "Son Of Evil Reindeer" del 2002.
Finalmente, i demo spediti in giro portano un contratto con la Fiction, etichetta della scuderia Polydor. Gli Snow Patrol (che ora sono in quattro, con l'ingresso in rosa del chitarrista Nathan Connolly) si chiudono in studio e incidono "The Final Straw" (2003), con la produzione cesellata e precisina di Garrett Lee: pop malinconico che scivola di ballad in ballad, si impenna in schitarrate lo-fi e insegue suggestioni di Coldplay, Radiohead e Arab Strap. Il singolo "Spitting Games" gode di un ottimo airplay. A fine anno i Grandaddy se li portano dietro nel loro tour inglese, poi gli Snow Patrol a gennaio 2004 partecipano agli NME Brats.
Sempre a gennaio esce il singolo "Run", l'Inghilterra di colpo si innamora di loro e di botto Lightbody e compagni si ritrovano a interpretare il ruolo delle star improvvisate. "The Final Straw" viene immediatamente ristampato e gli Snow Patrol si prendono alcune grosse soddisfazioni: il primo tour da headliner, i festival estivi (T In The Park e Isle Of Wight, ad esempio), l'accoglienza entusiasta in America. In aprile esce il singolo e video "Chocolate".