Stereolab

Stereolab

Tim Gane, amante del kraut rock e del minimalismo, chitarrista dei Mc Carthy gruppo a metà strada tra Joy Division e Smiths, e Laetitia Sadler cantante in grado di riportare alla mente yé yé girls d'altri tempi, appassionata di colonne sonore anni sessanta e bossanova, formano nel 1991 gli Stereolab, uno dei gruppi di spicco della scena indie-pop europea. Nel 1992 si interessa a loro la Too pure, la label che ha scoperto PJ Harvey, che dopo aver pubblicato un EP dal titolo "Super electric", fa uscire l'album "Peng!". A questo punto entrano a pieno titolo nella line up anche il tastierista Mary Hansen e il batterista Andy Ramsay. Bizzarri, lisergici, minimalisti, talvolta kitsch, ipnotici, naif, in bilico tra passato e futuro, gli Stereolab firmano nel 1993 per la Elektra, che li lascia però liberi di continuare i loro esperimenti sonori. Nel 1996 esce "Emperor tomato ketchup", registrato a Chicago sotto la guida di John McEnture dei Tortoise, a cui collabora anche Sean O'Hagan degli High Llamas, un tempo membro effettivo della band. Davvero difficile comunque stare dietro alla discografia degli Stereolab, tra cambi di etichetta, LP, EP, singoli, remix ecc… Da segnalare tra le varie produzioni "Dots & loops", del 1997 stampato dalla Drag City.