Stone Sour

Stone Sour

Stone Sour, quando la pazienza paga.
Nascono nel 1992, sembrano scomparire quando due colonne della band si uniscono agli Slipknot, ma alla fine risorgono e sfornano un album che spinge alcuni critici a descriverli come una via di mezzo fra Metallica e Alice in Chains.
La prima nascita ha per protagonisti Corey Taylor (voce) e Joel Ekman (batteria), ai quali si unisce presto il bassista Shawn Economaki, vecchio amico di Taylor. La band ha un solo scopo: fare buona musica. Niente direzioni prestabilite, niente attenzione alle esigenze commerciali, concerti live a pacchi. Per i primi mesi di vita la formazione del gruppo è in continuo cambiamento, con chitarristi che spesso suonano un solo concerto e poi scompaiono per sempre.
Poi arriva la svolta: è il 1995, il chitarrista Jim Root si unisce al gruppo e pone fine alla ricerca del componente numero 4. Passano però solo 2 anni e Taylor lascia la band per unirsi agli Slipknot, seguito 1 anno dopo anche da Root.
Gli Stone Sour sembrano aver terminato la loro parabola: Ekman mette su famiglia ed Economaki diventa stage manager dei 'Knot. Ma nel 2000 Josh Rand, chitarrista e vecchio amico di Taylor, va dal cantante e gli propone una serie di brani sui quali lavora da un pezzo.
I due si mettono al lavoro e sfornano l'ossatura di quello che nell'estate del 2002 diventa l'album d'esordio dei rinati Stone Sour: lineup originale + Jim Root + un brano nella soundtrack di "Spider-Man" ("Bother").
Il risultato è che l'omonimo "Stone Sour" fa il botto: la critica applaude, il pubblico pure e il disco diventa di platino, aggiudicandosi due nomination ai Grammy e consacrando un ingresso di spessore nel mondo del rock duro.
Gli anni che seguono sono spartiti con gli Slipknot e nonostante Taylor assicuri che gli Stone Sour non sono un semplice progetto parallelo, bensì una vera e propria full-time band, finisce che ci vuole un po' per rivederli tornare al lavoro sul disco numero 2.
Per l'esattezza, bisogna aspettare gennaio del 2006, quando Taylor e soci entrano in studio per lavorare a "Come What(Ever) May" (che arriva nell'estate del 2006).
Fra l'inizio dei lavori e l'uscita nei negozi c'è pure un cambio di formazione: a causa di una seria malattia del figlio, Joel Ekman è costretto a piantare tutti in asso. Perché il lavoro non si fermi viene chiamato il batterista Roy Mayorga, che termina la registrazione dell'album e all'inizio di maggio diventa il nuovo membro ufficiale della band.