Sum 41

Sum 41: ultimi video musicali

The Hell Song

Video Musicali

Walking Disaster

Video Musicali

Pieces

Video Musicali

Still Waiting

Video Musicali

In Too Deep

Video Musicali

Were All To Blame

Video Musicali

The Hell Song

Video Musicali

Underclass Hero

Video Musicali

Sum 41

Super metal-punk-pop debordante.
I Sum 41 si formano nel 1996 ad Ajax (nei dintorni di Toronto, Canada), dalla fusione di due band di liceo rivali. Nell'estate del 1996 i cantanti e chitarristi Deryck Whibley (in arte Bizzy D, classe 1980) e Dave Baksh (Brownsound, 1980), il batterista Steve Jocz (Stevo, 1981) e il bassista Jay McCaslin (Cone, 1980) sotterrano l'ascia di guerra per formare un unico gruppo, ribattezzato Sum 41 perché il combo nasce d'estate (Sum da summer) e 41 giorni prima dell'inizio del nuovo anno scolastico.
Dopo tre anni di esperienze live sui palchi dei locali canadesi e un centinaio di demo spedite a tutte le label possibili e immaginabili, sul finire del 1999 i quattro vengono contattata dalla label Island, impressionata dall'energia punk e dalle melodie che la band riesce a infondere alle canzoni. In pochi mesi ci compie l'ascesa dei Sum 41: dai demo registrati in cantina si passa al primo EP "Half Hour Of Power" (2000) con relativo videoclip ("Makes No Difference").
Il secondo passo verso la gloria è il Vans Warped Tour al fianco di nomi grossissimi: Offspring, Blink 182 e New Found Glory. Al termine del tour i Sum 41 si richiudono in studio e ne escono nel 2001 con l'album "All Killer No Filler", 13 canzoni di punk adrenalinico prodotte da Jerry Finn (Green Day). La forza dirompente metal-pop di alcune granate come "Fat Lip" (che diventa una hit mostruosa), "In Too Deep" e "Motivation" mettono in chiaro il ruolo dei Sum 41 nel musicbiz: 'tutto arrosto e niente fumo', come dice il titolo. Per tutto il resto di quella magica stagione la band mette a ferro e fuoco le platee di mezzo mondo con un tour planetario e le televisioni. Il 2002 è l'anno della partecipazione alla colonna sonora di "Spider-Man" (con il pezzo "What We're All About") e dell'uscita di un CD biografico ("Maximum Sum 41") che contiene musica, interviste e contenuti multimediali. Ma è soprattutto l'anno del nuovo disco, "Does This Look Infected?", l'album della consacrazione definitiva anticipato dal potente singolo "Still Waiting". La cover è in stile horror B-movie, i testi toccano argomenti più seri (l'AIDS, ad esempio) e i brani riescono a scatenare un'energia pazzesca. Chitarre al calore bianco e sezione ritmica cingolata assorbono e travolgono post-grunge, punk, metal, pop, hardcore, senza sacrificare un'oncia di melodia.
Ormai i Sum 41 sono un'entità a sé stante, definita e a suo modo originale. E con un senso dell'umorismo tutto particolare: Deryck e soci si creano degli alter ego metallari, i Pain For Pleasure, che fanno capolino alla fine del video "Fat Lip" e progettano addirittura un album solista (di cui poi non si saprà più nulla). Intanto continuano a macinare gloria: dopo l'uscita di "Does This Look Infected?" infilano 200 concerti, presenziano spesso in televisione, al Late Show di David Letterman, al Late Night di Conan O'Brien e su Mad TV, e infine vengono chiamati da Sua Maestà l'Iguana Iggy Pop per partecipare al suo disco "Skull Ring" (2003).
Il quartetto si mette a disposizione dell'associazione umanitaria War Child, che a maggio del 2004 li spedisce in Congo per realizzare un documentario sulle conseguenze del perenne stato di guerra nel paese. Una zona ad alta tensione in cui i rischi sono altissimi: i Sum 41 si trovano coinvolti in un conflitto a fuoco e scampano alla pioggia di pallottole solo grazie all'intervento dell'operatore ONU Chuck Pelletier. Tornati nel tranquillo Canada, i quattro immortalano il loro salvatore dedicandogli il nuovo album, che porta appunto il titolo "Chuck". Prodotto dal fido Greig Nori, collaboratore di vecchia data, il disco riesce a essere ancora più duro e melodico dei precedenti - il singolo "We're All To Blame" parla chiaro.
Nel 2004 Whibley comincia a frequentare la popstar Avril Lavigne, una love story che ben presto si trasforma in un fidanzamento ufficiale con viaggio in gondola a Venezia e una proposta di matrimonio che prende forma nel 2006. Ma il 2006 è anche l'anno dell'abbandono di Dave Baksh, che forma una sua band per poter suonare - parole sue - un metal dal sound più classico.
Rimasti orfani del chitarrista, invece di rimpiazzarlo la band si trasforma in un power trio e si butta nella stesura di un nuovo lavoro. "Underclass Hero", scritto e prodotto interamente da Whibley, raggiunge i negozi durante l'estate del 2007 e ricalca musicalmente lo stile punk-rock che ha resi celebri i Sum 41. Ad anticipare il disco c'è ovviamente un singolo, l'omonimo "Underclass Hero" ma anche il brano "March Of The Dogs", disponibile esclusivamente on line.