Tesla

Tesla: ultimi video musicali

Gettin' Better

Video Musicali

Little Suzi

Video Musicali

Signs

Video Musicali

Hang Tough

Video Musicali

Need Your Lovin'

Video Musicali

Call It What You Want

Video Musicali

Lazy Days, Crazy Nights

Video Musicali

Taste Like

Video Musicali

Tesla

Jeans, maglietta, poche ciarle e tanto rock'n'roll. I Tesla nascono così, già controcorrente in un'epoca in cui andavano di moda capelli cotonati, tutine in pelle e chili di trucco in faccia.
Rock star atipiche, i cinque ragazzi di Sacramento formano la prima band all'inizio degli anni Ottanta, la chiamano City Kidd e si guadagnano una certa fama a livello locale. Nel 1985 la svolta: Jeff Keith (voce), Frank Hannon (chitarra), Tommy Skeoch (chitarra), Brian Wheat (basso) e Troy Lucchetta (batteria) ottengono un contratto con la Geffen, entrano in studio a registrare il loro primo disco e decidono di trovarsi un nuovo nome. Su consiglio del manager, il nuovo monicker si ispira alla figura di Nikola Tesla, eccentrico inventore e ingegnere elettrico nato nel diciannovesimo secolo.
I Tesla debuttano nel 1986 con "Mechanical Resonance", album di pop-metal impreziosito da influenze blues e hard-rock anni Settanta. Nell'epoca del glam, mentre sintetizzatori e sovraincisioni la fanno da padrona, il gruppo di Sacramento punta tutto su chitarre, voce, basso e batteria, sfornando un rock sincero con una travolgente carica live.
Il singolo "Modern Day Cowboy" entra nella Top 40, "Mechanical Resonance" vende bene e la casa discografica decide di aspettare il momento giusto per mandare la band on the road. I ragazzi tornano ai loro vecchi lavori, ma l'attesa non è lunga: David Lee Roth li vuole come gruppo d'apertura, poi i Tesla partono per una tournée in Europa e aprono qualche show di Alice Cooper. Prima di rientrare in studio, c'è anche il tempo per un tour mondiale di otto mesi insieme ai Def Leppard.
Nel 1989 i Tesla lanciano il disco che li fa sfondare definitivamente. "The Great Radio Controversy" entra nella Top 20 e lancia tre singoli scalaclassifiche: "Heaven's Trail (No Way Out)", "The Way It Is" e soprattutto la ballad "Love Song", forse la canzone più amata e famosa della band.
Entrati nel giro grosso, i Tesla continuano a mantenere un basso profilo rispetto al cotonato mondo glam che li circonda. Anzi, muovono addirittura un passo verso il minimalismo nel percorso che porta a "Five Man Acoustical Jam" (1990). Durante il tour di promozione a "The Great Radio Controversy", su invito di Queenie Taylor, leggendaria promoter di San Francisco, la band organizza una serie di concerti acustici che, nonostante qualche perplessità iniziale, fanno andare i fan fuori di testa.
I Tesla, nella nuova dimensione unplugged, ci stanno felici come dei bambini la mattina di Natale, "Signs" - cover della Five Man Electrical Band suonata in radio quasi per caso - scala le classifiche, alla fine diventa logico e naturale registrare un album. "Five Man Acoustical Jam", uno dei più grossi successi commerciali della band, diventa un lavoro pionieristico, che aiuta a inaugurare la dorata stagione dei live acustici immortalata dalla leggendaria serie degli MTV Unplugged.
Nel 1991 i cinque di Sacramento tornano alla carica con il terzo studio album, "Psychotic Supper". Suonato quasi in presa diretta, onesto e conciso, il disco vende bene – pur senza piazzare hit al livello di "Signs" o "Love Song" – e riesce a tenere testa ai nuovi fenomeni grunge che iniziano a conquistare i negozi di dischi. Per promuovere il disco, i Tesla vanno per la prima volta on the road come headliner negli stati uniti. Più in alto di così non si può andare, e il vento che soffia da Seattle spazzerà via buona parte della guardia del pop-metal anni Ottanta.
I Tesla, contrariamente a molti colleghi, sembrano incassare bene il cambiamento di mercato: "Bust A Nut" (1994) vende più di ottocentomila copie, un gran risultato vista l'aria che tira. I problemi, però, arrivano su altri fronti: la dipendenza dai tranquillanti di Tommy Skeoch diventa ingestibile, il chitarrista si prende una pausa per entrare in riabilitazione e la band va avanti senza di lui. Come quartetto, però, i Tesla non funzionano, manca qualcosa della magia di un tempo e nel 1996 Keith e soci decidono di sciogliersi.
Proprio Keith e Skeoch, nel 1998, si rimettono a fare musica insieme, fondando i Bar7 e riprendendo il discorso musicale lasciato in sospeso con i Tesla. Nel 2000 il nuovo gruppo pubblica "The World Is A Freak", disco in cui risulta evidente quanto peso artistico avessero Keith e Skeoch nella loro band storica. I fan lo capiscono, i musicisti lo capiscono e con il chitarrista nuovamente in salute non c'è motivo per non rimettere in pista la vecchia truppa.
Jeff, Tommy, Frank, Brian e Troy tornano a suonare insieme per qualche data celebrativa, ma la reunion del 2001 ha un successo tale da portarsi dietro un tour di sette mesi. L'accoglienza è calorosa, lo smalto quello dei tempi d'oro e la band si trova per le mani tanto materiale da decidere di pubblicare un doppio album live, "RePlugged Live" (2001).
Nel 2002 il rock old-style suona la riscossa, e i Tesla prendono parte insieme a Dokken, Skid Row e Vince Neil al Rock Never Stops Tour, festival itinerante di vecchie glorie anni Ottanta.
Sull'onda dell'entusiasmo, i Tesla decidono di tornare in studio per pubblicare, a dieci anni di distanza, il successore di "Bust A Nut". Co-prodotto con Michael Rosen (già in cabina di regia con Testament e AFI), "Into The Now" (2004) è un album potente, melodico e rock'n'roll fino al midollo. Fan vecchi e nuovi lo apprezzano, il disco entra nei primi trenta della Billboard charts e la band torna on the road.
Durante il tour, Skeoch è nuovamente fermato da problemi di dipendenza, ma si ripulisce e rientra nei ranghi abbastanza in fretta.
Nell'estate del 2006, con il sesto capitolo discografico in fase di lavorazione, i Tesla partono per l' Electric Summer Jam Tour con Dave Rude a fare compagnia a Frank Hannon alle sei corde. Tommy Skeoch, spiega il sito ufficiale, è nuovamente fuori dal gruppo. Questa volta, però, in modo indolore: da poco diventato padre, ha deciso di dedicare più tempo alla sua famiglia. Salutato un pezzo della loro storia, i Tesla vanno avanti per la loro strada.