The Maccabees

The Maccabees: ultimi video musicali

The Maccabees - Spit It Out

Video Musicali

The Maccabees - Spit It Out

Video Musicali

The Maccabees - Something Like Happiness

Video Musicali

The Maccabees - Pelican

Video Musicali

The Maccabees - Feel To Follow

Video Musicali

The Maccabees - Toothpaste Kisses 2

Video Musicali

The Maccabees - Precious Time

Video Musicali

The Maccabees - Empty Vessels

Video Musicali

The Maccabees

Indie rock in purezza.
La zona a sud di Londra è nota soprattutto per la drum'n'bass e per il dub, ma nel 2004 qui si forma una band che propone un sound indie rock al 100%. Tutto inizia quando Orlando Weeks (voce) e Robert Dylan Thomas (batteria) si trovano dopo la scuola a scrivere canzoni nella cameretta del primo. Nel 2003 al duo si aggiungono Rupert Jarvis (basso) e Hugo White (chitarra) e poco dopo fa il suo ingresso anche Felix White. La line up è al completo: sono nati i Maccabees.
Basta poco tempo e la band ha già pronto il primo singolo che arriva sugli scaffali dei negozi nel 2005 con il titolo "X-Ray". Il pezzo va alla grande e viene trasmesso dalle più importanti stazioni radiofoniche. Ovviamente un sound del genere non ci mette molto ad attirare l'attenzione di una label e così si fa avanti la Fierce Panda Records che pubblica il singolo "Latchmere" nel 2006.
Ormai le basi per un futuro successo sono buttate, soprattutto dopo che NME definisce la band "the best new band in Britain". Iniziano i live e i Maccabees dividono il palco con tantissime band tra cui The Horrors, The Dykeenies e The Fratellis, per l'NME Rock 'n' Roll Riot Tour a ottobre del 2006, e Fields, ¡Forward, Russia! e Wolfmother per il Brand Spanking New Music tour. Purtroppo un piccolo inconveniente costringe la band a rimpiazzare momentaneamente Robert (a casa con il braccio ingessato) con il batterista Elliott Andrews.
Tra un concerto e l'altro il gruppo trova anche il tempo per registrare il suo disco di debutto che esce a maggio del 2007. Preceduto dai singoli "First Love" e "About Your Dress", "Colour It In" è una vera esplosione di poetico indie rock, profondo e sorprendente.
Segue un tour promozionale in giro per il mondo dopo il quale la band torna di nuovo in studio di registrazione per preparare un follow up degno del successo del disco di debutto, senza ovviamente dimenticare di partecipare ai più importanti festival estivi europei.