The Paddingtons

The Paddingtons

Esplosivo post-punk.
I Paddingtons si formano a Hull, Inghilterra, nel 2002 quando i due amici d'infanzia Tom Atkin (voce) e Josh Hubbard (chitarra) incontrano Marv Hines (chitarra), Lloyd Dobbs (basso) e Grant Dobbs (batteria). Dopo un paio d'anni passati a fare la gavetta, nel 2004 sfornano "21", il loro singolo d'esordio e l'anno successivo altri tre singoli: "Panic Attack", "50 To A Pound" e "Sorry".
A ottobre arriva sugli scaffali dei negozi il primo disco della formazione, "First Comes First", che regala alla band un nutrito numero di fan. Il loro post-punk energico e innovativo tra aprile del 2005 e novembre dell'anno successivo travolge gli ascoltatori di mezzo mondo: 150 elettrizzanti date tra cui anche partecipazioni a eventi come T in the Park e Reading And Leeds Festivals.
Nonostante il successo a un certo punto il gruppo, annoiato e disilluso dalla scena musical, decide di mollare tutto e tornare a fare una normale vita da ragazzi comuni. Ma la musica è troppo importante per questi cinque ragazzi che, dopo essersi spostati a Glasgow, nel 2008 decidono di tornare a far parlare sè. In realtà è un po' di tempo che la scena musicale si è accorta del loro imminente ritorno grazie a qualche concerto qui è lì e a qualche apparizione a eventi come Love Music Hate Racism.
Preceduto dai singoli "Stand Down" e "What's The Point In Anything New", a novembre del 2008 esce il tanto atteso secondo disco dei Paddingtons. "No Mundane Options" è un disco maturo e studiato che dimostra senza ombra di dubbio che la band è tornata e che il suo post-punk è pronto per conquistare il mondo. Parte ovviamente un tour promozionale che vede la band tornare su suolo italiano dopo 3 anni di assenza.