Theory Of A Deadman

Theory Of A Deadman: ultimi video musicali

Santa Monica

Video Musicali

Bad Girlfriend

Video Musicali

Hurricane

Video Musicali

By The Way

Video Musicali

So Happy

Video Musicali

Hate My Life

Video Musicali

Straight Jacket

Video Musicali

Savages (feat. Alice Cooper)

Video Musicali

Theory Of A Deadman

L'ennesima band che fa death metal? Non proprio, ma soprattutto una band che non si confonde con la massa. Perché? Vi diamo due motivi: i loro connazionali e colleghi Nickelback e il supereroe dark Spider-man. I primi hanno creduto nei Theory of a Deadman fin dall'inizio, arrivando a scritturarli per la loro etichetta. Il secondo…beh, accontentatevi di sapere che il secondo ha svolazzato per i cieli di New York ascoltandoli a palla!
Per arrivare a tanto, però, bisogna regredire fino al 1999, quando i Nickelback stanno per esplodere come una delle band più importanti in Canada. Tyler Connolly, cantante e chitarrista dei Theory, capita per caso ad esibirsi ad una festa nella natia Vancouver, dove – fra gli ospiti – c'è anche Chad Kroeger, leader dei suoi concittadini ben più noti. Un amico comune li fa incontrare e, contro tutte le aspettative negative dell'aspirante star, Chad ascolta un loro demo e se ne innamora.
Poco dopo li mette sotto contratto sulla sua etichetta, la 604 Records (fondata da poco con il produttore Jonathan Simkin e con i Default in scuderia). Consequenziale poi il legame con la Roadrunner Records, la major specializzata in hard-rock e metal per la quale i Nickelback incidono.
La band – Connolly (voce e chitarra), Dave Brenner (chitarra), Dean Back (basso) e Tim Hart (batteria) – entra subito ai Greenhouse Studios di Vancouver per registrare l'album d'esordio, con la co-produzione di Chad e Joey Moy. E, avere l'autore di hit come “How You Remind Me” e “Too Bad” alla regia è sicuramente una manna caduta dal cielo: “Chad è uno dei ragazzi più svegli che conosca” conferma Tyler. “Non devi mai preoccuparti di avere una canzone che difetti di qualcosa, perché lui colmerà sempre le lacune con una grande armonia o con chissà cosa. Quando è andato via, abbiamo continuato a registrare e a mandargli le canzoni, dovunque diavolo fosse. Lui le avrebbe ascoltate e detto 'Sì' o 'No', 'Provate a fare così' o 'Mi piace, continuate così'.”
Mentre i Theory sono in studio, a Chad (ormai già proiettato nell'Olimpo del rock internazionale grazie al successo di “Silver Side Up”) viene chiesto di scrivere una canzone per la colonna sonora del blockbuster-movie “Spider-man”, del maggio 2002: insieme a una squadra di musicisti di grande talento (Josey Scott dei Saliva, Matt Cameron dei Pearl Jam e Soundgarden e lo stesso Connolly) incide “Hero”, la cui b-side è “Invisible Man” dei Theory of a Deadman. Il brano piace talmente ai produttori del film da essere incluso nella OST originale. La stessa canzone apre le danze dell'LP d'esordio, “Theory of a Deadman”, che arriva nell'ottobre dello stesso anno: una collezione di suoni post-grunge chitarristici e ricchi di armonia che rappresentano perfettamente le due influenze primarie di Connolly. Da una parte il rock classico di leggende come Led Zeppelin e The Doors, dall'altra il Seattle sound di Nirvana e Pearl Jam danno vita a quello che potrebbe definirsi riff-rock moderno, aggressivo e melodico al tempo stesso, attraente sia per i teenager e che per un pubblico più maturo.
Con un tipo di songwriting che predilige storie reali, facilmente comprensibili all'ascoltatore, Connolly sembra andare a segno grazie a brani come il primo singolo “Nothing Could Come Between Us” (lei ama lui ma lui no, una trama pesante ma un groove orecchiabilissimo) e “Last Song”, una ballad da cui è nata l'idea del nome del gruppo. Infatti inizialmente doveva intitolarsi “Theory of A Deadman” e quando si ascoltano le parole si capisce perché: il protagonista è un ragazzo che scrive le sue memorie prima di suicidarsi, affrontando la situazione da un punto di vista inaspettatamente positivo.
Insomma: misery-rock che – a giudicare dal successo di Staind, Puddle of Mudd e Nickelback – piacerà a un vasto pubblico.
E allora, la prossima volta che andrete a una festa, pensate che potreste fare l'incontro che cambierà la vostra vita, per sempre. Proprio come è successo a Tyler e soci.