Tomcraft

Tomcraft

Alfiere inarrestabile della club culture, Tomcraft – testa pelata, loop ipnotici – è uno dei guru europei della scena trance-dance.
Tom Brucker nasce a Monaco di Baviera, in Germania, e comincia da adolescente a giostrare con i piatti nei club. Il talento non comune richiama l'attenzione della Kosmo Records, etichetta (con sede proprio a Monaco) fondamentale per la dance. A partire dal 1995, Tomcraft inanella, anno dopo anno, una sfilza di singoli di successo sempre maggiore nel circuito dei club, e non solo; brillano "Mind" (1997), "The Circle" (1998) e "Powerplant" (1998), che finisce, insieme alla prima, nella colonna sonora della serie tv X-Files.
Tomcraft diffonde la sua musica sia attraverso compilation, come la "Global Underground: San Francisco" (1999) di Sasha, sia con la sua attività di DJ, apprezzata in tutto il mondo: si esibisce nei rave più massicci (Love Parade, Mayday, Energy), suona in club di super tendenza come lo Space di Ibiza e il Dorian Gray di Francoforte, spopola oltreoceano (a Denver, Boston, Miami, New York, Los Angeles, Chicago, San Francisco), ma anche in Australia, Giappone, Nuova Zelanda.
Lavorando insieme al produttore Eniac (all'anagrafe Robert Bormann) cesella hit da classifica: "The Mission" (1999), "The Lord" (1999), con campionamenti da "Pulp Fiction", "Prosac" (2000) e "Overdose" (2001). Nel 2000 "Versus" miete grandi successi e vale a Tomcraft la vittoria come miglior artista dance agli Echo 2002. Il disco "All I Got" (2001) raccoglie tutti suoi pezzi e i suoi mix più ballati, consacrandolo ai vertici della scena dei club europea e punto di riferimento della trance generation.
Sul finire del 2002 registra un'altra grande hit con "Loneliness", che prepara il terreno alla pubblicazione del secondo LP, "Muc" (gennaio 2003), questa volta sotto Urban.