Tre Allegri Ragazzi Morti

Tre Allegri Ragazzi Morti

Tre allegri ragazzi morti (spesso abbreviato in TARM) è un gruppo musicale formatosi nel 1994 a Pordenone, in Friuli.

Il chitarrista e fumettista Davide Toffolo iniziò a suonare alla fine degli anni settanta, quando Pordenone, più che altro per la sua vicinanza alla base militare statunitense di Aviano, divenne una delle città più rilevanti per il punk rock italiano. Questo grazie ad un movimento di giovani musicisti pordenonesi chiamato Great Complotto, dal quale usciranno una miriade di piccoli gruppi punk rock e new wave che però avranno quasi tutti breve vita. Tra questi anche i Futuritmi (1983-1990), nella cui formazione, oltre a Toffolo, militava anche Gian Maria Accusani, leader dei Prozac+. I Tre allegri ragazzi morti nacquero, in questo clima particolarmente attivo, per iniziativa di Toffolo e del batterista Luca Masseroni (in arte Luca Casta), ai quali si unirà per il singolo Si parte il bassista Enrico Molteni,che era tra gli spettatori dei primi concerti della band e che prende il posto del primo bassista del gruppo. Dopo la pubblicazione di tre singoli, perlopiù ignorati dalla critica, uscì il primo LP del gruppo, Piccolo intervento a vivo, un album che unisce al suo interno registrazioni live di canzoni già presenti nelle precedenti pubblicazioni, e tracce in studio inedite. L'album richiamò l'attenzione di alcune case editrici, tra cui la BMG Ricordi, che mise la band sotto contratto per il successivo LP, Mostri e normali. Il sodalizio con l'etichetta durò molto poco, poiché subito dopo i TARM aprirono una loro etichetta personale, La Tempesta Dischi, con la quale pubblicarono Il principe in bicicletta, un EP scaricabile esclusivamente dal sito ufficiale, e i seguenti album in studio. La Tempesta Dischi attualmente pubblica i lavori dei TARM e quelli di altri artisti come Il Teatro degli Orrori, Giorgio Canali, Moltheni e Le luci della centrale elettrica; nel corso dell'edizione 2010 del MEI (Meeting Etichette Indipendenti) La Tempesta viene insignita del PIMI per la migliore etichetta.

La band ha deciso di non donare la propria immagine ai media e di immaginarsi dentro la matita di Davide Toffolo, popolare disegnatore di fumetti, e di nascondersi inoltre dietro maschere/teschio divenute feticcio e simbolo dell'immaginario evocato dai testi e soprattutto dagli spettacoli live, al punto di pregare il pubblico di non scattare fotografie quando levandosele mostrano il viso. Per le poche interviste rilasciate a televisioni più o meno famose si coprono ancora il volto con la medesima maschera.

Nell'ottobre 2005 la band si reca in tour in Uruguay e Argentina, con altri gruppi della regione (Arbegarde, Kosovni Odpadki e Kraški Ovčarji). Nel 2008 la band compare durante un'esibizione in "Come Dio comanda" di Gabriele Salvatores, partecipando anche alla colonna sonora.

A partire dal settembre 2008, Davide Toffolo pubblica in tre volumi per Coconino Press l'edizione definitiva (compreso il finale inedito) di Cinque Allegri Ragazzi Morti, la serie a fumetti dal cui immaginario sono nati i TARM. Ognuno dei tre volumi contiene un CD della band di Pordenone: il primo è un "Best of" dal 2000 al 2007, il secondo una raccolta di rarità, il terzo invece è Mondo Naif (1994), disco d'esordio della band.

Il 5 marzo 2010 esce Primitivi del futuro, il sesto album ufficiale dei Tre allegri ragazzi morti, caratterizzato dall'esplorazione di nuove sonorità dub e reggae con "ritmi in levare e sfumature caraibiche". A distanza di nove mesi, il 14 dicembre viene pubblicato Primitivi del dub, rielaborazione dub dell'album precedente in pieno stile jamaicano.

L'album è prodotto e "dubbato" da Paolo Baldini di Alambic Conspiracy (B.R. Stylers, Africa Unite, Dub Sync), che si è già occupato del missaggio di Primitivi del futuro. La pubblicazione dell'album è stata preceduta il 2 dicembre dalla distribuzione digitale dell'EP XL Dub Sessions in collaborazione con XL di Repubblica.

Da sempre interessati a Pier Paolo Pasolini, dopo avergli dedicato varie attività in passato, il trio di Pordenone torna da marzo 2011 in tour nei principali locali d'Italia, non solo con le proprie canzoni, ma anche con attività creative (a cura di Davide Toffolo) riguardanti proprio il celebre regista e scrittore italiano.

I Tre allegri ragazzi morti sono soliti registrare delle cover di brani famosi (ne è presente quasi una in ogni album pubblicato). La maggior parte sono tradotte da canzoni in inglese, con arrangiamenti e testi in genere molto fedeli agli originali. Quelle pubblicate finora sono:

Il testo è disponibile secondo la "licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo"; possono applicarsi condizioni ulteriori.

Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.

Autori del testo originale riprodotto sopra.